Logo new 02

culo britishA Londra, intaént ch’a simi drì a magné disdòi datònda m’un tavlaz,
da clélt caént dla straéda j era drì a faè e’ marcaè ‘d ròbi ‘d straz.
Propi in faza mu mè u j era una banchèta ‘d stoi da dòna sa di prezi un po’cher
e un gran bèl pèz ‘d ragaza la i tacaèva sò d’in aèlt ma di fer.
A v’un racòunt dal foli, mo mè un cheul acsè tònd an l’avòiva mai vest
e la j avòiva un stidin  acsè tacaè ma la pèla ch’e mustraèva da fat tot che ben ‘d crest.
Ò pu pansaè che par infilei ‘d dròinta cal ciapi che lè, ui vles e’ fèr dal scaèrpi strèti,
e s’avesvi vest  quant ch’la s’ pigheva in avaènti che smasir ‘d cheul e tèti!
E sòura che strazèt, d’impartot, u j era scret in grand: LOVE, LOVE, mo dì tè,
e se l’inglòis a ne cnusoi, che vò doi AMORE, AMORE, a ve degh mè.
Òs-cia, ma quèsta un paèra ‘d fotografì bsògna ch’ai li faza senza maènch
che sinò i mi amoigh i ni cròid moiga ch’ò vest dal ròbi acsè senza spend un fraènch.
Ò punté alòura la mi machinèta par faèi un bèl servoizi ma ch'l'argumòint,
mo u n’era par gnent giòival, u j era sempra zenta 't e’ mèz e in muvimòint ,
cl’us-ciaza pu l’an steva mai ferma e ciapaèla 't e’  peunt giost l’era un’impròisa ,
a forza ‘d puntela  un paèra ‘d scat a j avòiva zà fat, mo an vlòiva faè una bèla stòisa,
quant che tot da sèch la s’ zoira e l’am fa un rugiaz: “No foto!”
Alè, ò punsaè la machina se’ taèval e a badaèva a doi: “No foto, no, no foto…!!!”
Lì però la biaseva ènca piò fort, mo mè l’inglois a ne capoiva e an savòiva ch’sèl doi,
mo che la situaziòun la s’imbrujeva e la ciapaèva una brota poiga, quèst a l’ò capoi.
Ch’an l’aves mai det, cio, la ciapa la cheursa, la traversa la straèda,
e l’am ven dacaènt sempra bacaiend chi sa e’ chè e un bèl po’ incazaèda.
Urca, ò però capoi ch’la vlòiva vdòi al fotografì ch’avòiva scataè.
E adès? Vut ch’ai fases avdòi ch’l’era e’ cheul ch’a j avòiva fotografaè? 
Bèla figheura ch’um tucaèva faè, e’ solit italien purcaciòun.
A feva finta ‘d gnent e s’un po’ ‘d scagaz ai tartajeva quaèlch sfrumblòun:
  “Mè italian… foto souvenir London…good market…”
L’era tot a què e mi inglòis, par furteuna ch’u j era sa nòun ona ‘d Furlè
che l’inglòis l’al zcuròiva mèi dl’italien e la m’à fat la traduziòun a lè par lè:
  “Dice che non devi fotografare i vestiti che espone sul piazzale
  perché sono modelli esclusivi che disegna lei e tu non li puoi copiare!”
  “Uf…”, ò tirat e’ fié, “s’l’è tot a què, t’ai pu doi ch’la staga sicheura
  che di stoi un m’n’importa un caz, ch’la n’apa nisona paveura!”
Ch’sèl ch’la j apa det a ne sò, mè ò ciap la feuga a la svelta 't la cunfusiòun
e 'tun sbres am sò sluntanaè da lè parchè, ciooo..., u m’era ciap un bèl caldòun! 

 

“LOVE, LOVE!”, cose inglesi

A Londra, intanto che stavamo mangiando seduti intorno ad un tavolaccio, \ dall’altra parte della strada c’era il mercato di cose di straccio. \ Proprio davanti a me c’era una bancarella di vestiti da donna con dei prezzi cari \ e un gran pezzo di ragazza li appendeva in alto ad un palo di ferro coi fari. \ Non vi racconto favole  ma io un sedere così rotondo non l’avevo mai visto! \ Addosso portava un vestitino così aderente alla pelle che mostrava  tutto quel bene di cristo, \ e ho pensato che per infilarci dentro delle natiche simili ci voleva il calzare delle scarpe strette. \ e s’aveste visto quando si piegava in avanti che movimento di culo e tette! \ E sopra, ovunque, c’era scritto in grande: LOVE, LOVE, ma di tu \ che se l’inglese non lo conoscete,  che significa: AMORE, AMORE, ve lo dico io, su! \ Ostia a questa un paio di fotografie bisogna che gliele faccia di sottobanco \ sennò i miei amici non ci credono che in Inghilterra ho visto cose così senza spendere un franco. \ Ho puntato allora la mia macchina fotografica per farle un bel servizio a quell'argomento, \ ma non era mica tanto facile, c’era sempre gente di mezzo e in movimento,  \ quell’ostrica poi non stava mai ferma e prenderla nel momento giusto era un’impresa, \ a forza di puntarla però un paio di scatti glieli avevo fatti, ma ne volevo fare a distesa, \ quando improvvisamente si gira e mi fa un urlaccio: “No foto!” \ Alè, ho appoggiato la macchina sul tavolo e badavo a dire: “No foto, no no foto…!!!” \ Lei però biascicava anche più forte, ma io l’inglese non lo capivo e non sapevo cosa dire, \ però la situazione si complicava e prendeva una brutta piega, questo lo potevo intuire. \ Non l’avessi mai detto, ohi, prende la corsa, attraversa la strada,  \ e mi viene accanto sempre biascicando chissà che cosa e molto arrabbiata. \ Urca, ho però capito che voleva vedere le fotografie che avevo scattato. \ E adesso? Vuoi che le mostrassi che era il sedere che le avevo fotografato? \ Bella figura che ci facevo, il solito italiano furbacchione! \ Facevo finta di niente e un po’ imbarazzato balbettavo qualche  parola per chiarire la questione.  \ “Io italiano… foto souvenir Londra… bel mercato…” \ Era tutto qui il mio inglese, per fortuna che c’era con noi una di Forlì \ che l’inglese lo parlava meglio dell’italiano e mi ha fatto la traduzione lì per lì: \ “Dice che non devi fotografare i vestiti che espone sul piazzale \ perché  sono modelli esclusivi che disegna lei e tu non li puoi copiare!”  \ “Uf…”, ho respirato, “se è tutto qui, le puoi dire che stia sicura \ che dei vestiti non me ne importa un cazzo, che non abbia alcuna paura!” \ Cosa le abbia detto non lo so, io ho preso la fuga alla svelta nella confusione \ e in un attimo mi sono allontanato da lì perché, ohiii..., mi era preso un bel caldone!

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna