Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 14 Agosto 2017 - 19:13

Pchee ‘d gòula

At fata zenta 001T’una cisa furistira la s’era andaèda a cunsaè,
e a ciapaè i su pchee  ui tuchet m’un fraè.
La s’faset e’ segn dla cròusa
e pu la tachet a racuntaè s’un foil ‘d vòusa.
L’an laset indrì gnent e l’ai faset la su lesta tota intira
e pu, zeta e pantoida, la spitaèva ch’ui ges e’ patèr da doi par la prighira.
Mo pròima dla benediziòun, e va a savòi tè e’ parchè,
e’ cunsòur ui dmandet s’la j avòiva fat di pchee ‘d gòula t’j eutum dè.
E sarà ch’l’an s’l’aspitaèva sta dmanda, ch’la la ciapet guasi cmè un dispèt,
e acsè s’la vòusa stizoida la s’mitet a biasé s’una maèna se’ pèt:
    “Che sinta, mè stal ròbi se’ mi prit a li ò mes in cèr,
    e leu u m’à det che dòp a quatar fiul, mè me’ mi maroid ai pòs faè sèl ch’um paèr!”



Peccati di gola
In una chiesa forestiera si era andata a confessare, \ e ad un frate i suoi peccati capitò di raccontare. \ Si fece il segno della croce \ e poi cominciò a raccontare con un filo di voce. \ Non lasciò indietro niente e gli fece la sua lista tutta intera \ e poi, zitta e pentita, aspettava che le dicesse qual era la preghiera. \ Ma prima della benedizione, e va tu a capire cosa gli passava per la mente, \ il confessore le chiese se aveva fatto dei peccati di gola recentemente. \ Sarà che non si aspettava questa domanda che la prese quasi come un dispetto, \ e così con la voce stizzita si mise a protestare con una mano sul petto: \ “Senta, queste cose al mio prete gliele ho dette chiare, \ e lui mi ha detto che dopo quattro figli, io a mio marito posso fare ciò che mi pare!”. 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI