Logo new 02

At Fat Mond minSe quèst l’è l’antipast… 

Ah, bèl lavòur, zenta, sa quèsta an s’lavem a gnenca al budèli!
I ridoiva quei de’ creud, lòu i s’aspitaèva un piat pin ‘d ròbi boni e bèli,
e invici l’an gn’è andaèda mèi,  ènca ma lòu i j à port un gran piatòun,
mo 't e' mèz u j era una pulpitina scheura, sa l’òs-cia ‘d chè, da magné int un bcòun,
la j era infileda 't un batèch ‘d legn longh dò spani e int un sgònd la era sparoida.
  “Tot a què? Vuilt e maènch a j avoi smulgaè e’ paèn, nòun an la j avem santoida!”.
  “Mo av sì ingulaè la pulpèta?”, e saèlta sò Moreno a bacajé,
  “Guardé che quèla l’an gn’òintra gnent, l’è e’ batèch ch’u sa da magné!”.
E e feva finta ‘d daèi ‘d mors ‘d dròinta e us sugheva i zapal s’un tvaiul
acsè laèrgh che da bon ut deva l’ideia ch’j aves fat a pez un lanzul .
Intaènt  e’ vòin, che 't e’ prinzoipi i s’n’avòiva daè un cech 't un fònd ‘d bicir,
l’era finoi da un pèz e sla taèvla bòci u ni n’era, boh? Ou, cema mo e’ camarir!
  “Cameriere, il vino! Manca il vino!”.

Se questo è l’antipasto…
Ah, bel lavoro, gente, con questa non ci laviamo neanche le budella! \ Ridevano quelli del crudo, loro si attendevano un piatto pieno di cose buone e belle, \ e invece non è andata meglio, anche a loro hanno portato un grande piattone, \ ma nel mezzo c’era una polpettina scura, non si sa di ché, da mangiare in un boccone, \ era infilata in un bastoncino di legno lungo due spanne e in un secondo si è dileguata. \“Tutto qui? Voi almeno avete intriso il pane, noi neanche l’abbiamo assaggiata!” \ “Ma vi siete ingoiati la polpetta?”, salta su Moreno a gridare \ “Guardate che quella non c’entra niente, è il bastoncino da mangiare!” \ E faceva finta di dargli di morso e si asciugava le labbra con un tovagliolo \ così largo che sul serio ti dava l’idea che avessero fatto a  pezzi un lenzuolo. \ Intanto il vino, che all’inizio ce ne avevano dato un goccio nel fondo del bicchiere, \ era terminato e sulla tavola bottiglie non ce n’erano, boh? Ohi, chiama mo il cameriere!  \“Cameriere, il vino! Manca il vino!”
 

 

Splendeur e miseria de’ risòt

E ste camarir, che d’italien e giòiva savòi snò un po’ ‘d biastòimi e ‘d bujarì,
l’è ‘rvàt sobit dòp s’una bòcia, u n’à mes dò doidi 't i bicir svuit e l’è ciap vì.
Cio, as guardimi 't la faza e a scrulimi la tèsta sa di brot pansir,
vut avdòi ch’a vem ciapaè una ciaveda, l’era mèi ‘d che po’ ir.
Oh, finalmòint e’ risòt, mo vest l’andaz a gimi ch’i s’n’un deva un plech,
e invici is fa da la Pasquina e i n’un porta un piat pin propi si screch.
 “Oh, l’è tròp, coi ch’un vo un po’che mè a n’ò tot sta faèna,
   par mè un piat acsè l’è sa pr’una stmaèna!”.
Se’ mumòint niseun, un piat acsè e basta pr’una fameia o pr’un braènch,
mo sobit dòp as sem pantoi, cio, 't i piat ch’i purtaèva, ui n’era sempra ‘d maènch,
't j eutum pu u j era sè e na cal dò scuciaraèdi che tra ‘d nòun us pansaèva
e ma Rino, ch’l’era in caèv da fat, u ni tuchet gnent, tot a magnimi e leu e guardaèva.
An savimi se roid o se pienz, mo quant che un quaèrt d’òura dòp i n’à port un piatlòin
a la j avem mesa in roid che a ste peunt as simi rasignì me’ nòst distòin.
Ui giòiva Ciofle: “Òs-cia Rino, i t'à daè e’ rois ch’l’era la paèrta de’ caèn,
   l’è par quèl che e’ camarir l’era un po’ ch’un s’avdòiva a purtaè vòin e paèn,
   l’era andaè ‘d fura a recuperaè j avinz pròima ch’u si magnes tot,
   sint adès at casòin  che fa cla bes-cia  parchè par daèl ma tè j à ciavé i su masgot!”.

(U i n'è un'aènta e pu e basta)

 

Splendori e miserie del risotto
E questo cameriere, che di italiano conosceva forse solo qualche bestemmia e imprecazione, \ è arrivato poi con una bottiglia, ne ha versato due dita ed è ritornato nella solita direzione. \ Ohi, ci guardavamo in faccia e scuotevamo la testa con dei brutti pensieri, \ vuoi vedere che abbiamo preso una fregatura, era molto meglio ieri. \ Oh, finalmente il risotto, ma visto l’andazzo pensavamo ce ne dessero un assaggino, \ e invece iniziano da Pasquina e gliene portano un piatto così pieno da strappare un gridolino. \ “Oh, è troppo, chi ne vuole un po’ che io non ho tutta questa fame, \ per me un piatto così è sufficiente per una settimana!”. \ Al momento nessuno, un piatto così basta per una famiglia o un gruppo almeno, \ ma subito dopo ci siamo pentiti, ohi, nei piatti che portavano ce n’era sempre di meno, \ negli ultimi poi c’erano si e no quelle due cucchiaiate che tra di noi si pensava \ e a Rino, che era l’ultimo, non gli toccò niente, tutti mangiavamo e lui guardava. \ Non sapevamo cosa pensare, ma quando un quarto d’ora dopo gliene hanno portato un piattino \ l’abbiamo presa in ridere e a questo punto ci siamo rassegnati al nostro destino. \ Gli diceva Ciofle: “Ostia Rino, ti hanno dato il riso che era riservato al cane, \ è per quello che il cameriere era un po’ che non si vedeva portare vino e pane, \ era andato di fuori a recuperare i rimasugli prima che se li mangiasse avidamente, \ senti il casino di quella bestia, per darlo a te gli hanno rubato i suoi bocconi completamente!”.
(Un'altra puntata ancora)

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna