Logo new 02

Bòi, bòi, che pu a fem i cheunt

At fat mond chilt minSempra Ciofle sobit dòp u s’è mes a ragné se’ camarir pr’e’ vòin,
ui giòiva in dialèt fasendi vdòi la zurma e sbatend se’ taèval e’ zistòin:
  “Mo boia d’un sgrazié, ma tot ta j impines e’ bicir e mu mè t’am m’n'un dé un doid?  
   Ch’ut vegna un azident, lasa a lè cla bòcia, avem sòida, t’an void?”.
Ou, vut avdòi che ste camarir  e capes e’ nòst dialèt e i nost det,
cio, s’un surisin stort la sbateu la bòcia sla taèvla e u s’n’è andaè a cul dret! 
Un paèra ‘d mineud dòp l’è arturnaè e u s’na zòunt agl’j aèlti dò pini ‘d vòin,
mo s’una faza cmè se vles doi: “Tò, bòi pataca, valà che i cheunt ai fem a la fòin!”

Bevi, bevi, che poi facciamo i conti
Sempre Ciofle subito dopo si è messo a sgridare il cameriere per il vino, \ gli diceva in dialetto con uno sguardo cattivo e sbattendo sul tavolo il cestino: \ “Ma boia di un disgraziato, a tutti riempi il bicchiere e a me ne dai un  dito? \ Ma che ti venga un accidente, lascia lì quella bottiglia, abbiamo sete non hai capito? \ Ohi, vuoi vedere che questo cameriere comprende il nostro dialetto e il nostro parlato, \ infatti, con un sorrisino di traverso ha sbattuto la bottiglia sulla tavola e se n’è andato seccato! \ Un paio di minuti dopo è ritornato e ne ha aggiunte altre due piene di vino, \ ma con una faccia come se volesse dire:- A te, bevi salame, lo facciamo alla fine il conticino!

Di piat acsè lostar in s’era mai vest
Am sparagn ‘d racuntaè de’ sgònd, la padròuna la s’avòiva det ch’la s' deva e’ pès,
boh, ad che raza un l'à capoi niseun, mo an fimi piò caès ma gnent e a ridimi distès.
L’era un filitin trasparent, bon, mo un gn’era gnenca bsògn ‘d biasè,
a n’avem fat in temp a santoi l’umòur ch’a se simi magné 't un fié,
òs-cia però acsè un gn’è gost, quèsta l’è l’eutma purtaèda ch’i sa fat,
e alòura smòlga pu cla meca ‘d paèn int cal dò gòzli d’oli arvaènzi 't e’ piat,
piat ch’un gn’era gnenca bsògn ‘d lavaèi, a j avem lasé lostar e puloi,
e as sem alzé acsè lizir che a gimi che ad sicheur stanòta u n’era fadoiga a durmoi.

Dei piatti così lucidi non s’erano visti mai
Mi risparmio di raccontare il secondo, la padrona  il pesce ci aveva promesso, \ boh, di che specie fosse non l’ha capito nessuno, ma non ci facevamo caso e ridevamo lo stesso. \ Era un filettino trasparente, buono, ma non c’era bisogno che fosse masticato, \ non abbiamo fatto in tempo a gustarcelo che in un attimo ce lo siamo ingoiato, \ ostia però così non c’è gusto, questa poi è l’ultima portata che ci ha fatto, \ e allora intingi pure quello strano pane in quelle due gocce d’olio rimaste nel piatto, \ piatti che non c’era alcun bisogno di lavarli, li abbiamo lasciati lucidi e neanche da pulire \ e ci siamo alzati così leggeri che dicevamo che sicuramente stanotte non era fatica dormire.

Un còunt salaè, mo al risaèdi fati al n’à prezi
Mo e’ pez l’è staè quant ch’i sa port e’ còunt, e ridoiva e’ camarir: 48 euro a tèsta,
mo sa j èl mat? Andem vì s’la faèna, e a dmandaè i suld quest moiga i s’agrèsta,
la j avòiva pu det la sgnòura ch’ la se rigalaèva lì e’ vòin sèch,
ah sè, òs-cia at rigal, dò doidi pr’on giost acsè par bagné e’ bèch!
Valà “Nuovelle Cousine” va int e’ casòin, staèlta volta an fem i patagna,
pròima ‘d tot a cuntrulem la larghèza di piat: piò j è grend e maènch us magna.
Cla sòira un gn’è staè dobi che se’ magné an sem par gnent spanzé,
mo quant ch’avem rideu, e’ biglièt l’è staè un po’ caèr, mo da bon as sem impacé.
Da cla sòira d'avroil l'è pas un po' d'an, mo tot al volti ch'a s'incuntrem
sta storia la s' ven inamòint e ènca adès, cmè alòura, a ridem e a ridem!
(La j è finoida da bon)
 

Un conto salato, ma le risate fatte non hanno prezzo
Ma il peggio è stato quando ci hanno portato il conto, rideva il cameriere: 48 euro a testa, \ ma cosa sono matti? Andiamo via con la fame, e nel domandare i soldi questi fanno festa, \ aveva poi detto la signora che ce lo regalava lei il vino secco, \ ah sì, ostia che regalo, due dita per uno tanto per bagnare il becco! \ Valà “Nuovelle Cousine” va nel casino, quest’altra volta non facciamo i minchioni, \ prima di tutto controlliamo la larghezza del piatto, più sono grandi e meno si saziano i mangioni. \ Quella sera non c’è stato dubbio alcuno che col mangiare non ci siamo affatto abbuffati, \ ma quanto abbiamo riso, il biglietto è stato un po’ caro, ma sul serio ci siamo spanciati. \ Da quella sera d'aprile sono trascorsi un po' di anni, ma tutte le volte che ci incontriamo \ questa storia ci torna alla mente e anche adesso, come allora, ridiamo e ridiamo.
(Fine)

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna