Logo new 02

At Fat Mond minQuèla dl’albergh bsògna mò ch’a v’la racòunta,
parchè la j à al pali quaèdri e al buiarì ch’ò cnu doi an s’còunta,
e paròiva una ròba da gnent e invici: un azident ch’u t spaca,
l
’è pas ormai d’j an e a n’ò ancòura smes ‘d daèm de’ pataca.
Dòunca, mè e un aènt a sem antré 't l’albergh dòp una farmaèda in farmacì,
intaènt al mòi agl’j era zà ‘d dròinta par daè aria mi pì.
Avem daè la bonasòira ma l’azdòur dl’ingrès
e avem dmand
duò ch’l’era al nòst cambri pr’arpunsès.
   “Al primo piano!”.
   “C
’è l’ascensore che ci andiamo?”.
E leu sempra sla tèsta ‘d spunteun e scrulend una spala:
   “Sì, è in fondo alla sala!”.
  
Grazie, e sta tenti t’an t straca tè,
  
èh, quant che la voja ‘d lavuraè l’an gn’è!”.
E avem travarsaè a bon pas una saèla
pina ‘d tavulòin se’ maèrmal rosa ch’la
j era propi bèla;
't un cantòun, a la nòsta manzòina,
u j era un pienfort tot nir ‘d scaènt m’una vidròina.
A s’infilem 't l’asensòur, a s-ciazem e’ butòun de’
pròim  pien,
la porta la s’ceud, un po’ ‘d scatramaz e
pu sò tut deu insen.
Pu dòp fura darnov 't un’aènta saèla
e darnov a la travarsem e ènca quèsta la è propi bèla,
granda cmè
la pròima,
s’un pienfort nir a la nòsta dreta e drì m’una vidròina,
ènca a què
u  j era i tavulòin se’ maèrmal rosa
che guasi, guasi, u t’
avnoiva da pansaé che fos la stèsa cosa.
   “Òs-cia”, avem
det, “ ‘d sbureun int st’albergh, saèli?”.
   “Us vòid che
int ona i magna e at clèlta i farà dal seraèdi musicaèli!”.
   “Sè, sè, t’avdiré
che propi acsè la sarà.”.
   “Bon, tra un’urèta
a s-ciandem par faè du pas 't la zità!”.
E l’è staè 't e’ scapaè dal cambri ch’al ròbi al s’è imbruiedi,
parchè cmè ch’a ciapem vers l’asensòur al mòi al fa maraviedi:
  
“Bèh, duò ch’a vloi ‘ndaè da lè?”.
   “Parchè, tota a pì a la vlì faè?”.
   “Cimatti, par faè du pas
ui vrà!”.
   “Sè, du pas, ui n’è ‘d che
po’ dla scaèla par scapaè da qua!”.
   “Mo che scaèla ch’a sem zà ‘d fura,
nu fa e’ quaiòun, zò...”.
   “Cumò ‘d fura, sa soiv invurnoidi tra tut dò?”.
   “Tò, guerda, a lè u j è la straèda e la porta duò ch’avem pòuns agl’j umbrèli!”.
   “La straèda? Mo s’avem da travarsaè ancòura dò saèli!”.
   “Òrca dò, la è a lè didrì e u j è quèla snò!”.
   “Quèsta mo l’am pis, alòura nòun che s’l’asensòur a sem andé d’in sò?
   “Na, na, an vu si mòs da què, l’è quèst e’ pròim pien!”
   “Mo sé, un’aènta! Al dò saèli alòura ch’avem travarsaè insen?”.
   “In s’n’è gnenca infat ch’l’era sempra quèla e pu i doi dal dòni...!”.
   Cio, am vlì propi faè doi dal madòni!  

  
Mè a l’ò santoi l’asensòur ch’l’andeva d’in sò,        
  
e feva frum... frum... andema zò!”.
  
“E’ frum... frum... tè ta l’é 't la tèsta!”.
   “Guerda ch’an sò ancòura tòch e sbasa cla crèsta!
   A simi in deu e pu us l’à det ènca che sgudebal dl’ingrès,  

  
sa vloiv tirem 't i rozal adès?”
   “Sèl ch’aveva fat vuilt ul sa snò crest,
   mo dal cambri a la straèda un gn’è scaèli da faè e nu insest,         
   tò vé, a sem zà sla porta e a lè u j è e’ marciapì,
   t scap da cla porta, t zoir ‘d là e a lè spèssa u j è la farmacì!”.
   “Pòrca madòsca, l’è vèra, mo alòura...???”.
A n’ò capoi gnent cla volta e a faz fadoiga ancòura.
Par mois e mois tot al volti ch’a s’incuntrimi,  
mè e clèlt as dimi de’ pataca e a ridimi.
Vut che deu cmè nòun is sipa fat ciavé da cl’asensòur dl’òs-cia, che sé,
l’avòiva fat frum..., frum..., mo un s’era moiga mai mòs da lè!

