Logo new 02

At Fat Mond minA simi in Fraènza e u j era la cheursa di tor pr’al straèdi e tra i palaz,
e un brancadòin ‘d oman a caval i j acumpagneva int e’ su eultum viaz,
i feva trezent metar e pu s’infileva 't un gabiòun ‘d fèr duò ch’ j avnoiva ceus
par pu finoi poch dòp mazé 't l’arena par la “corrida” che a là vaieun la era ‘d eus.
U j era un feun ‘d zenta a staè d’avdòi sta sfileda e tot dret in peunta ‘d pì,
e mè a s’era finoi 't un pòst ch’a feva fadoiga a faè dal bèl fotografì,
ò però vest ch’u j era un po’ ‘d slaèrgh svuit tacaè me’ gabiòun,
òrca, ‘d cheursa alòura pròima ch’il vèga ènca chilt e ch’im fròiga la pusiziòun.
Am s’era propi sistemaè ben, da lè a j avdòiva partoi
e a i putòiva ciapaè quant ch’j antraèva 't e’ gabiòun pr’andaè a muroi.
Intaènt ch’aspitaèva ch’un partes eun, a mitòiva a pòst l’inquadrateura,
quant ch’am sint busé 't una spala, am zoir e l’era un franzòis ‘d pèla scheura:
  “La porte...!”
Boh, ò  pansaè, sa vral ste crest,
e a sò staè zet, mo leu darnov a insest:
  “La porte... problem...!”
  “Nooo... no problem!”
Cio, an savòiva ch’sèl doi ènca parchè an capoiva moiga sèl ch’us vles.
  “La porte... problem, problem...!” Ui deva darnov, e mè darnov an capes!
Òs-cia t ci deur: “Na, no prublema,
  moi a faz avec lo zoom en mudern sistema!”
Ò bot a là mèz in dialèt e mèz in franzòis,
s’la capoi a ne sò, mo mè an gn’ò daè piò pòis.
Alè, alè, j aroiva, ai sem, mè a s’era pròunt a scataè
e adès n’um ròmp e’ caz franzisòun dl’òs-cia ch’ò da faè.
I m’era giost a toir e a steva par s-ciazaè e’ butòun
parsuaès ‘d faè una fotografì da sburòun,
che: s-ciaffete, da sèch j erva la porta
e mè am sò trov davaènti un meur ‘d fèr ch’u ma lasé a bòca storta.
Ò capoi adès sèl che vlòiva doi cl’us-ciaza,
am sò alòura zirat vargugnòus vers ‘d leu cmè par scusem dla figuraza,
mo l’era drì a doi quaicosa m’un su amoigh
e sa dò doidi us stranzòiva e’ nès par na roid.
Mè a degh che, ènca senza cnòs la lengua ‘d chi post,
u ni vo taènt a capoi sèl ch’u j avrà det 't agl’ j urèci e s’un gran gost.

 

“La  porte!”, cose francesi

Eravamo in Francia e c'era la corsa dei tori per le vie e tra i palazzi, \ e un gruppetto di uomini a cavallo li accompagnavano nell'ultimo viaggio tra gli schiamazzi, \ percorrevano trecento metri e poi si infilavano in un gabbione di ferro dove venivano rinchiusi \ per poi finire poco dopo uccisi nell'arena per la “corrida” perché in quei luoghi erano gli usi. \ C'era molta gente ad assistere questa sfilata e tutti in punta di piedi lungo le vie, \ io ero terminato in un posto dove era fatica fare belle fotografie, \ ho però visto che c'era uno spiazzo vuoto accanto al gabbione, \ orca, di corsa allora prima che vengano altri a fregarmi la posizione. \ Mi ero proprio sistemato bene, da lì li vedevo partire \ e li potevo riprendere quando entravano nel gabbione per andare a morire.  \ Intanto che aspettavo che ne partisse uno, mettevo a posto l'inquadratura, \ quando mi sento bussare in una spalla, mi giro ed era un francese con la pelle scura: \“La porte...!” \ Boh, ho pensato, cosa vorrà questo cristo, \ sono stato zitto e lui ancora in modo imprevisto: \“La porte...problem...” \ “Nooo...nessun problema!” \ Ohi, non sapevo cosa rispondere anche perché mica capivo cosa volesse dire. \ “La porte...problem, problem...!” Insisteva di nuovo e io di nuovo a non capire. \ Ostia sei duro: “No, nessun problema, \ io faccio con lo zoom che possiede un moderno sistema!” \ Ho buttato là mezzo in dialetto e mezzo in francese, \ se ha capito non lo so, ma io non gli ho dato più peso. \ Alè, alè, arrivano, ci siamo, io ero pronto a scattare \ e adesso non rompere le scatole francese che ho da fare. \ Mi erano giusto a tiro e stavo per schiacciare il pulsante \ persuaso di fare una fotografia importante, \ che: s-ciaffete, improvvisamente aprono la porta \ ed io mi sono trovato davanti un muro di ferro che mi ha lasciato a bocca storta. \ Ho capito adesso quello che voleva dirmi quell'ostricaccia, \ mi sono allora girato vergognoso verso di lui come per scusarmi della figuraccia, \ ma era intento a dire ad un suo amico qualcosa \ e con due dita si stringeva il naso per non ridere della cosa. \ Io dico che anche senza conoscere la lingua di quel posto in pieno trambusto \ non ci vuole tanto a capire ciò che gli avrà detto nelle orecchie e con un gran gusto.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna