Logo new 02

Cari lettori, la famiglia di sanmauropascolinews si allarga con l’arrivo di una nuova collaboratrice: Rosita Boschetti. La curatrice del Museo di Casa Pascoli periodicamente ci racconterà fatti e aneddoti del nostro Poeta in una rubrica la lei curata, “Cronache Pascoliane”. Ecco la prima puntata

Rosita BoschettiPascoli nasce a San Mauro nella casa posta in quella che all'epoca era via dell'Acqua.

Il fatto di essere nato qui, proprio al centro del paese, non sarebbe sufficiente per definire un legame tra il poeta e la sua terra natale. Il Museo Casa Pascoli ha quindi puntato sulla ricerca, da oltre quindici anni, partendo da studi già compiuti, setacciando archivi locali, per giungere a quella fondamentale ricostruzione  delle origini, in particolare dell'infanzia e della giovinezza del poeta. Un legame autentico quello di Giovanni con San Mauro e con la Romagna, che segnerà in modo indelebile la sua vita, tanto da essere la fonte da cui scaturisce quella poesia che ancora oggi rapisce con i suoi versi. Una poesia che è emozione pura, in cui la realtà tangibile che circonda il poeta viene trasfigurata per evocare il mistero della natura e della vita.

L'idea è quella che un museo non debba essere soltanto il luogo fisico e statico di conservazione ma debba soprattutto essere un centro propulsore di nuovi approfondimenti, di nuove scoperte che possano rafforzarne, da un lato, l'identità e, dall'altro, divenire man mano un riferimento per nuovi studi su Pascoli e sulla nostra storia locale. E, allo stesso tempo, parlare al più ampio pubblico possibile, comunicando attraverso tutti gli strumenti disponibili, dalle pubblicazioni alle mostre, dalle conferenze alla comunicazione sul web e sui social, fino all'utilizzo delle ultime tecnologie.

Siamo partiti nella ricerca proprio dalle origini: dall'infanzia del poeta, dalla sua giovinezza irrequieta e ribelle, dalla tragedia dell'uccisione del padre, per comprendere al meglio l'indole di un uomo sul quale ha pesato enormemente la visione della sorella Maria – Mariù per Pascoli – che ha consegnato al pubblico un'immagine distorta del poeta. Indagare sulle origini, raccogliere testimonianze degli amici e aneddoti, rintracciare documenti su questo primo periodo, ha significato ribaltare completamente l'immagine stucchevole tramandata da Mariù nella sua biografia dedicata al fratello. E lo sforzo di questo ultimo periodo è quello di arrivare alle antologie scolastiche, alle riviste specializzate, per avvicinare il mondo giovanile alla poesia pascoliana. Questo è l'obiettivo oggi, riscoprire il nuovo volto del poeta, più vicino ai ragazzi, attaccato alla vita nonostante il dolore, un giovane romagnolo combattivo e sanguigno che, in seguito, sarà sopraffatto dal senso del dovere nei confronti della famiglia di origine. Continua...


Rosita Boschetti