Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 19 Agosto 2017 - 18:16

Dai de’ valzer

At fat mond chilt minPar zinquant’an un avòiva puteu supurtaè e’ bal e i balaròin,
par leu j oman ch’ j andeva a balaè l’era tot culandròin,
e pu tot da sèch, e sa l’òs-cia sèl ch’u j era ciap 't e’ zarvèl,
e cambiet upignòun, pansir e tot inquèl.
Senza piò nisona vargògna e sa madòs una smegna da caval,
e cunvinzet la mòi a cumpagnel a scola ‘d bal.
Cio, e paròiva ch’u n’un putes faè piò ‘d maènch,
e pansaé che quei ch’ il cnusòiva i n'i deva un fraènch.
E dai pu de’ valzer e dla mazurca, u n’era mai disdòi,
ui deva s’ un impegn e un geni che bsugneva ‘vdòi.
Mo ui fot una sòira ch’e paset un brot mumòint
e da cla volta u j andet vì e' sentimòint.
Dòunca, j avòiva da imparaè a faè frulé la balaròina,
taca e’ valzer, un po’ ‘d pirulèti e via se’ zoir a manzòina;
j avòiva vest cmè ch’us feva, dal provi i n’avòiva fat dal mieri
e alòura tot in pista a faè se’ seri.
I pròim frol j andet bnòin,
mo quant che e’ mèstar e ruget “frullo” par tot i balaròin,
us santet un rugiaz acsè disperaè
che ugneun us vultet spavantaè
L’era la su mòi ch’la sa ruzleva matèra sal gambi incrusaèdi
al sutèni pr’aria e al còsi neudi ch’u s’avdòiva al mudandi fiuraèdi
La i j era scapa da tal maèni cmè una pala da s-ciòp
guasi ch'la fos s’una giòstra e la j aves da ciapaè e’ fiòch
U j avòiva daè un fat spatasòu
ch’ la faset trì-quatar metar ‘d sguilòun.
La risadaza ch’ u s’alzet 't  la saèla
la s’j instichet par sempra 't la pèla,
e la vargògna ch’u n’avet
pr’un bèl pèz la ne laset.

 

Dagli  del  valzer 
Per cinquant’anni non aveva potuto sopportare il ballo e i suoi appassionati, \ per lui gli uomini che andavano a ballare erano tutti effeminati, \ e poi all’improvviso, e chissà cosa gli era successo nel cervello, \ cambiò opinione e pensiero da vero pazzerello. \ Senza più nessuna vergogna e con addosso una febbre da cavallo, \ convinse la moglie ad accompagnarlo a scuola di ballo. \ Ohi, sembrava che non ne potesse fare più a meno e non era mai stanco, \ e pensare che chi lo conosceva non gli dava un franco. \ E dagli pure del valzer e della mazurca, non era mai seduto, \ ci dava con un impegno e una finezza che bisognava averlo veduto. \ Ma ci fu una sera che passò un brutto momento \ e da quella volta gli andò via il sentimento. \ Dunque, dovevano imparare a far girare la ballerina, \ comincia il valzer, un po’ di giravolte e via col giro a mancina; \ avevano visto come si faceva, di prove ne avevano fatto in quantità \ e allora tutti in pista a fare con serietà. \ I primi giri andarono benino, \ ma quando il maestro urlò “frullo” per ogni ballerino, \ si sentì un urlaccio così disperato \ che ognuno si voltò spaventato. \ Era sua moglie che si ruzzolava per terra a gambe incrociate, \ le sottane per aria e le cosce nude che si vedevano le mutande fiorate. \ Gli era uscita dalle mani come una palla da schioppo, \  quasi fosse su una giostra e dovesse prendere il fiocco. \ Le aveva dato un tale spintone \ che fece sei-sette metri di scivolone.\ La risataccia che si alzò nella sala arrivò alle stelle \ e gli si infilò per sempre nella pelle, \ e la vergogna che ne provò \ per un bel po’ non lo abbandonò.

 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI