Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 24 Giugno 2017 - 12:23

I cheunt sbajì

At Fat Mond minL’avòiva lèt s’ un giurnaèl
che la voita media d’ un òm nurmaèl
l’an pasaèva i saèntazòinqu’an
e leu un avòiva zà zinquèntasèt e s’ un po’ ‘d malan.
A fè chè alòura a lavuraè cmè un nir
e a ròmpsi la scòina int chi cantir...???
E senza staèi sòura a pansaè s’l’era vèra quèl ch’e giòiva e’ giurnaèl,
poch dòp e ciapet la decisiòun e e vandet tot inquèl.
I suld garavlé ui partet in tent mucet
quant ch’ j era j an che se’ giurnaèl u j era scret.
E campet si-sèt an a la granda,
senza faès mancaè gnent e spandend a tota randa,
snò che a saèntazòinqu’an l’avòiva ancòura una saleuta ‘d  fèr,
s’ una forza d’arburtaè al muntagni e gnenca piò un maèl.
'T la bascòza però u n’avòiva e’ bèch d’ un quatròin
par cumpraès un pèz ‘d paèn e un bicir ‘d vòin.
L’arivet a campaè fenà guasi a j utaènta
zirend pr’al firi e i marché da una piaza a un’ènta,
a dmandaè s’un po’ ‘d vargògna la carità
e a racuntaè ma tot la su verità:
    
“Dé quaicosa ma ste por quaiòun d’un sgrazié,
    
ch’u s’ è sbajé a faè i cheunt e u s’è arviné!”


I  conti  sbagliati
Aveva letto su un giornale \ che la vita media di un uomo normale \ non passava i sessantacinque anni \ e lui ne aveva già cinquantasette e con un po’ di malanni. \ A far ché allora lavorare come neri \ e rompersi la schiena in quei poderi…??? \ E senza stare sopra a pensare se era vero quel che diceva il giornale, \ poco dopo prese la decisione e vendette ogni bene materiale. \ I soldi raggranellati li divise in tanti mucchietti \ quanti erano gli anni che sul giornale erano detti. \ Campò sei-sette anni grandemente, \ senza farsi mancare niente e spendendo abbondantemente, \ solo che a sessantacinque anni aveva ancora una salute fenomenale, \ con una forza da ribaltare le montagne e neanche più un male. \ In tasca però non aveva il becco di un quattrino \ per comprarsi un pezzo dì pane e un bicchiere di vino. \ Arrivò a campare fin quasi agli ottanta anni \ girando per le fiere e i mercati da una piazza all’altra con addosso miseri panni, \ a chiedere con un po’ di vergogna la carità \ e a raccontare a tutti la sua verità: \“Date qualcosa a sto povero coglione d’un disgraziato, \ che si è sbagliato a fare i conti e si è rovinato!”

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

ULTIMI COMMENTI