Sanmauropascolinews.it
Sanmauropascolinews.it
Notizie per capire, anticipare, migliorare il futuro

Bottle largeThe Bottle, frutto del lavoro della startup californiana Cove, è la prima bottiglia d'acqua totalmente biodegradabile a finire sul mercato.

Cosa significa "biodegradabile" nel suo caso? Beh, significa che nel migliore dei casi si degraderà nel bidone del compost. Nel peggiore, lo farà (in fretta) all'aperto: finanche in mare, dove ogni giorno finiscono circa 8 milioni di pezzi di plastica che invece NON si degradano.

Come è fatta The Bottle, bottiglia d'acqua biodegradabile?

La singolare bottiglia d'acqua creata da Cove è fatta con una sostanza chiamata PHA che sembra plastica, ma è in realtà prodotta attraverso la fermentazione di precisione.

Cove fornisce ai microbi alcuni prodotti: sostanze nutrienti, zucchero, olio vegetale e altri. I microbi trasformano questo "cibo" in un polimero.

Durante il compostaggio, il PHA è esposto a sua volta all'azione di altri microbi, e questo gli consente di degradarsi rapidamente.

Cove ha lanciato ufficialmente le sue prime bottiglie a dicembre nei negozi di Erewhon, una catena di cibo biologico con sede in California.

L'uso del PHA potrebbe essere un enorme passo nella giusta direzione per combattere i rifiuti di plastica. Anche perché la marea di bottiglie in plastica usate oggi per l'acqua (già un delirio di per sé) impiegano 450 anni per biodegradarsi.

Pur con variabili dovute alla tipologia di ambiente dove verrà gettata, alle brutte una bottiglia in PHA sarà biodegradabile entro un range di tempo tra l'anno e mezzo e i quattro anni e mezzo.

"Le bottiglie d'acqua in plastica sono diventate l'emblema della nostra moderna crisi di inquinamento", dice Alex Totterman, fondatore e CEO di Cove, in un comunicato stampa.

"Portando un'alternativa alla plastica veramente biodegradabile ai clienti e all'industria nel suo complesso, possiamo iniziare a ridurre i rifiuti di plastica nelle nostre comunità".

Bottle 2

 

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...