Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 19 Agosto 2017 - 18:16

E’ magnaprit

At fat mond chilt minUi piasòiva la bèla voita e i divertimoint:
barachi, dòni, giuvachi e senza faès tent turmoint;
i suld u j avòiva lasé i su geniteur,
zenta ch’la steva ben e ch’l’avòiva sploi sa tot j uneur.
La fameia un s’l’era vleuda faè
par no bazilé a sbat mòi e fiul tot i dè,
insòma, un deva dan ma niseun e l’andeva d’acord sa tot,
fura che si prit, u n’i putòiva vdòi ma chi bigot;
par leu e’ signòur, la madòna, e’ dieval, l’inferan e tot e’ rèst,
l’era snò dal ciacri par faè quaieun i pataca e quèst u n'era unèst.
E campet acsè la su voita e i su an,
senza prublemi, pansir o trop malan.
Mo quant che fot lè, lè, par pasaè ‘d là si piò,
e scapet fura una cusòina, che gavòta piò d’acsè un s’pò,
ch’l’an ciamet e’ prit ch’u j avnes a daè l’oli saènt,
cunvòinta ch’e fos e tot pr'una mità int e’ campsaènt?
E paròiva bèla mort e ch’l’aves ormai alzaè i pì,
mo quant ch’e santet cla foila ‘d paternòstar e avmarì,
e sbranchet j occ e e raviet a doi dal fat biastòimi e imprecaziòun
ch’al zandòiva l’aria e al feva tarmaè prinfena e’ voidar
definistròun.
E e’ prit tra una giaculatoria e un
segn dla cròusa,
ui giòiva si
cavel dret da la tegna e alzend la vòusa:
     “Biastòima, biastòima, ta n’é da campaèèè...!!!

    
Valà che tra poch ut tòca ènca ma tè,
     t’avdiré che ta t la
smet ‘d biastmé,
     spèta ch’i t’ingraènfa ch’i t met in roiga e pu t’é voia tè a rugé!”



Il  mangiapreti
Gli piacevano la bella vita e i divertimenti: \ feste, donne, allegria e senza farsi tanti tormenti; \ i soldi glieli avevano lasciati i suoi genitori, \ gente che stava bene e che aveva seppellito con tutti gli onori. \ La famiglia non se l’era voluta costruire \ perché a sopportare moglie e figli tutti i giorni non voleva ammattire, \ insomma non dava fastidio a nessuno e andava d’accordo con tutti, \ tranne che coi preti, non li poteva sopportare quei bigotti; \ per lui il signore, la madonna, il diavolo, l’inferno e tutto il resto \ erano solo delle chiacchiere per imbrogliare gli imbecilli e questo non era onesto. \ Visse così la sua vita e i suoi anni, \ senza tanti problemi, pensieri o troppi malanni. \ Ma quando fu lì, lì, per passare coi più, \ venne fuori una cugina, che più bigotta di così non si può quaggiù, \ che non chiamò il prete che gli venisse a dare l’olio santo, \ convinta che fosse già per metà nel camposanto? \ Sembrava bell’e morto e che avesse oramai alzato i piedi per altre vie, \ ma quando sentì quella fila di padrenostri e avemarie, \ sgranò gli occhi e cominciò a dire delle terribili bestemmie ed imprecazioni \ che accendevano l’aria e facevano perfino tremare i vetri dei finestroni. \ E il prete tra una giaculatoria e un segno della croce, \ gli diceva coi capelli dritti dalla rabbia e alzando la voce: \ “Bestemmia, bestemmia, che la tua vita sta per finire...!!! \ Valà che tra poco tocca anche a te partire, \ vedrai che te la smetti di bestemmiare, \ aspetta che ti afferrino che ti mettono in riga e poi ha voglia tu ad urlare!”

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI