Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 24 Giugno 2017 - 12:23

Una voita la è sa

At fata zentaL’era dri ch’e vangaèva chi quatar sas dl’ort da un pzulòin,
ch’ui vlòiva met un po’ ‘d zvòla, un pogn ‘d pandarseul e du radisòin,
ch’l’arivet chi du spacamareun a insest
par zcòr d’un’ènta religioun e d’un ènt crest.

Ui det ‘n’uceda s’la còuda dl’òcc e senza calòur
e cmè si ni fos a gnenca e tiret dret te’ su lavòur.
Intaènt lòu i biaseva tot cagl’j òs-ci ch’i n’avòiva da doi,
e leu ui laseva faè, tanemodi u n’i steva da santoi;
i j avòiva sempra det ch’ui n’era eun snò di signeur da prigaè,
e par leu l’era tròp ènca quèl e u ni vlòiva piò pansaè.
Mo u s’incazet da bon quant ch’e santet che dòp a quèsta u j era un’ènta voita
e ch’a saresmi arturné darnov a campaè e ch’la n’era mai finoida.
     “Ste da santoi bèla zenta” e da la tegna e’ mangh dla vanga e tarmaèva
     “ò cminzé a lavuraè ch’avòiva sèt an e sa dal bòti im pagaèva,
      a simi s’una tèra acsè deura da lavuraèla,
      ch’us rumpòiva al vanghi ‘d fèr par spzaèla.
     Pu ò patoi la faèna sòta e’ fasoisum, ch’avimi una miseria da bat,
     e pr’al matiri
‘d  Muslòin, ènca la guèra ò fat.
     Am sò s-cent al brazi sa di padreun a faè e’ muradòur
     ch’i m’à ciucé ogni gòzla de’ mi sudòur.
    
U m’è mort una fiola sòta un camio ch’la n’era ancòura ‘na ragaza fata,
     la mi mòi da la boilia la s’è bota sòta e’ treno parchè la era dventa mata,
     u m’era vaènz un fiol ch’u s’è mazaé se’ mutòur còuntra un paèl,
     e adès ch’a sò vaènz da par mè e ch’a n’un pòs piò ‘d patoi de’ maèl,
     a m’avnoi a doi ch’ò d’arturnaè darnov a tiré la carèta?
     Vuilt a m’avì da faè una bèla pugnèta!
     Mè dla voita a i n’ò vu sa
‘d quèsta snò
     e, par la madòna, a n’un voi campaè piò!
     E adès tuloiv de’ caz s’an vloi ch’am toira sò la manga
     e av faza santoi sla scòina e’ bastòun dla vanga.


Una  vita  è  sufficiente
Era intento a vangare quei quattro sassi dell’orto da un pezzettino, \ che ci voleva piantare un po’ di cipolla, due ravanelli e un pugno di prezzemolino, \ che arrivarono quei due spaccamaroni a insistere in modo imprevisto \ per parlare di un’altra religione e di un altro cristo. \ Diede loro un’occhiata con la coda dell’occhio e senza calore \ e come se non ci fossero neanche tirò dritto nel lavoro che svolgeva da ore. \ Intanto loro brontolavano tutte quelle ostie che ne avevano da dire, \ e lui li lasciava fare, tanto non li stava a sentire, \ gli avevano sempre detto che ce n’era uno solo di signore da pregare, \ e per lui era troppo anche quello e non ci voleva più pensare. \ Ma si arrabbiò sul serio quando sentì che dopo di questa c’era un’altra vita \ e che saremmo ritornati nuovamente a campare e che non era mai finita. \ “State a sentire bella gente” e dalla rabbia il manico della vanga tremava,  \ “ho iniziato a lavorare che avevo sette anni e con delle botte mi si pagava, \ eravamo su una terra così dura da lavorarla    \  che si rompevano le vanghe di ferro per spezzarla. \ Poi ho patito la fame sotto il fascismo, che avevamo una miseria da trebbiare \ e per le pazzie di Mussolini anche la guerra ho dovuto fare. \  Mi sono rotto le braccia con dei padroni a fare il muratore \ che mi hanno succhiato ogni goccia del mio sudore. \ Mi è morta una figlia sotto un camion che non era ancora una ragazza, \ la mia moglie dall’angoscia si è buttata sotto un treno perché era diventata pazza, \ mi era rimasto un figlio che si è ammazzato col motore contro un palo fatale \ e adesso che sono rimasto da solo e che non ne posso più di patire del male, \ mi venite a dire che devo ritornare di nuovo a tirare la carretta? \ Voialtri mi dovete fare una bella pugnetta!  \  Io della vita ne ho avuto a sufficienza di questa quaggiù, \ e, per la madonna, non ne voglio campare più! \ E adesso toglietevi dal cazzo se non volete che mi tiri su la manica lunga \ e vi faccia sentire sulla schiena il bastone  della vanga.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

ULTIMI COMMENTI