Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 26 Giugno 2017 - 18:50

Mattia e Joana: primi sammauresi 2017

Miniscarpa 2017È Mattia Galassi il bimbo primo nato dell'anno a San Mauro Pascoli, precisamente l'1 gennaio 2017. Mentre è una femmina, Joana Roccoli, la bimba sammaurese doc, nata cioè in casa a San Mauro Pascoli il 7 febbraio 2016. Sono loro i sammauresi di domani a cui il Comune di San Mauro Pascoli ha voluto dare il benvenuto nella comunità consegnando alle famiglie la Miniscarpa d'oro realizzata dal ciabattino Mimmo Boetti: due splendide miniature di calzatura che rendono omaggio alla peculiarità di San Mauro paese dei calzolai. La cerimonia di consegna delle targhe con la scarpetta si è tenuta sabato 11 marzo in municipio alla presenza del vicesindaco Cristina Nicoletti e dell'assessore Stefania Presti che hanno dato il benvenuto a Mattia e Joana e, con loro, a tutti i nuovi arrivati nella comunità.

“Festeggiamo Joana e Mattia e con loro tutti i nuovi arrivati a San Mauro Pascoli – ha commentato il vicesindaco Cristina Nicoletti, che ha colto l'occasione anche per snocciolare un po' di dati sull'andamento demografico di San Mauro - con loro possiamo avere fiducia in un futuro possibile per la nostra comunità. L' indice di natalità del nostro comune e il saldo naturale tra nati e morti ci fanno infatti ben sperare.  Nel 2016 infatti i nuovi nati sono stati 110 (52 maschi e 58 femmine), mentre i morti sono stati 85. A questo si aggiunga che a San Mauro sono più gli arrivi di nuovi residenti (476) rispetto a chi invece lascia il paese (415), e al 31.12.2016 la popolazione residente ha raggiunto quota 11776 (l'anno precedente eravamo 11690): la popolazione sammaurese dunque, seppur in maniera contenuta, continua a crescere”. Sull'aumento della popolazione residente si nota inoltre che a incidere sia l'aumento della popolazione italiana che dai 10245 residenti del 2015 passa ai 10346 del 2016 (+  101 unità); mentre diminuisce la popolazione straniera che passa dai 1.445 residenti del 2015 ai 1430 del 2016 (-15 unità). La cittadinanza più rappresentata, dopo quella italiana, è quella albanese che conta 572 unità, a seguire troviamo quella marocchina (275), quella cinese (166) e quella rumena (99). Il numero delle famiglie ha raggiunto quota 4.700.

“La nostra comunità cresce lentamente, ma non si ferma, – ha concluso il vicesindaco – è senza dubbio una comunità multietnica dove il saldo positivo tra nuovi nati e morti ci induce a vedere nella scuola la nostra priorità di intervento: continuiamo ad investire risorse per migliorare gli ambienti, che vogliamo rendere sempre più confortevoli e sicuri, e per garantire quantità e qualità dei servizi scolastici che mettiamo a disposizione dei ragazzi e delle loro famiglie. Come la nuova scuola in fase di realizzazione in via Villagrappa che ospiterà già dal gennaio 2018 un intero ciclo della scuola primaria”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

ULTIMI COMMENTI