   

Tutta colpa  dell’ascensore 

Quella dell’albergo bisogna che ve la racconti, \ perché ha le palle quadrate e le imprecazioni che ho dovuto dire è meglio che non le conti, \ sembrava una cosa da niente e invece: un accidente che ti spacca, \ sono passati oramai degli anni e non ho ancora smesso di darmi del patacca. \ Dunque, io e un altro siamo entrati nell’albergo dopo una fermata in farmacia, \ intanto le mogli erano già dentro per mettere i piedi a bagnomaria. \ Abbiamo dato la buonasera al signore dell’ingresso, \ e gli abbiamo chiesto dov’erano le nostre camere e l'accesso. \ “Al primo piano!”. \ “C’è l’ascensore che ci andiamo?”. \ E lui sempre con la testa china sul tavolone: \ “Sì, in fondo al salone!”. \ “Grazie e sta attento a non stancarti te, \ èh, quando la voglia di lavorare non c’è!”. \ E abbiamo attraversato di buon passo una sala spaziosa \ piena di tavolini col marmo rosa che era proprio deliziosa; \ in un angolo, alla nostra mancina, \ c’era un pianoforte tutto nero accanto ad una vetrina. \ Ci infiliamo nell’ascensore, schiacciamo il bottone del primo piano, \ la porta si chiude, un po’ di rumore e tutti e due insieme saliamo. \ Poi di nuovo fuori in un’altra sala spaziosa \ e ancora la attraversiamo e anche questa è proprio deliziosa, \ grande come la prima, \ con un pianoforte nero alla nostra dritta e vicino ad una vetrina, \ anche qui c’erano i tavolini col marmo rosa \ che quasi, quasi, ti veniva da pensare che fosse la stessa cosa. \ “Ostia”, “abbiamo detto, “che signoroni in questo albergo, due sale?”. \ “Si vede che in una mangiano e nell’altra faranno qualche serata musicale!”. \ “Sì, sì, vedrai che proprio così sarà.”. \ “Bene, tra un’oretta scendiamo per fare due passi in città!”. \ Ed è stato nell’uscire dalle camere che le cose si sono complicate \ perché come prendiamo verso l’ascensore le mogli fanno meravigliate: \“Bèh, dove volete andare di lì?”. \ “Perché, tutta a piedi la volete fare da qui?”. \“Eh, per fare due passi ci vorrà…!”.  \ “Sì, due passi, ce n’è di quel po’ di scale per uscire di qua!”. \ “Ma che scala e scala che siamo già di fuori, non fare il coglione!”.\“Come di fuori, cosa siete istupidite tutte e due per l'occasione?”. \ “Toh, guarda, lì c’è la strada e la porta dove abbiamo posato le ombrelle!”. \ “La strada? Ma se dobbiamo attraversare due sale molto belle!”. \ “Orca due, è lì di dietro e c’è quella sola e niente più!”. \ “Questa mi piace, allora noi che con l’ascensore siamo andati in su?”. \ “No, no, non vi siete mossi di qui, è questo il primo piano assegnato!”. \ “Ma sì, un’altra! Le due sale allora che abbiamo attraversato?”. \ “Non se ne sono neanche accorti che era sempre quella, e poi dicono delle donne…!”. \ “Ohi, mi volete proprio far dire delle madonne! \ Io l’ho sentito l’ascensore che andava in su, \ e faceva frum…frum…andiamo su!”. \ “Il frum…frum… tu ce l’hai nella testa!”.  \ “Guarda che non sono ancora rincoglionito e abbassa quella cresta! \ Eravamo in due e poi ce l’ha detto anche quell’antipatico dell’ingresso, \ cosa volete prendermi in giro adesso?”. \ “ Lo sa solo Cristo cosa voi vi siete messi a fare, \ ma dalle camere alla strada non ci sono scale e non continuare, \ toh, guarda, siamo già sulla porta e lì c’è il marciapiede, \ esci dalla porta, giri di là e lì dietro della farmacia c'è la sede!”. \ “Porca miseria, è vero, ma allora…???”. \ Non ho capito niente quella volta e faccio fatica ancora. \ Per mesi e mesi tutte le volte che ci incontravamo \ io e quell’amico ci davamo del patacca e ridevamo. \ Vuoi che due come noi si siano fatti fregare da quell’ascensore dell’ostia, che sì, \ aveva fatto frum…frum…, ma non si era mica mai mosso di lì!

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna