Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 14 Agosto 2017 - 19:13

Un mineud pr’i sòci murt

At fata zentaU j era staè la fèsta dl’Accademia Pascoliana:
zcheurs, saleut e ciacri d’un profesòur ad Lingua Italiana.
A la fòin, cmè sempra, u j era un pansir pr’i sòci murt
e alòura tot in pì par daèi cmè una spezi ad saleut. 
Rico, e’ vicepresident e lizòiva i num eun par eun
e tot zet a pansaè se tra quei us cnusòiva quaicadeun.
    “Mauro Casadei, Andrea Carassi, Franco Branchet,...”
   
“Boh, tota zenta mai santoida doi!” Am sò det.

Finoi la cerimonia a s’aviesmi vers la scaèla
e l’è staè sla la porta ch’l’è vnu fura sta curiòusa sturièla.
La i fa una sgnòura d’una zertà età me’ vicepresident
ch’u s'era fat avaènti s’una faza da ès propi cuntent:
    “Allora è morto anche il povero Andrea Carassi?”
    “Speriamo di no!”
    “Nooo? Ma se l’ha nominato tra i morti un minuto fa?”
    “Ah…ssììì ? Allora sarà morto!”
    “Ma l’ho visto una settimana fa a Forlì e stava bene!”
    “Meglio per lui, gli auguro una salute di ferro!”
    “Non capisco, è morto o è vivo?”
    “Speriamo sia vivo e che campi altri cento anni!”
    “Ma cosa dici? Mica è colpa nostra se è morto!
” A j ò det mè,

    “a ste peunt che sia mort da bon bsògna speraè,
    sinò bèla figheura ch’ai fem,
    cumò, a l’avem mes tra i murt  parchè acsè i sa det i su. Sa femi? Al resusitem?”



Un  minuto  per  i  soci  defunti 
C’era stata la festa dell’Accademia Pascoliana \ discorsi, saluti e chiacchiere di un professore di Lingua Italiana. \ Alla fine, come sempre, c’era un pensiero per i soci defunti \ e allora come per dare loro una specie di saluto tutti in piedi e visi smunti. \ Il vicepresidente leggeva i nomi uno per uno \ e tutti zitti a pensare se tra quelli si conosceva qualcuno. \ “Mauro Casadei, Andrea Carassi, Franco Branchetto,...” \“Boh, tutta gente mai sentita dire!” Mi sono detto. \ Finita la cerimonia ci avviamo verso la scala \ ed è stato sulla porta che è venuta fuori questa curiosa fola. \ Fa una signora di una certa età al Vicepresidente, \ che si era fatto avanti con una faccia contenta e sorridente: \“Allora è morto anche il povero Andrea Carassi?” \“Speriamo di no!” \“Nooo? Ma se l’ha nominato tra i morti un minuto fa?” \“Ah... ssì? Allora sarà morto!” \ “Ma l’ho visto una settimana fa a Forlì e stava bene!” \“Meglio per lui, gli auguro una salute di ferro!” \ “Non capisco, è morto o è vivo?” \“Speriamo sia vivo e che campi altri cento anni!” \“Ma cosa dici? Mica è colpa nostra se è morto!” Gli ho detto io, \“a questo punto bisogna sperare che sia morto sul serio, \ sennò bella figura che ci facciamo. \ L’abbiamo messo tra i morti perchè così ci hanno detto i suoi. Cosa facciamo? Lo resuscitiamo?”

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

VIGNETTA

ULTIMI COMMENTI