Logo new 02

At Fat Mond minL'aroiva e' paèn
A simi acsè ciapé a pansaè ma tot cal ròbi boni ch’la s’avòiva det,
che ma niseun u j è vnu e’ pansir ad dmandaèi  e’ prezi; mo sé, fema i sburunzet.
La sgnòura la s’ven da caènt e la s’fa:“Qualcuno non mangia il crudo? Io non so!”.
Quatar j aèlza la maèna. “Va bene per voi la zuppa di pesce o no?”.
Òs-cia che sé, intaènt purtes e’ paèn, a tachem sa quèl pròima ch’us venga un malòur.
Is porta tri zistin pin ‘d pagnutini poch più gròsi a t cal ghegi se’ curidòur,
ad fura agl’j avòiva una bèla cròsta, mo ad dròinta l’era tot spas,
e dis mineud dòp, cmè di burdel, as tirimi al palutini ‘d paèn cmè se fos di sas.
Sa cla faèna ch'avimi, la cròsta la è sparoida 't un sgònd, a s'la ragnimi,
e' stòngh e sburbutlaèva piò fort, mo senza pansaè ma gnent, noun a ridimi e a ridimi!

Arriva il pane
Eravamo talmente assorti a pensare a tutte quelle cose buone che ci aveva declamato, \ che a nessuno è venuto il pensiero di chiedere quanto ci sarebbe costato. \ La signora ci viene accanto e ci fa: “Qualcuno non mangia il crudo? Io non so!”. \ Quattro alzano la mano. “Va bene per voi la zuppa di pesce o no?”. \ Ostia che sì, intanto portateci il pane, cominciamo con quello prima che ci venga un malore. \ E ci portano tre cestini pieni di pagnottine poco più grosse di quelle palline col corridore, \ all’esterno avevano una bella crosta, ma dentro era crudo impastino, \ e dieci minuti dopo, simili a bambini, ci tiravamo le palline di pane come se fossero un sassolino. \ Con quella fame che tenevamo, la crosta è sparita in un attimo, ce la sgridavamo, \ lo stomaco brontolava più forte, ma senza pensare a niente, noi ridevamo e ridevamo!

 

Ooooh...us taca a magné

Cio, e’ magné u n’ariveva e la faèna la carsòiva, pu finalmòint un camarir;
l’àvòiva un piat laèrgh cmè un capèl ‘d paia e sòura una tazòuna smaltaèda ‘d nir.
 “Chi zuppa di pesce?”. U i la fa a dmandaè!
 “Io, io…!”. L’aèlza la maèna la Rita ch’la n’avdòiva l’òura ‘d tacaè,
cio, l’era un pèz ch’l’an magneva da bon parchè la era staèda 't un zòintar sò da là,
duò ch’u s’avòiva da calaè zòincv chel in sèt dè e ch’la epa fat la faèna, us sa,

e adès la s’vlòiva cavaè la voja par faès a paèra ‘d quèl ch’la s’era pers,
fos staè par lì, e s’ui n’un fos staè, l'as sareb ingulaè l’univers.
I i slonga dòunca e’ piatòun se’ tazòun ch’e fumeva d’un bèl fura da e’ nurmaèl,
mo quand ch’la s'e vòid davaènti u j a maènca poch ch’u ni venga maèl.
Se’ fònd ‘d ste tazòun, ch’e paròiva una supira, u j era dò doidi ‘d brudin,
la infoila la furzòina par tiré sò e’ pès, mo l’è tot’aqua d’un bèl culurtin.
La ciapa e’ camarir par la giachèta e guasi l’ai rogg 't e’ dmandaèi e’ parchè:
 “Il pesce? Qui non c’è il pesce, ma dov’è?”.
E pu in dialèt: “Mo sa fai a pòsta? Im vo faè muroi a què?”.
Gnent da faè, da lòu la sopa ‘d pès la s’fa acsè!
(La va avaènti ancòura)

 

Oooh...si inizia a mangiare
Ohi, il cibo non arrivava e la fame cresceva, poi finalmente il cameriere; \ aveva un piatto come un cappello di paglia e sopra una grossa tazza smaltata di vernice nera. \ “Chi zuppa di pesce?”. Riesce a domandare! \ “Io, io…!”. Alza la mano Rita che non vedeva l’ora di iniziare, \ ohi, era un pezzo che non mangiava a sazietà perché era stata in un centro su di là, \ dove doveva dimagrire cinque chili in sette giorni e che avesse fatto la fame, si sa, \ e adesso si voleva togliere la voglia di farsi pari di ciò che aveva perso, \ fosse stato per lei, e se ce ne fosse stato, si sarebbe ingoiato l’universo. \ Le allungano dunque il piattone col tazzone che fumava di un bello fuori dal normale, \ ma quando se lo vede davanti poco c’è mancato che le venisse male. \ Sul fondo di questa grossa tazza, che sembrava una zuppiera, c’erano due dita di brodino, \ affonda la forchetta per infilzare il pesce, ma è tutta acqua di un bel colorino. \ Prende il cameriere per la giacchetta e quasi gli urla nel chiedergli il perché: \ “Il pesce? Qui non c’è il pesce, ma dov’è?”.  \ E poi in dialetto: “Ma fanno apposta? Mi vogliono far morire qui?”. \ Niente da fare, da loro la zuppa di pesce si fa così! 
(Continua ancora)

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna