Logo new 02

At fat mond chilt minL’avòiva ‘na mòi bèla, mo acsè bèla da faè impresiòun
e u j avòiva ‘na scofia che par li us sareb zughé la riputaziòun.
Lì, però, ch’e fos una sgudebla l’era sicheur,
basta doi ch’l’al feva rapaè sò mi meur,
la i feva scuntaè e’ purgatori in tèra ma che por sgrazié,
t avdiré ch’us la tulòiva tota la voia ‘d bazilé.
Mo leu l’avòiva ormai brazaè cla cròusa
e us tnòiva ben strèta la su bèla spòusa.
E feva tot quèl ch’la vlòiva lì
par tnòisla bona e nu faèla ciapaè vì.
Mo la i n’un deva dla straèda da pedalaè
e leu sempra a lè, senza mai mulaè,
e bèl l’era ch’e cnòiva staè sempra in campaèna
parchè sa tot la feva la zvèta e un po’ la putaèna.
E coi ch’e zarchet ‘d faèl bèch senza ch’us n’incurzes?
E’ mèi di su amoigh, u sa capes.
Ui feva un foil da la madòna
e e sbavèva drì ma la su dòna.
Alòura un dè u1 ciapet tra leus e breus
e ui racuntet un fatarèl invici ‘d spacaèi e’ meus.
    “Ta la se quèla ‘d che duturòin che senza vòil mai fat  
    l’andet a lavuraè 't una caèsa pr’i mat?
    E’ diretòur quant ch’u si presantet e’ pròim dè,
    ul cumpagnet a vdòi cmè ch’j avòiva radanaè.
    Jarivet 't una cambra in duò ch’u j era di mat ch’i durmoiva,
    mo ui n’era eun ch’e feva di fat rogg ch’u t’inzurloiva.
    Sal fat?, e dmandet e’ duturòin,
    e e’diretòur s’un surisòin:
-Ah, quèst l’è eun ch’l’è staè lasé da la mòi,
    un bèl dè la è ciapaèda vì e l’an s’è fata piò vdòi,
     pensa che se’ mèi di su amoigh la s’n’è ‘ndaèda,
    e ma leu da cla volta la tèsta la s’j è malaèda!
    J arciapet andaè ‘vaènti e i n’incuntret un ènt
    ch’e feva di rugiaz ènca pez ‘d clèlt.
-E quèst?,e dmandet ancòura e’ duturòin.
-Ah, quèst l’è quèl ch’l’è ciapaè vì s’la mòi de’ pròim!”
Mè a ne sò s’l’è staè la sturièla
o la faza ch’e feva 't e’ racuntaèla,
cio, che mat e paròiva propi leu e u ti feva du uciaz,
che l’amoigh un s’faset piò vdòi int chi paraz.

 

Si  può  anche  impazzire  per  una  donna
Aveva una moglie bella, ma così bella da fare impressione \ e lui ne aveva una cotta che per lei si sarebbe giocata la reputazione. \ Lei però che fosse indisponente era sicuro, \ basti dire che lo faceva arrampicare su per il muro.  \ Gli faceva scontare il purgatorio in terra a quel povero disgraziato, \ vedrai che se la toglieva tutta la voglia di soffrire per essere innamorato. \ Ma lui aveva oramai abbracciato quella croce preso dalle voglie, \ e si teneva ben stretta la sua bella moglie, \  faceva tutto quello che voleva lei con perfetta maestria \ per tenersela buona e non farla scappare via. \ Ma gliene dava di strada da pedalare \ e lui sempre lì senza mai mollare, \ il bello è che doveva stare sempre in campana, \ perché con tutti faceva la civetta e un po' la puttana. \ E senza che lui se ne accorgesse, chi cercò di farlo cornuto? \ Il migliore dei suoi amici, è un fatto conosciuto! \ Le faceva un filo della madonna, \ e sbavava dietro alla sua donna. \ Allora un giorno lo prese tra il chiaro e lo scuro, \ e gli raccontò un fatterello invece di spaccargli il muso e attaccarlo al muro. \ “La sai quella di quel dottorino che senza avere esperienza di certi fatti \ andò a lavorare in una casa per i matti. \ Il direttore, quando gli si presentò la prima giornata, \ lo accompagnò a vedere come era stata sistemata. \ Arrivarono in una camera dove c’erano dei matti che dormivano, \ ma ce n’era uno che facevadegli urli tali che ti stordivano. \  - Cosa ha fatto?, domandò il dottorino, \  e il direttore con un sorrisino: \ - Ah, questo è uno che dalla moglie è stato lasciato, \  un bel giorno è presa via e non è più ritornata \ pensa che col migliore dei suoi amici se n’è andata, \ e a lui da quella volta la testa si è ammalata! \ Ripresero ad andare avanti e  incontrarono un altro paziente \  che faceva degli urli anche peggio del precedente. \ - E questo? Chiese ancora il dottorino: \ - Ah, questo è quello che è andato via con la moglie del primo!” \ Io non lo so se è stata questa storiella a spuntarla \ o la faccia che faceva nel raccontarla, \ ohi, quel matto sembrava proprio lui e gli faceva due occhiacci, \ che l’amico non si fece più vedere in quei paraggi.

 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna