Logo new 02

Maroni Foli SturieliUn mocc d’an fa, int stal tèri ‘d Rumagna, l’era la cisa a cmandaè,
mo la zenta u n’è ch’la fos cuntenta, u n’era par gnent un gran bèl staè,
al tasi agl’j era grivi, dla miseria ui n’era a stof e scaèrs e’ magné,
e pu e pasaèva i prit a scod dal tasi sempra piò caèri ch’al feva biastmé,
e, gnenca a faèla a pòsta, dai cuntadòin i j andeva sempra òura ‘d mezdè.
Cio, us savòiva ch’j andeva par garavlaè e’magné, mo sèl ch’us putòiva faè?
E s’t’an gn’e divi e la volta dòp i t feva pagaè ‘d piò parchè i s’n’era vu inamaèl?
Valà, valà, ch’l’era mèi a staè de’ caènt de’ sicheur e dninz a lòu cavaès e’ capèl.
E par quèst al dòni dla caèsa quant ch’al savòiva ch’l’avnoiva ch’j impiastar,
u n’è  ch’al s’impaces da e’ roid,  mo distès as feva in quatar.
Da chi dè us feva sa quèl ch’u j era, e ch'sa i vut faè? J era tot puret!
Acsè agl’j azdòuri agl’j avòiva strulgaè una minèstra da spend poch: i lunghet.
Aqua, faròina, saèl e gnent ‘d piò, pu us smurtaèva l’impast, us feva un palutin,
e se’ s-ciadeur us standòiva una spoia gròsa e u s’n’un tajeva di pzulin.
U s’n’un mitòiva un zanzarèl tr’al maèni, u si deva una bèla fruleda,
e l’avnoiva fura sta pasta longa e un po’ inturtjeda.
Toti ròbi imparaèdi da burdèli e che adès al li feva a zigajocc,
mo se’ pansir ch’j era par chi pritaz, 't la tèsta u n'i steva bun gnenca i pdocc,
e acsè tot al volti ch’al finoiva ‘d ruzlé la pasta e ch’al tireva fura un lunghèt,
quant ch’al le standòiva se’ tulir a i li tacaèva drì un augheuri maledèt:
   “Ch’u t struzes…! Ch’u t struzes…!!!”.
Un s’sa s’ui sia staè una volta che e’ signuròin 
l’è staè da santoi cal doni e u j à daè e’ cuntantòin,
mo da alòura cla minestra la è dventa par tot i stròzaprit,
vut avdòi ch’ui è staè che dòp magné u j è ciap e’ s-ciupòun m’un prit!

 

La leggenda degli strozzapreti
Molti anni fa, in queste terre di Romagna, era la chiesa a governare, \ ma la gente non è che fosse soddisfatta, non era affatto un bello stare, \ le tasse erano pesanti, della miseria ce n’era a ufo e scarso il mangiare. \ Passavano i preti a riscuotere delle tasse sempre più care che facevano bestemmiare, \ e, neanche a farlo apposta, dai contadini ci andavano sempre all’ora di pranzare. \ Ohi, si sapeva che arrivavano a quell’ora per scroccare una mangiata, ma cosa si poteva fare? \ Se non gliene davi e poi ti facevano pagare di più? Ohi, mica si sapeva cosa c'era nel loro cervello. \ Valà, valà, che era meglio stare dalla parte sicura e innanzi loro togliersi il cappello. \ E per questo le donne della casa quando sapevano che veniva quell’ impiastro, \ non è che si spanciassero dal ridere, ma lo stesso si facevano in quattro. \ In quei giorni ci si arrangiava con quello che c’era, e cosa ci vuoi fare? Erano tutti poveretti! \ Così le massaie si inventarono una minestra da spendere poco: i lunghetti. \ Acqua, farina, sale e niente di più, poi si tirava l’impasto, si facevano un mucchietto, \ e col mattarello si stendeva una sfoglia spessa e se ne tagliava un pezzetto. \ Se ne metteva un pizzico tra le mani, gli si dava una bella frullata, \ e ne sortiva una pasta lunga e un po’ attorcigliata. \ Tutte pratiche imparate da bambine e che adesso facevano senza neanche aprire gli occhi , \ ma al pensiero che erano per quei pretacci, in testa non le stavano fermi neanche i pidocchi, \ e così tutte le volte che finivano di rotolare la pasta e che ne ricavavano un lunghetto, \ quando lo stendevano sul tagliere gli affidavano un augurio maledetto: \ “Che ti strozzasse…! Che ti strozzasse…!!!” \ Non si sa se c’è stata una volta che il Signore \ è stato ad ascoltare quelle donne e le ha fatto onore, \ ma da allora quella minestra è diventata per tutti gli strozzapreti, \ vuoi vedere che è capitato che dopo mangiato è preso un infarto ad un prete!

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna