Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 14 Agosto 2017 - 19:13

Che tegna ch’it fa quei ch’i sòuna sempra e’ clacson

At fata zentaE par òz la scola la era finoida, i su studint u j avòiva fat e’ compit in classe d’italien
e adès se’ pach di foi infilé tla bòursa u s’avieva vers e’ purtòun pien, pien.
Sta bòursa la n’ariveva a ceudsi parchè tròpa pina par tot quèl ch’ui mitòiva,
e sa quèla sòtabraz, u s’aviet vers e’ parchègg duò ch’u j era la su machinòina.
Par tiré fura al cevi da la bascòza, che s’una maèna snò un gn’e la feva a faèl,
e puzet la bòursa sòura e’ tèt dla carozerì e pu l’arvet e’ spurtèl.
U s’infilet ‘d dròinta e via cuntent e sicheur sla “via Emilia” cmè ch’l’era abituaè
e scantarlend ‘na canzunèta, l’andeva vers caèsa par la straèda ch'e feva tot i dè.
L’era bèla me’ Beudar che da didrì u j aroiva la strumbazaèda d’un clacson,
mo acsè fort ch’e faset un saèlt e un stremal che paròiva ch’l’aves ciap e’ Parkinson.
    “Boh, sa l’òs-cia sèl che vrà! Un la j avrà moiga sa mè?”
E panset pr’un sgònd tra sè e sè.
Pu, fasend finta ‘d gnent e tiret dret par la su straèda,
mo che clacson ui deva ancòura che la paèsa ui la j avòiva da fat guastaèda.
    “E passa deficiente…!” E get pien e sla maèna ui faset segn 
cmè par doi: “Pasa pu ste tot sta pressia, t avré i tu impegn!”
Mo gnent, tacaèda didrì da leu, cla machina l’an smitòiva ‘d sunaè
e leu, ch’l’avòiva pers la pazinzia, e smuclaèva tra i dint senza savòi ch’sèl faè:
    “Mo boia d’un pataca, us pò savòi sèl ch’ut bsògna?
    Mo va a sunaè int e’ casòin imbezel dl’òs-cia, ta ne la vargògna?
    Tòh, la straèda l’è tota la tu, um fa una brèta mu mè,
    an capes ch’j epa da daè la patenta ma dla zenta acsè!”
E gend stal ròbi e calet la velocità, e mitet la freza e us tiret tot d’un caènt
par faè pasaè che sgumbié ch’e paròiva ch’un vles aèlt.
    “Va, va gnuraènt, sa tot ch’la pressia, l’è tot e tu e’ stradòun,
t’andes a sbat t’un camio, acsè t’impaèr a faè e’ sburòun!”
E cla machina l’ai paset davaènti e l’autesta, ch’u s’era bèla sbrazaè,
sa du occ cmè bega ui feva segn sal maèni verti ch’u s’avòiva da farmaè.
Mo leu un gn’e la feva a capoi sèl ch’e zarcaèva che taèl
e pu parchè tot cal brèti ch’un gn’avòiva fat gnent ‘d maèl?
J andet avaènti un ènt po’ pianin pianin fena ch’i sa farmet tut deu
e ormai sa madòs una scrofa da l’òs-cia, u sa farmet pròima leu.
E smuntet da la machina cunvòint ch’ui fos da faè al bòti sa che sgrazié,
e l’era la stèsa ròba ch’e feva ènca ch’l’aèlt, ròs tla faza e tot rasajé.
    “Ma si può sapere che cazzo vuoi, sei forse sbronzo?
    Te la vuoi finire brutto str…”
Un gn’a la faset a doila tota st’ufòisa
che che sgnòur ul farmet mitend al maèni avaènti a su difòisa:
    “Stia calmo”, ui get, “volevo solo segnalarle una scocciatura,
    sul tettuccio della sua auto c’è una borsa senza chiusura
    e dal di lì numerosi fogli bianchi sono volati via

    ed è per questo che suonavo il clacson, non per cialtroneria.”
    “Oh, mi perdoni,  mi perdoni, sono i compiti in classe dei miei studenti,
    povero me, povero me, li devo recuperare senza meno, accidenti!”
Insòma, par faèla curta, cl’òm ch’u s’era ciapaè a ne sò quant bujarì,
ui cnet ènca daè una maèna a cor drì ma chi foi ch’j era vulaè vì,
e che e’ vent l’avòiva strabighé qua e là par la straèda, ti cantir e ti fos
e ui n’era un bèl po’ di spigazì, parchè u j era pas sòura machini e camio gros!

