Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 14 Agosto 2017 - 19:13

Al marchèti

At fata zenta 001U j è un pòst a Samaèvar tra e' bar e la cisa ch'l'è cmè s'u s'j avdes,
datònda m'una paènca 'd legn u j è sempra un mucèt  'd squaiuné a lè fes.
Caèld o frèd lòu j è lè, un po' disdòi, un po' dret
ch'e paèr ch'i la j epa tolta in afet.
I piò l'è zanzarleun  ch'j à de' temp da struscié
e che tra sfrumbleun e ciacri il pasa senza bazilé.
E un dè pursì in s'n'era gnenca daè
d'una machina che 'd scaènt a lòu la s'era vneuda a farmaè.
E' vòidar de' finistròin e va zò s'un ciuladez
e us vòid Giurgin scavcé de' su pez:
    “ Sa gioiv, a vò da sgné agl'j òuri e metvi al marchèti?
    Parchè, ciooo, la vòsta l'è una fadigaza, moiga brèti!”

 
Le marchette
C'è un posto a San Mauro fra il bar e la chiesa che è come se ci fossero le apparizioni, \ attorno ad una panchina di legno c'è sempre un gruppo di scanzonati sulle loro postazioni. \ Caldo o freddo loro sono lì, qualcuno seduto, qualcuno diritto \ che sembra l'abbiano presa in affitto. \ I più sono zuzzurelloni che hanno tempo da buttare  \ e che tra strafalcioni e chiacchiere lo trascorrono senza penare. \ E un giorno qualsiasi nessuno aveva notato \  un automezzo che di fianco a loro si era fermato. \ Il vetro del finestrino va giù con un forte stridore \ e si vede Giorgio scapigliato nel modo peggiore: \ “Cosa dite, vi devo segnare le ore e mettervi le marchette? \ Perchè, ohiii, la vostra è una faticaccia, mica berette!”


I biscutin  pr’e’ malaè 
 “L’è zà al nov e mèz e a sò ancòura a quèè?
Mo bsògna ch’am sbroiga che a maròina o d’andaè,
a vagh a mudem e a daèm una pitnaèda
che a lazò l’è pin ‘d fis-ci ch’al va a spas ma la straèda.”
“T’é la mòi zòvna e du burdel znin,ta t pu staè ènca ma caèsa a faè i tu picin!”
“Doi, t vu scarzé? L’è za trè sòiri ch’an vagh zò,
sa stagh a caèsa ènca stasòira ‘d maèn i mi amoigh i ven sò,
s’aspèt ancòura a ciapaè la vì de’ maèr,
i ven a truvèm si biscutin e la marsala parchè i pensa ch’a staga maèl!”


I biscottini per l’ammalato
“Son già le nove e mezza e sono ancora qui a parlare? \Bisogna che mi sbrighi che al mare devo andare, \ mi vado a cambiare e a darmi un pettinata \ che laggiù è pieno di belle ragazze che vanno per la strada in passeggiata. \ “Hai la moglie giovane e due bambini piccolini, \ puoi anche stare a casa per  i tuoi bisognini!” \“Dì, vuoi scherzare? Son già tre sere che non vado giù, \ se sto a casa anche questa sera, domani i miei amici vengono su, \ se aspetto ancora a prendere la via del mare, \ vengono a trovarmi coi biscottini e la marsala perché pensano che stia male!

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI