Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 28 Aprile 2017 - 15:58

E' mi mèstar

At fat mond chilt minMo l' òs-cia quant ch'e mnaèva, un gn'era dè ch'an ciapesmi dal bòti,
e zet parchè st'al givi mi tu l'era darnov dagl'j elt batòsti.
E pu quant ch'j andeva a zcòr sa leu, i fasòiva poch mòsi,
in feva che doi: “Mèstar, sa i li vo, ch'u i li daga e ch'u i li daga gròsi!”.
Figuresmi leu, u n'un deva sa? U j a mancaèva ènca l' autorizaziòun!
E acsè e tiret avaènti a la mèi, mo u n'avdòiva l'òura d'andaè in pensiòun.
Int e' su eutum an, 't la scola u i fot una gròsa nuvità,
gnent piò pagèli si vut, mo schedi longhi un'eternità,
bsugneva scroiv materia par materia sèl ch'l'imparaèva un sculaèr
e pu, int un èlt foi, sempra scret a maèna, e' giudoizi finaèl.
Dò pali, un s' finoiva mai e ma leu u j avnoiva maèl snò a pansaèi ma chi foi,
mo sé, duvò ch'e tulòiva la voja 'd perd e' su temp par staè a lè a j impinoi.
Int chi dè a Savgnen u j era “Le giornate della pedagogia
e una sòira e zcuròiva un sburòun 'd Bulogna sòura “Didattica e metodologia”.
Us zcuret dal schedi par  guasi tot e' temp 'd cla seraèda
e e' mi vècc mèstar e ciapet la parola par doi che leu l'avòiva veu una bèla pansaèda,
u li deva 't al maèni mi su sculer che acsè i s'li feva da par sè,
e u la racuntet cmè se fos un ròba granda quèla ch'l'avòiva invantaè,
un modi nov par educaè e istruoi stal novi generaziòun,
e pu, s'un suspoir, e get ch'l'era dispiaseu ch'e propi adès e cnes andaè in pensiòun.
Come sovente  accade, son sempre i migliori che se ne vanno!”
e get e' sburòun 'd Bulogna. “Perdere simili maestri per la scuola è un grave danno!”.

 

Il mio maestro

Ostia quanto menava, non c'era giorno che non prendessimo botte, \ e zitti perché se lo dicevi ai tuoi erano altre batoste. \ E poi quando andavano a parlare con lui, facevano poche mosse, \ dicevano solamente: “Maestro, se ci vogliono, che gliele dia e che gliele dia grosse!”. \ Figuriamoci lui, non ce ne dava a sufficienza? Gli mancava solo l'autorizzazione! \ E così tirò avanti alla meglio, ma non vedeva l'ora di andare in pensione. \ Nel suo ultimo anno, nella scuola ci fu una grossa novità, \ niente più pagelle coi voti, ma schede lunghe un'eternità, \ bisognava scrivere materia per materia cosa imparava uno scolaro \ e poi, in un altro foglio, sempre scritto a mano, il giudizio finale ben chiaro. \ Due palle, non si finiva mai e a lui il pensiero di tutti quei fogli lo faceva star male,\ ma... ssì, dove la prendeva la volontà di stare lì per tutti quegli impicci da compilare. \ In quei giorni a Savignano c'erano “Le giornate della pedagogia” \ e una sera parlava un illustre professore di Bologna su “Didattica e metodologia”. \ Si parlò delle schede per quasi tutto il tempo di quella serata \ e il mio vecchio maestro prese la parola per dire che lui aveva avuto una bella pensata, \ le dava in mano ai suoi scolari che così se lo facevano da soli il risultato, \ e la raccontò come se fosse una cosa grande quella che aveva inventato, \ un modo nuovo per educare e istruire questa nuova generazione, \ poi, con un sospiro, disse che era dispiaciuto che proprio adesso dovesse andare in pensione. \ “Come sovente accade, son sempre i migliori che se ne vanno!” \ disse il professorone di Bologna.“Perdere simili maestri per la scuola è un grave danno!”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

ULTIMI COMMENTI