 

che rabbia che ti fanno quelli che suonano sempre il clakson

E per oggi la scuola era terminata, i suoi studenti avevano fatto il compito in classe di italiano \ e adesso col pacco dei fogli infilato nella borsa si avviava verso il portone piano, piano. \ Questa borsa non arrivava a chiudersi perché troppo colma per tutto ciò che gli metteva, \ e con quella sottobraccio, si avviò verso il parcheggio dove la sua macchinina lo attendeva. \ Per estrarre le chiavi dalla tasca, che con un mano sola non riusciva a farlo per colpa del fardello, \ appoggiò la borsa sul tettuccio della carrozzeria e poi aprì lo sportello. \ Si infilò nell’interno e via contento e sicuro sulla via Emilia com’era abituato \ e cantarellando una canzonetta, andava verso casa per la strada che tutti i giorni aveva effettuato. \ Era oramai vicino a Budrio che da dietro gli arrivò la strombazzata di un clacson, \ ma così forte che gli fece fare un salto e venire un tremore che sembrava avesse preso il Parkinson. \ “Boh, chissà cosa vorrà! Non ce l’avrà mica con me?” \ Pensò per un secondo tra sè e sè. \ Poi, facendo finta di niente, continuò sulla carreggiata \ ma quel clacson insisteva ancora così tanto che la pace gliel’aveva rovinata. \ “E passa deficiente…!” Disse piano e con la mano gli fece dei segni \ come per dire: “Passa pure se ha tutta questa fretta, avrai i tuoi impegni!” \ Ma niente, appiccicata dietro di lui, quella macchina non cessava di suonare  \ e lui, che aveva perso la pazienza, smoccolava tra i denti senza sapere cosa fare: \ “Ma razza di scemo, si può sapere cosa ti bisogna? \ Ma va a suonare nel casino imbecille, non hai la vergogna? \ Toh, la strada è tutta tua, fa una sega a me, \ non riesco a capire che debbano dare la patente a gente come te!” \ E così dicendo calò la velocità, mise la freccia e si tirò da parte \ per far passare quel rompiscatole che sembrava non volesse cose altre. \ “Vai, vai ignorante, con tutta quella fretta, è tutto tuo lo stradone, \ andassi a sbattere in un camion, così impari a fare il cafone !” \ E quella macchina lo sorpassò e l’autista, che si era oramai sbracciato, \ con due occhi come Bega gli faceva segno con le mani aperte che era meglio si fosse fermato. \ Ma lui non ce la faceva a capire cos’è che cercava quel tale \ e poi perché tutte quelle manfrine a lui che non gli aveva fatto niente di male? \ Andarono avanti un altro po’ pianin pianino fino a che si fermarono tutti e due \ e, oramai con addosso una gran rabbia, si fermò prima lui ma sempre sulle sue. \ Scese dall’auto convinto che ci fosse da fare a botte con quel disgraziato, \ cosa che faceva anche l’altro, rosso in faccia e tutto alterato. \ “Ma si può sapere che cazzo vuoi, sei forse sbronzo? \ Te la vuoi finire brutto str…!” \ Non riuscì a terminare l’offesa \ che quel signore l’anticipò mettendo le mani avanti a propria difesa: \ “Stia calmo “, gli disse,“volevo solo segnalarle una scocciatura, \ sul tettuccio della sua auto c’è una borsa senza chiusura \ e dal di lì numerosi fogli bianchi sono volati via \ ed è per questo che suonavo il clacson, non per cialtroneria.” \ “Oh, mi perdoni, mi perdoni, sono i compiti in classe dei miei studenti, \ povero me, povero me, li devo recuperare senza meno, accidenti!” \ Insomma, per farla breve, quell’uomo che si era preso non so quante imprecazioni, \ dovette pure dargli una mano a correre dietro a quei fogli che erano volati in tutte le direzioni, \ il vento li aveva trascinati qua e là per la strada, nei campi e nei fossi \ e molti erano spiegazzati perperché  c’erano passati sopra auto e camion grossi. 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI