Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 24 Maggio 2017 - 18:46

E’ ben di fiul

At fata zenta 001L’avòiva lavuraè cmè un sgraziadaz par tot la voita tl’òficina,  
e, sacrifoizi dòp a sacrifoizi, u s’era vanzaè una bèla castina.
Quant ch’u si spuset e’ fiol e tiret sò un meur te’ mèz,
i faset mità pr’on e ugneun l’avet e’ su pèz.
Mo u n’era gnenca pas un an che e’ fiol ui get:
    “Ba, la nòsta saèla la è tròpa znina, a stem stret,
    t’an s’pu daè cla cambartòina dri la tu cusòina
    che tanemodi tè t’an t n’un fe gnent e l’umidità la t’la arvòina?”
    “Cio, s’un s’pò faè mèi?”
U j arspundet sobit e senza pansaèi.
Tri o quatar an dòp la nora la era gròsa ‘d sgònda,
e e’ fiol l’andet darnov da e’ ba e u n’i ziret taènt datònda:
    “Ba, sèl che ta t n’un fé ‘d cla saèla che acsè granda in la j à invel?
    U n’è mèi se ta s’n’un de ‘na mità ma nòun ch’ai fem la cambra pr’i burdel?”
    “Cio, s’un s’pò fè mèi a farem cmè ch’doi tè?”
Però stavolta ui scapet un po’ da sbarbutlaè.
Un paset gnenca un ènt an e ancòura sta sturièla:
    “Ba, tè e la ma sèl ch’av n’un fe ‘d cla mèza saèla?
    An v’ò mai vest a lè ‘d dròinta a magné o faè dal bbeudi,
    u n’è mèi se ta s’la dé ma nòun ch’ai fem e’ steudi?”
    “Mè a sò d’acord, bsògna però che t’al vaga a dmandaè me’su padròun, 
    parchè mè la mi paca a la j ò vandeuda ma la fiola d’un sgnuròun
    è am sò tolt un apartamòint te’ condomigno dalongh da què,
    ta me da faè un bèl mangh tè!”


Il  bene  dei  figli 
Aveva lavorato come un disgraziato per tutta la vita in officina, \ e, sacrificio dopo sacrificio, si era guadagnato una bella casina. \ Quando gli si sposò il figlio tirò su un muro nel mezzo, \ fecero metà per uno e ognuno ebbe il proprio pezzo. \ Ma non era neanche passato un anno che il figlio gli disse così: \ “Babbo, la nostra sala è troppo piccola, stiamo stretti lì, \ non ci puoi dare quella cameretta vicino alla tua cucina \ che in ogni modo tu non te ne fai niente e l’umidità te la rovina?” \ “Ohi, se meglio non si può fare?” \ Gli rispose subito e senza pensare. \ Tre o quattro anni dopo la nuora era incinta di seconda, \ e il figlio andò di nuovo dal babbo e non ci girò tanto attorno alla faccenda: \“Babbo, cosa te ne fai di quella sala che così grande non ce l’ha nessuno dei vicini? \ Non è meglio se ne dai una metà a noi che ci facciamo la camera per i bambini?” \ “Ohi, se meglio non si può fare?” \ Però questa volta gli venne un po’ da borbottare. \ Non passò neanche un anno e ancora la solita storielletta: \“Babbo, tu e la mamma cosa ve ne fate di quella mezza saletta? \ Non vi ho mai visti lì dentro fare mangiate o festicciole, \ non è meglio se la dai a noi che ci facciamo lo studiolo?” \ “Io sono d’accordo, bisogna però che tu lo vada a chiedere al suo padrone, \ perché io la mia metà l’ho venduta alla figlia di un signorone \ e mi sono comprato un appartamento nel condominio lontano laggiù, \ mi devi fare un bel manico tu!”

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI