Logo new 02

At fat mond chilt minA simi piòtòst dalongh da què, ‘d là de’ “maèr ‘d ciòura”, cmè ch’i giòiva ‘na volta,
in Croazia, in bona cumpagnì int chi bèi post a magné al su bontà a paènza s-ciolta.
Che mezdè avimi smagnazè a la mèi parchè a simi andé a visitaè un’isulèta
e a lè u j era un barèt snò, us magneva quèl ch’u j era e un t carsòiva la panzèta.
Pr’impinoi e’ budèl, ai bbimi drì beri e cafè in quantità,

mo la faèna u n’è ch’la sa fosmi cavaèda tota, gema ch’a simi a mità.
   “Valà ch’as fem a paèra stasòira!”,  a pansimi fort s’j occ brudeus,
   “a truvem un bon risturaènt e as fem una spanzaèda da impinoi tot i beus,
   ad pès però, èh? Vest che a qua e gòsta poch a na prufiten l’è un pcaè,
   irsòira sa maènch ‘d queng euro pr'on avem tirat a s-ciupaè!”.
Sla guoida u j era scret d’un risturaènt duvò che a lè us magneva ben,
bon, sa sem tot d’acord ai fem una telefunaèda e a prenutem:
   “Se avete posto siamo in 24 e saremo lì alle 20. Okkei?... Okkei!”.

 

Quella sera della “Nouvelle cousine” (Prima puntata)

Eravamo piuttosto lontano da qui, di là del “mare di sopra”, come lo chiamavano una volta, \ in Croazia, in buona compagnia in quei bei posti a mangiare le loro bontà a pancia sciolta. \ Quel mezzogiorno avevamo smangiucchiato perché eravamo andati a visitare un’isoletta \ dove c’era solo un baretto, si mangiava quello che c’era e di sicuro non ti cresceva la pancetta. \ Per riempire lo stomaco, ci bevevamo birre e caffè in quantità, \ ma la fame non è che l’avessimo soddisfatta del tutto, diciamo a metà. \ “Valà che ci facciamo pari questa sera!”, pensavamo intensamente con occhi colmi di avidità, \ troviamo un buon ristorante e ci facciamo una spanciata da colmare tutte le cavità, \ di pesce però, eh? Visto che qua costa poco non approfittarne è un peccato, \ ieri sera con meno di quindici euro ciascuno fino a crepare abbiamo tirato !  \ Sulla guida c’era scritto il nome di un ristorante dove si mangiava ottimamente, \ bene, se siamo tutti d’accordo facciamo una telefonata e prenotiamo immediatamente: \ “Se avete posto siamo in 24 e saremo lì alle 20. Okay?... Okay!”.

Òs-cia, che pòst!

A sem rivat un po’ pròima, cio, avimi una faèna ch’a la avdimi,
e’ pòst l’era si screch, da la vidraèda de’ risturaènt u s’avdòiva e’ zil pin ‘d stlini,
agl’j òndi de’ maèr, ch’agl’j avnoiva a sbat sla spiagia a dis metar da nòun,
al paròiva una musica ch’j aves mes a pòsta par l’ucasiòun.
   “Òrca burdel, se la bontà la è paèra ma la belèza,
   stasòira l’arvanzarà 't la storia. Guardé che pòst, che finèza!”.
Cunvoint d’avòi capaè ben, antrem 't e’ risturaènt
e una sgnuròta, stoida da cuga, la s’ ven incòuntra s’un surois elegaènt,
la zcuròiva un mèz italien ch’un sa capoiva tot inquèl,
mo nòun a sa fidimi distès, cio, a lè ‘d dròinta l’era acsè bèl!
La giòiva quèst e quèl, mo niseun u j à fat caès, avimi una faèna putaèna,
as saresmi magnè un bò, l’era cmè sa fosmi a digieun da una stmaèna,
us bastaèva sèl ch’avimi capoi: paèn fat in caèsa, antipast, risòt, sgònd e vòin cumpròis.
Disdòi m’un tavlòun a zcarzimi e a ridimi cmè s’a fosmi 't e’ bar de’nòst pajòis.

 (La cuntenua)

Ostia, che luogo!
Siamo giunti un po' prima, ohi, avevamo una fame che la vedevamo, \ il posto era bellissimo, dalla vetrata del ristorante il cielo pieno di stelline ammiravamo, \ le onde del mare, che venivano a infrangersi sulla spiaggia a dieci metri dalla nostra posizione, \ sembravano una musica che avessero attivato proprio per l’occasione. \ “Orca ragazzi, se la bontà è pari alla bellezza, \ questa sera rimarrà nella storia. Guardate che luogo, che finezza!” \ Convinti d’aver scelto bene, entriamo nel ristorante, \ e una signora pienotta, vestita da cuoca, ci viene incontro con un sorriso elegante, \ parlava un po’ d’italiano e non si comprendeva ogni tassello, \ ma noi ci fidavamo lo stesso, ohi, lì dentro era così bello! \ Diceva di questo e quello, ma nessuno le prestava attenzione, avevamo una fame puttana, \ ci saremmo mangiati un bue, era come se fossimo a digiuno da una settimana,  \ ci bastava ciò che avevamo capito: pane fatto in casa, antipasto, risotto, secondo e vino compreso. \ Seduti ad un tavolone scherzavamo e ridevamo come se fossimo al bar del nostro paese.

 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna