Logo new 02

Maroni Foli SturieliUn fatòur 'd campagna e cumpret un bel dè un caval da mòunta,
un animèli ch'e feva mel voji, ul paghet una furteuna, mo i suld int sti ches in s'còunta.
Un mòis dòp ste caval u s’amalet,
stuglaè soura la paja dla stala un steva piò dret.
Aviloi l'òm e ciamet e’ veterinaèri,
che, pena finoi 'd visitaèl, e get guardend l'animaèli:
   “Bè, ste caval l’à un virus, bsògna ch’e toga stal medizòini par trì dè,
   dòp e’ terz a vengh a vdòi e s’un s’è arciapaè, l'è da mazaè!”.
E’ bagòin, ch’l’era a lè spèssa, e santet tot inquèl,
e ui ciapet una bòta 'd boilia parchè u s'e santoiva un po' fradèl.
Dòp e’ pròim dè ad medizòini l’era tot preciois,
e’ bagòin alòura u s’avsinet me’ caval e ui get deciois:
   “Cio ninòun, guaèrda ad staè sò
   che par tè la bota maèl se t ste sempra arbort d'in zò!”.
E’ sgònd dè la stèsa vergna, un deva segn ‘d voita e' puròin.
   “Dai ninòun, dat ‘na mòsa, sinò ut tòca muroi!”. U l’aviset darnov e’ bagòin.
E’ terz dè i i det ancòura al medizòini, mo…gnent l'era cambié,
alòura e' veterinaèri ui det un'uceda in pressia e pu e get  rasigné:
   “Bsògna ch'a l'amazema, un gn’è piò gnent da faè,
   l’à un virus e ènca ma chilt animeli ul putreb tacaè!”.
E’ bagòin santend acsè e ciapet la cheursa pr'andaè da e’ caval 't la stala
e avisel che la quis-ciòun la s'era fata gnara.
   “Dai, dai ninoun, e’ veterinaèri l’è rivat e e zcòr maèl, u t’vo faè muroi,
   curag, adès o mai piò, sta sò sobit, sbroigti, fai avdòi che t ci guaroi!”.
Alòura e’ caval l’arcuiet tot al su forzi, us det un scrulòun,
u s’alzet e e faset una cheursa 't l'aèra ch'e paròiva un campiòun!
   “Miraècval, miraècval, bsògna ch’a fema fèsta”, e ruget e’ fatòur, “ciamè ènca j avsòin,
   sé, sé, fasema una bèla fèsta: MAZEMA E’ BAGÒIN!!!”.
Un gat, stuglaè me’ soul drì  m’un pajer, s’una aria straca e senza gnenca zires, e get tra sé e sé:
   “Alè pataca, la t’stà ben, un’ènta volta t’impaèr a faèt i caz tu, a te giòiva mè...!”.

 

Il maiale e il cavallo

Un fattore comprò un bel giorno un cavallo da monta, \ un esemplare bellissimo lo pagò una fortuna, ma il denaro in questi casi non si conta. \ Un mese dopo il cavallo si ammalò, \ sdraiato sulla paglia della stalla non si reggeva sulle zampe però. \ Disperato l'uomo chiamò il veterinario, \ che, appena terminato di visitarlo, guardando l'animale, disse all'agrario: \ “Bèh, il suo cavallo ha un virus, queste medicine per tre giornate le deve prendere, \ dopo il terzo giorno vengo a controllare e se non si sarà ripreso, lo dovremo uccidere ! \ Lì vicino, ascoltò tutta la conversazione il porcello, \ e gli prese un attacco d'angoscia perché se lo sentiva un po' fratello. \ Dopo il primo giorno di medicinali tutto era ancora indeciso, \  il maiale allora si avvicinò al cavallo e gli diede un avviso: \ “Forza amico, stai su \ che per te si mette male se stai sempre steso in giù!”. \ Il secondo giorno la stessa cosa, non dava segni di vita quel povero animale. \ “Dai amico, alzati, altrimenti dovrai morire!” Lo avvisò nuovamente il maiale. \ Il terzo giorno gli diedero ancora le medicine ma… niente era mutato, \ allora il veterinario diede un'occhiata in fretta e disse poi rassegnato. \ “Dobbiamo abbatterlo, non c'è più niente da fare, \  ha un virus e anche gli altri animali potrebbe contagiare!” \ Il maiale sentendo così, prese la corsa per andare dal cavallo che ancora stava male \ e avvertirlo che per lui era giunto il momento fatale. \ “Dai vecchio mio, il veterinario è arrivato, parla male, ti vuole  uccidere,  \ coraggio, ora o mai più, alzati subito, sbrigati, fagli vedere che sei guarito, ti devi decidere!” \ Allora il cavallo raccolse tutte le sue forze, si diede uno scrollone, \ si alzò e fece una corsa nell'aia che sembrava un campione! \ “Miracolo, miracolo”, gridò il fattore, “chiamate i vicini che il fatto è colossale \ sì, sì, facciamo una bella festa: AMMAZZIAMO IL MAIALE!!! \ Un gatto, sdraiato al sole accanto ad un pagliaio, con aria stanca e senza neanche girarsi, disse fra sé e sé: \ “Alè coglione, ti sta bene, un’altra volta impari a farti i cazzi tuoi, te lo dicevo io che dovevi dar retta a me...!”

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna