Logo new 02

At Fat Mond minLa guèra in Bosnia la j era finoida da poch,
mo ma la zenta u j a mancaèva d'inquèl, par na doi di baioch.
Mè e Renzo, 'd nòsta vuluntà, a sima andé a là
parchè a vlimi vdòi cmè ch'is'putòiva aiuté int cal dificultà.
A durmoi a simi 't una caèsa 'd du vcet
che par faès capoi as fimi dal gran mòsi e suriset.
La sòira, un po' se' taèrd, e' segretaèri de' sendich u s'avnet a truvaè
parchè us vlòiva doi e' prugrama de' dè dop e quèl ch'u j era da faè.
Leu però e' zcuròiva snò l'inglòis, gnenca una parola d'italien,
mo mè a s'era andaè a scola e acsè s'un surois ò det pien:
  “Renzo, tè sta tenti e segna tot inquèl
  ch'a j a pens mè a tradeus ch'sèl ch'e doi ste taèl!”.
Sè, tot a pòst, alòura leu e taca parola par parola
e mè urèci dreti pr'arcurdaèm sèl ch'avòiva imparaè a scola.
  “A 'd matòina... e ven leu... 't agl'j òt... pu a s'aviem a pì...
  e us porta da e' mayor; ou mo ch'i ch'l'è e' mayor?...Ah e' sendich, okay, sì, sì!”.
Bon, bon, am cardòiva 'd pez, invici ò capoi tot quèl ch'l'à det,
e s'una strèta 'd maèna e una bonanòta a sem andé 't i nost let.
La matòina, invici, e ven una sgnòura s'una Golf, la s'fa segn 'd muntaè so
e l'as' porta a vdòi i magazòin duvò ch'u j era la ròba ch'a j avimi mandaè zò.
  “Ah tè t sé l'inglòis vèra? Sa l'òs-cia sèl t'é capoi irsòira! Mè a fidem 'd tè...!”.
  “Valà balosa, s' j à cambié e' prugrama, sèl ch'a j òintar mè?”.
O lòu j à stravolt inquèl, o mè a n'ò capì gnent;
a ne savrem mai coi ch'u s'è merité un azident.

 

Il traduttore
La guerra in Bosnia era terminata da pochi giorni, \ ma alla gente mancava di tutto, per non dire dei soldi in quei dintorni. \ Io e Renzo, di nostra volontà, eravamo andati là \ perché volevamo  vedere come si potevano aiutare in quelle difficoltà. \ A dormire eravamo in una casa di due vecchietti, \ che per farci capire ci facevamo delle grandi mosse e sorrisetti. \ La sera, un po' sul tardi, il segretario del sindaco ci venne a trovare \ perché ci voleva comunicare il programma del giorno dopo e ciò che c'era da fare. \ Lui però parlava solo l'inglese, neanche una parola di italiano, \ io però ero andato a scuola e così con un sorriso ho detto piano: \ “Renzo, tu sta attento e segnati ogni cosa essenziale \ che ci penso io a tradurre ciò che dice questo tale!”. \ Sì, tutto a posto, allora lui comincia a scandire parola per parola \ ed io orecchie dritte per cercare di ricordarmi ciò che avevo imparato a scuola. \ “Domattina...viene lui...verso le otto...poi ci avviamo a piedi di qui \ e ci porta dal mayor; ohi, ma chi è il mayor?... Ah, il sindaco, okay, sì, sì!”. \ Bene, bene, credevo di peggio, invece ho inteso tutto quello che ha detto, \ e con una stretta di mano e una buona notte siamo andati a letto. \ Alla mattina, invece, viene una signora con una Golf, ci fa segno di salire \ e ci porta a vedere i magazzini dove c'era la roba che avevamo raccolto da spedire . \ “Ah, tu sai l'inglese vero? Chissà cos'hai capito tu ieri sera! Io a fidarmi del tuo balbettio!”. \ “Valà coglione, se hanno cambiato programma, cosa c'entro io?”. \ O loro hanno stravolto ogni cosa, o io non ho capito niente; \ non lo sapremo mai chi si è meritato un accidente.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna