Logo new 02

At fat mond chilt minU s’era bèla fat bèla vècc senza che 't la su voita l’aves mai fat un caz ‘d  lavòur,
u s'era sempra rangé sa poch e adès e deva ma tot la su rizèta par campaè senza sudòur.
    “Ste da santoi bèla zenta, mè a degh ch’us caèmpa snò ‘na volta
    e u n’è e’ caès ‘d ciapaèla tròp da bon e guastaès e’ sangv pr’aspitaè la morta.
    L’è mèi ch’al ròbi al vaga da par lòu, tanimodi al fines maèl,
    e t’é voia tè a staè drì ma tot inquèl,
    ta t’artruv strach e sudé,
    ch’u n’i vo gnent ch’u t s-ciòpa e’ cor snò par respiré.
    A et mai lizeu s’un giurnaèl:
    «INCIDENTE SUL RIPOSO » e ch’l’è mort un taèl?
    La voita la va ch’la vòula e ta n'é temp gnenca ‘d doi ahi,
    ènca s’l’è vèra ch’u j è di dòpmezdè ch’e paèr ch’in pasa mai.
    Dal nòsti paèrti t’al vu savòi cmè ch’us doi?
    “E’ lavòur e fa maèl e e’ maèl e fa muroi!”.
    Sta tenti dòunca e nu fa e’ quaiòun, dà rèta ma eun ch’u s n’intend:
    la matòina durma fena che t pu, sta cucé a lè e nu pensa ma gnent,
    s’ta stof d’un caènt, zoirti da clèlt, ma nu la fa finoida,
    t’avdiré che acsè e lèt e fa piò rinsoida.
    Pu t ste sò, un’uceda in zoir mi giurnel de’ dè
    e ta t na dé ch’l’è zà mezdè;
    t magn, e pu me’ sòul o ma l’ombra vat a stuglaè
    e darnov ma quèl ch’ut paèr, taca a pansaé.
    Pensa pu ma quel che t vu, t’an l'é moiga da racuntaè in zoir,
    sbadaia, guerda e’ zil e, s’ta t’increch, ta t stoir,
    mo pensa acsè fort e da spès che la tu tèsta la s' straca,
    e dòp un po’ ut ciapa ‘na buvaza che ta t’indurmòint cmè un pataca.
    Da lè e nòta l’è ròba da roid, e’ temp e vòula piò ch’n’è pròima
    e acsè int un gnent us fa òura ‘d faè zòina,
    e s’ut paèr prèst, l’è distès, nu pensa maèl,
    parchè quant ch’l’è fat, l’è fat, tanimodi bsògna faèl.
    E se par caès u t'avnes voia 'd fregna, nu beda mal ciacri di cargadeur,
    fa da par tè, una pugnèta ògni du-tri mois e ut pasa i bruseur
    Par la sòira bar e televisiòun j è fes,
    e nu fat avnoi la boilia parchè la t pasa 't un sbres.
    E acsè un ènt dè us n’è ‘ndaè e l’è nòta scheura,
    tot quèl che te da faè l’è quèst: pensa, durma e magna. La t paèr deura?”
    “Na, na, la s' pò faè, mo u n’è che dòp una stmaèna
    im trova 't un fòs ch’a sò mort ‘d faèna?”


Una  ricetta  per  campare  bene
Si era fatto oramai vecchio senza che nella sua vita avesse mai lavorato anche per poche ore, \ si era sempre arrangiato con poco e adesso dava a tutti la sua ricetta per campare senza sudore. \ “State a sentire bella gente, io dico che si campa solo una volta come da sorte \ e non è il caso di prenderla troppo sul serio e guastarsi il sangue per aspettare la morte. \ E’ meglio che le cose vadano da sole, tanto finiscono male \ e hai voglia tu a stare dietro ad ogni particolare, \ ti ritrovi stanco e sudato \ che non ci vuole niente che ti scoppi il cuore solo per aver respirato. \ Hai mai letto su un giornale: \ “INCIDENTE SUL RIPOSO” e che è morto un tale? \ La vita va che vola e non hai neanche tempo di dire ahi, \ anche se è vero che ci sono dei pomeriggi che sembra che non finiscano mai. \ Dalle nostre parti lo vuoi sapere come si osa dire? \ “Il lavoro fa male e il male fa morire!”. \ Sta attento dunque e non fare il coglione, dà retta a uno che se ne intende: \ alla mattina dormi fin che puoi, stai accucciato lì e non pensare a niente, \ se ti stufi da una parte, girati dall’altra, ma non la fare finita, \ vedrai che così il letto fa più riuscita. \ Poi ti alzi, un’occhiata in giro ai giornali del giorno  \ e ti accorgerai che è già mezzogiorno; \ mangi, e poi al sole o all'ombra vatti a sdraiare \ e di nuovo a quel che ti pare comincia a pensare. \ Pensa pure a ciò che vuoi, non lo devi mica raccontare in giro, \ sbadiglia, guarda il cielo e, se ti sei indolenzito, ti stiri con un respiro \ ma pensa così forte e intensamente che la tua testa si stracca \ e dopo un po’ di prende una fiacca che ti addormenti come un patacca. \ Di lì a notte e roba da ridere, il tempo vola che te ne accorgi appena \ e così in un niente si fa ora di fare cena \ e se ti pare presto, è lo stesso, non pensare male, \ perché quando è fatto, è fatto, in ogni modo è da consumare. \ E se per caso di venisse voglia di femmina, non dar peso alle chiacchiere degli scopatori, \ fai da solo, una sega ogni due-tre mesi e ti passano i bruciori. \ Per la sera sono fissi bar e televisione, \ e non ti far venire l’angoscia perché passa in un attimo questa situazione. \ E così un altro giorno se n’è andato ed è notte scura, \ tutto quello che devi fare è questo: pensa, dormi e mangia. Ti sembra dura? \ “No, no, si può fare, ma non è che dopo poche settimane \ mi trovano in un fosso che sono morto di fame?”

 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna