Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 19 Agosto 2017 - 18:16

In arrivo altri 20 profughi

profughiAltri 20 profughi a San Mauro ospitati in un immobile privato in via San Crispino, requisito della Prefettura di Forlì-Cesena per renderlo idoneo. A darne notizia è il comune di San Mauro in una nota stampa.

“Si tratta di un provvedimento di requisizione di un immobile a destinazione d'uso industriale e artigianale che si trova in via San Crispino – spiega il sindaco Luciana Garbuglia messa al corrente dalla Prefettura dell'imminente provvedimento, nel rispetto degli accordi tra governo territoriale e sindaci dell'Unione Rubicone - L'immobile sarà destinato all'accoglienza solo dopo gli interventi di adeguamento igienico sanitari per renderlo idoneo alla residenza, con un provvedimento che si conclude a dicembre 2017. La requisizione è lo strumento giuridico necessario per trasformare l'immobile ai fini residenziali e viene remunerata direttamente al privato. Un intervento che la Prefettura ha facoltà di mettere in essere poiché, secondo le nuove ripartizioni nazionali e regionali, ciascun territorio si impegna ad accogliere i richiedenti asilo, il cui numero continua incessantemente a crescere. Pertanto si tratta di una misura, questa, indifferibile ed urgente, nel rispetto del protocollo sull'accoglienza a cui siamo chiamati come territori stante l'emergenza nazionale: un'accoglienza che ad oggi fissa una percentuale di tre richiedenti asilo ogni mille abitanti nei territori comunali”.

Sarà la Prefettura ad indire il bando pubblico per individuare il soggetto che sarà incaricato di gestire tutto il progetto di accoglienza e la permanenza dei richiedenti asilo a San Mauro.

“L'Amministrazione comunale sarà coinvolta in questo percorso di accoglienza e si impegnerà a monitorare tutta la situazione. - assicura il sindaco - Per San Mauro Pascoli una prima esperienza di accoglienza è già stata fatta ed è tutt'ora in essere con riscontri più che positivi: siamo fiduciosi che la Prefettura saprà individuare un gestore altrettanto attento e capace anche per l'accoglienza in via San Crispino. I sei ragazzi che ospitiamo dallo scorso aprile, non solo sono seguiti attraverso un percorso che consenta loro una integrazione nel luogo ospitante, ma stanno dando anche una mano alla comunità attraverso lavori utili, coordinati dagli operai del nostro Comune. La Prefettura dà corso a questa accoglienza che saprà coniugare conoscenza reciproca, rispetto e soprattutto un'ottima collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti, compresa l'Amministrazione comunale”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI