Accedi con:
  • Ultimo Aggiornamento: 24 Giugno 2017 - 12:23

Osteria

OsteriaNel dialetto indigeno ustarì. Dell'ustarì dla Bachèna ho solo sentito raccontare: si trovava nell'attuale via XX settembre all'incirca di fronte al comune; la Bachèna ne era la proprietaria. Bachèna nel dialetto cesenate significa “ostessa”, ma, almeno pare, non in sammaurese, perché altrimenti ci troveremmo di fronte a una tautologia: l'osteria dell'ostessa. Di osterie ne ho viste due. Una è quella dla Marì dla Stufa (della Maria della Stufa ch'era il marito), l'altra è quella dla Ada. Si trovavano: la prima nell'attuale piazza Mazzini, la seconda nell'attigua piazza Battaglini, a pochi metri dalla chiesa. Dalla Ada ci sono andato, ancorché in modo non assiduo. Vi si accedeva scendendo un gradino. O almeno questo è il mio vago ricordo. L'ambiente era buio. Banco, tavoli e sedie scuri. L'aria, intrisa di sigaro e vino, pareva ristagnasse da anni. Noi bambini, negli anni Cinquanta, ci andavano a vedere la televisione che aveva cominciato a trasmettere da qualche tempo. Per accedere compravamo un gumòun (alla lettera “gommone” ovvero una caramella di liquirizia). All'epoca le osteria erano diventate un posto per vecchi e bambini. Più avanti avrebbe ripreso vigore e si sarebbero riconquistate uno spazio e un ruolo; ma non a San Mauro. L'ostessa Ada mi offre il destro per ricordarne il figlio Nino, al secolo Augusto Buda: “sla bòca senza dint mó pina ad stóri (con la bocca senza denti ma piena di storie)”, come l'ho descritto in Ma quéi d'Sa' Mèvar (A quelli di San Mauro) in Gnént (Niente). Il più efficace narratore popolare orale che abbia mai udito. Suadente e divertente. Perfetto nei tempi. Distaccato, quasi impassibile, ma senza esagerare. Tra i tanti pezzi del repertorio, costruiti su storie di vita quotidiana, ascoltati e riascoltati, cito quello che mi pare il suo capolavoro narrativo: E' festival d'Gatì (Il festival di Gatteo), dove interpretava in sequenza i partecipanti sammauresi, cantanti e musicisti, mimandone le voci e i gesti.
Gianfranco Miro Gori                        

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

ULTIMI COMMENTI