Logo new 02

At Fat Mond minUna sòira a s'ardusesmi int un grupèt
e andesmi a pasaè un po' 'd òuri t'un barèt.
A què u j era  un'urchistròina 'd nireun,
che tot al sòiri la feva balaè la zenta ma l'incròus 'd du stradeun.
Mè am s'era mes disdòi m'un tavulòin,
che chi bal da sbat e' cheul um paròiva ròba da culandròin.
Pr'al nòst dòni invici l'era un gran gudimòint
e, sobit, al s'era boti  't e' muciòun pin 'd muvimòint.
Sa nòun u j era un puliziòt sicilien che dòp un po' e ven drì mè
e sa du occ spartì um sofia t'una urècia sèl ch'e zuzdòiva a lè:
   “Tua moglie sta ballando con un giovane cubano,
   è già da un bel po' e ho visto che si davano la mano!”.
A ne sò sèl ch'u s'aspites, mo mè a sò vaèz ferum 't e' mi pòst,
am sò tirat 't al spali e s'un surois a j ò arspòst:
   “Non ti preoccupare, qui siamo tutti comunisti senzadio,
   ma vige il principio che ciò che è mio è tuo e ciò che è tuo è mio!”.
L'è vaènz 'd sas, pu l'à sgranaè j occ e scrulé la tèsta
e la maèna u la scruleva sò e zò cmè par doi ch' un la capoiva quèsta.
Piò taèrd la mi mòi e che ragaz cubaèn j avnet me' tavulòin
e s'una pena e un fujèt i s' mitet a scroiv quaicosa int tot che casòin.
   “Questo ragazzo su una spiaggia bellissima ha la sua abitazione,
   mi ha dato l'indirizzo e se vogliamo è a nostra completa disposizione.”.
L'am get lì e pu l'al salutet scurend in italien,
alòura mè am sò zirat vers e' puliziòt sicilien:
   “Cosa ti avevo detto? Hai visto come funziona tra compagni?
   Qui si dividono spese e guadagni!”.
E feva una faza  cmè s'i j aves pèst un cal, du occ da mat,
e, sa dò doidi dla maèna, dal corni e feva l'at.

 

A Cuba (1)
Una sera ci riunimmo in un gruppetto \ e andammo a passare un po' di ore in un baretto. \ Qui c'era una orchestrina di ragazzi con le pelli marroni, \ che tutte le sere facevano ballare la gente all'incrocio di due vialoni. \ Io mi ero seduto ad un tavolino, \ che i balli in cui si sbatte il sedere mi sembravano gesti da effeminatino. \ Per le nostre donne invece era il massimo del godimento \ e, subito, si erano gettate nel mucchio pieno di movimento. \ Con noi c'era un poliziotto siciliano che dopo un po' viene accanto a me \ e con due occhi sbarrati mi soffia in un orecchio ciò che succedeva testè: \ “Tua moglie sta ballando con un giovane cubano, \ è già da un bel po' e ho visto che si davano la mano!”. \ Non so che reazione si attendesse, ma io sono rimasto immobile al mio posto, \ mi sono tirato nella spalle e con un sorriso gli ho risposto: \ “Non ti preoccupare, qui siamo tutti comunisti senzadio, \ ma vige il principio che ciò che è mio è tuo e ciò che è tuo è mio!”. \ È rimasto di sasso, poi ha sgranato gli occhi e dondolato la testa \ e la mano l'ha agitata su e giù come per dire che non la capiva questa. \ Più tardi mia moglie e quel ragazzo cubano vennero al mio tavolino \ e con una penna e un foglietto si misero a scrivere qualcosa in tutto quel casino. \ “Questo ragazzo su una spiaggia bellissima ha la sua abitazione, \ mi ha dato l'indirizzo e se vogliamo è a nostra completa disposizione.”. \ Mi disse lei e poi lo salutò parlando in italiano, \ allora io mi sono girato verso il poliziotto siciliano: \ “Cosa ti avevo detto? Hai visto come funziona tra compagni? \ Qui si dividono spese e guadagni!”. \ Aveva una espressione come se gli avessi pestato un callo, due occhi da matto, \ e, con due dita della mano, delle corna mimava l'atto.

 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna