Logo new 02

At Fat Mond minAvoi in amòint chi rifugi ‘d muntagna
duò ch’us dorma, us bòi e us magna?
Fat toti al devuziòun
a s’andesmi a lèt
't un cambaròun
ch’a gimi l’ès in trentasèt.
E mataraz l’era eun par tot
e bsugneva staè cuvéé e mucì cmè di fagot.
Pròima d’
inquèl tachema la mòi me’ meur e bona a lè,
che s’u j è eun
ch'ut vo tastaè e’ cheul, l'è mèi ch'al faza mè.
E tè fat in là sa chi pinaz,   
che t’avdré
ch’a n'avem sa 'd chi tri tedesch a ròmp e’ caz,
pròima
‘d ciòta is sarà bbeu dis beri pr’on a èlta gradaziòun,
a sò curiòus
d’avdoi cmè ch’i farà stanòta a sgunfié che panzòun.
Òs-cia burdel,
un òcc ch’l’è eun uns’è puteu ceud:
rot, scurèzi e
pisedi ògni dis mineud.
J à fat l’univers
par tot la nòta chi tri armeri,
s’un fos che int
chi post ui vo’ pazinzia, u j era da incazès se’ seri.
Tra lòu,
i rusgòin e  i scataracc ‘d chilt, l’è staè tota una sinfunì,
par na doi de’ sulostar
dl’undleuna e de’scafein di pì.
Quant che pu u t
paroiva d’ès in barlòina, u t s’incricheva un sfiench,
e acsè: adio fichi,
e cla nòta la s’è fata tota in biench.
La matòina a paghesmi
e’ còunt: dis euri a tèsta.
  “Puch!”
E get eun s’un’aria da fèsta.
 
“Trop par staè svegg e na putois arpunsaès un mumòint,
  valà che s’us paghes “a cottimo” par
quel ch’us dorma, i ciudreb par falimòint!”

 

Trentasette  in  un  letto

Avete in mente quei rifugi di montagna alpina \ dove si dorme, si beve e si desina? \ Fatte tutte le abluzioni serali ci andammo a letto \ in un camerone dove forse eravamo in trentasette. \ Il materasso era uno per tutti i giovanotti \ e bisognava stare chinati e ammucchiati come dei fagotti. \ Prima di ogni cosa attacchiamo la moglie al muro e buona lì, \ che se c’è qualcuno che vuole tastarti il culo, lo faccio io qui. \ E tu fatti più in là con quei piedoni, \ che vedrai che ci bastano quei tre tedeschi a rompere i maroni, \ prima di sotto si saranno bevuti dieci birre per uno ad alta gradazione, \ sono curioso di vedere come faranno stanotte a sgonfiare quel pancione. \ Ostia ragazzi, un occhio che è uno non si è potuto chiudere per i disturbi ripetuti: \ rutti, scoregge e pisciate ogni dieci minuti. \ Hanno fatto l’universo per tutta la notte quei tre armadi, \ se non fosse che in quei posti ci vuole pazienza, c’era da arrabbiarsi sul serio e ad alti gradi. \ Tra loro, i raschiamenti di gola e gli sputacchi degli altri, è stata tutta una sinfonia, \ per non dire del riflesso della luna piena e della puzza dei piedi, tutto in sintonia. \ Quando poi sembrava d’essere sul punto di dormire, ti si indolenziva un fianco, \ e così: “addio fichi”, e quella notte la si è fatta tutta in bianco. \ La mattina pagammo il conto: dieci euro a testa. \ “Pochi!”. Disse uno con aria di festa. \ “Troppi per stare svegli e non potersi riposare un momento, \ valà che se si pagasse a cottimo per quello che si dorme, chiuderebbero per fallimento!”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna