Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 24 Giugno 2017 - 12:23

La furteuna

At fat mond chilt minAt fata furteuna ch’l’aveu che sgrazié,
ròbi che da st’òura l’avòiva puteu finoi ‘d bazilé.
Ah, u la j à veuda bona ch’ui putòiva scapaè e’ mort,
e doi che cla volta u n’è moiga ch’l’andes taènt fort,
L’è ‘ndaè a faè ‘na straèda ch’un la fa mai,
e dòp un gnent l’è rivat i guai.
Zò ma la calaèra, 't la vultaèda pez ch’u j è,
un caèn ‘d  cheursa un gn’è ‘ndè a travarsaè?
La inciudaè da sèch par na s-ciazaè che bastardin,
mo propi a lè e’ dè pròima i j avòiva stòis un pogn ‘d giarulin,
acsè la roda la i j à sguilé e la sbandaè ‘d qua e ‘d là
e gnenca a faèla a pòsta int che mumòint l’è rivat un camio a tota velocità.
Doi tè, l’era un camio furistir che da cla strèda un pasa moiga mai,
mo cla matòina u n’avòiva trov la su direziòun e u s’era infilé a lè par sbai.
Un gn’è staè gnent da faè,
u s’l’è vest vnoi madòs e un la puteu scansaè.
T’avdes cmè ch’u s’è ardot la su machinòina:
un gavagn, che snò a guardaèla u t ven la caèrna plòina.
I la tirat fura ch’u n’avòiva e’ vers,
dis che 't l’òspedaèl i n'i capoiva e’ da dret e e’ d’arvers.
U j è vleu òuri e òuri par arpzaèl e cusoil
che a ne sò quant ghefal ch’ui n’è  ‘ndaè de’ foil.
U n’è che sia vneu un gran casp, l’è tot sgainlé e pin ‘d duleur,
che da cla volta ui dà dan ènca e’ vent de’ dvanadeur;
mo cio, e pò zend un zir me’ signòur e prigaè la madòna dla saènta gròta,
ah, par l’ès, l’è staè un mirècval: un cheul cmè un’òura ‘d nòta!


La  fortuna
Che razza di fortuna che ha avuto quel disgraziato, \ e dire che a quest’ora di tribolare poteva aver terminato. \ Ah, l’ha avuta buona che ci poteva scappare il morto, \ e dire che quella volta non è che andasse tanto forte, \ è andato a fare una strada che non fa mai, \ e dopo un po’ sono arrivati i guai. \ Nella discesa, nella curva peggiore da fare, \ una cane in corsa non gli è andato ad attraversare? \ Ha inchiodato di colpo per non schiacciare quel bastardino, \ ma proprio lì il giorno prima gli avevano steso un pugno di ghiaino, \ così la ruota gli è scivolata e ha sbandato in qua e in là \ e neanche a farlo apposta in quel momento è arrivato un camion a tutta velocità. \ Dì tu, è un camion forestiero che da quella strada non passa mai assolutamente, \ ma quella mattina non aveva trovato la sua direzione e si era infilato lì erroneamente. \ Non c’è stato niente da fare, \ se l’è visto arrivare addosso e non l’ha potuto evitare. \ Vedessi come si è ridotta la sua macchinina, ne è rimasta poca: \ un disastro, tanto che solo a guardarla ti viene la pelle d’oca. \ L’hanno tirato fuori che non aveva il verso, era un relitto, \ si dice che nell’ospedale non ci capivano il rovescio e il dritto. \ Per rappezzarlo e cucirlo ci sono volute ore e ore \ che non so quanti gomitoli di filo ha consumato il dottore. \ Non è che sia venuto un campione, è tutto sciancato e pieno di dolori da scannatoio \ e da quella volta gli da fastidio anche il vento del dipanatoio; \ ma, ohi, può accendere un cero al signore e pregare la madonna delle grotte, \ ah, per essere, è stato un miracolo: un culo come un’ora di notte!

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

ULTIMI COMMENTI