Logo new 02

At Fat Mond minDninz  a nòun us standòiva un bèl praè,
coim ‘d fieur fena duvò che l’òcc e putòiva
guardaé,
e u j era dal cavali in libertà si su cavalin
ch’al steva in braènch e as muvòiva pianin, pianin.
U
i zireva datònda un cavalòun tot nir e s’un bèl purtamòint,
che un po’ u s’j avsineva e un po’ us sluntanaèva sgònd a e’ mumòint.
E pu, tot da sèch, e senza ch’a capesmi ben sèl ch’e
zuzdòiva,
e purtet fura da e’ braènch una cavalina e
i sa farmet drì ma la ròida.
E paròiva che 't agl’j urèci u
i ges dal parulini
e lì la j avrà det ‘d sè a staè ma quèl ch’avdimi,
parchè e raviet a slunghé un fat rumbanèl
che guasi, guasi e tucaèva matèra eus muvòiva cmè un buratèl.
U j apuzet al zaèmpi sla scòina, e puntet la scarvaia,
e u l’infilet par quant ch’l’era longh 't la su pisaia.
  “Aaaaeeemmm...!!!” Al faset al nòst mòi a mità tra un suspoir e un lamòint,
e un sa capoiva ben s’l’era invoidia
o sgumòint.
E get ona ch’us vòid ch’la era se’ spal:
   “Stasòira av vlem avdòi sa soi cmè che caval!”
E dè dòp s’un surisin de’ caènt dla bòca
as guardimi cmè par doi: “Sòta ma chi tòca!”.
Am sò fat avaènti e, s’un po’ ‘d
faza tòsta,
a j ò daè la mi rispòsta:
   “Burdèli, mè avòiva tot al boni intenziòun,
   mo quant ch’am sò vest 't e’ spècc u m’è ‘ndè vì l’ispiraziòun,
   ò fat
i mi cheunt, ò mes tot sla blaènza
   e, um dispis a doil, mo at che caval, mè a j ò snò la paènza!”.

 

Cavalli  si  nasce

Innanzi a noi si stendeva un bel prato per pascolare, \ colmo di fiori fin dove l’occhio poteva guardare, \ e c’erano delle cavalle in libertà col loro cavallino \ che stavano in branco e si muovevano pianin, pianino. \ Girava loro attorno uno stallone tutto nero e con un bel portamento, \ che un po’ si avvicinava e un po’ si allontanava a seconda del momento. \ E poi, all’improvviso, senza che capissimo bene qual era l’intenzione, \ portò fuori dal branco una cavallina e si fermarono vicino alla rete di protezione. \ Sembrava che nelle orecchie le mormorasse delle paroline \ e lei gli avrà detto di sì perché vedevamo strane manovrine, \ lui incominciò ad allungare un tale manganello \ che quasi, quasi, toccava per terra e si muoveva come un buratello.  \ Le appoggiò le zampe sulla schiena, puntò la fessura, \ e lo infilò per quanto era lungo nella sua natura. \“Aaaaeeemmm…!!!” Fecero le nostre donne a metà tra un sospiro ed un lamento, \ e non si capiva bene se era invidia o sgomento. \ Disse una che si vede che era sullo spallo: \ “Stasera vi vogliamo vedere se siete come quel cavallo!” \ Il giorno dopo con un sorrisino nell’angolo della bocca \ ci guardavamo come per dire: “Sotto a chi tocca!”. \ Mi sono fatto avanti io e, con un po’ di faccia tosta, \ ho dato loro la mia risposta: \ “Ragazze, io avevo una buona intenzione, \ ma quando mi sono visto nello specchio mi è andata via l’ispirazione, \ ho fatto i miei conti, ho messo tutto sulla bilancia \ e, mi dispiace dirlo, ma di quel cavallo, io ho solo la pancia!”

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna