Logo new 02

Logo new 02

At Fat Mond minBèla zurnaèda fresca che dè ch'a vnoiva zò da Sanmaròin,
andeva a pala parché avòiva da rivé a caèsa pristòin,
a s'era 'd là di quaraènta a l'òura e ancòura 'd piò a carsòiva,
ch'a m'infaz d' una machina ch'la ven da una stradòina
e senza farmaès me' stop, la s'infoila 't e' stradòun.
Ai faz un fat rugiaz da spraè piò fort d' un tòun
e am tach me' freno par blucaè la cheursa sa tut dò al maèni e svelt cmè e' vent,
mo intaènt ste pataca, ch'un savòiva piò sèl ch'faè, l'andeva avaènti lent, lent,
e pu u sa ferma da sèch propi duò ch'avòiva da pasaè mè,
ò pighé una spala e a mi sò bot 'd dròinta, cio, mèi an putòiva faè.
Òs-cia 'd bòta, pr'un po' a n'ò capoi gnent, ò ceus j occ da e' scagaz,
mo pena ch'a j ò virt, ò vest trè biundòuni ch'al n'era di nost paraz:
“Stai fermo signore, non ti muovere e aspetta lì!”.
Mo sé, 't e' vdòi trè fis-ci acsè, ò fat un saèlt e am sò mes in pì,
ai faz avdòi ma stal badaènti rossi 'd sburòun ch'a sò,
mo u m'è vnu sobit inamòint ch'avòiva pressia, dai valà temp da perd an n'ò.
L'umarein dla machina u mè vneu 'd zcaènt, l'era un vcèt,
e tarmaèva cmè una foja, e giòiva vòi piò d' utentan e' purèt.
“Scusé, scusé, an v'avòiva vest arivé, av sì fat maèl?
  adès a ciem l'ambulaènza par purtaèv 't l'òspedaèl!”.
“'T l'òspedaèl a j andrì vò, mè a vagh a caèsa, ò da cus e' pòl!”.
“Alòura a ciem un taxi ch'an ste ben, uv ven zò e' sangv me' còl!”.
“U n'è gnent, a stagh ben, am sarò fat un scòurgh 't la cascaèda,
  adès a ciap 't la biciclèta e a vagh a caèsa 'd scaranaèda!”.
“Mo la biciclèta la s'è 'rdota un gavagn, la è tota invruceda!”.
“Mo na, u s'è stort e' manubrio, adès ai la dagh mè un indrizeda,
 ò pressia cl'òm, ò d'andaè vì, vò scrivoim e' vòst indirez,
  ch'un sa mai ch'u n'epa da vnoi fura di sghiribez!”.
Ò infurcaè la bici, a sò partoi e andeva ènca fort,
mo piò am sluntanaèva e piò e carsòiva e' maèl, a cnòiva staè tot tort.
Ma caèsa an gn'é la feva a s-cend, ma la mòi u j è bastaè un mèz zcòurs,
la m'à smanaè, un bagnèt e via 'd cheursa a Cesòina 't e' pròunt sucòurs.
Fat j esem, un òs dla spala manzòina ròt, e' didòun dla maèna stort e brot,
dò costi incrinedi, brasoli, sgrafagn e pisteun dimpartot.
I duteur i n'i cardòiva ch'a s'era vnu zò in bicicletà mes acsè,
e gnenca quei dl'asicuraziòun j era persues e i m'n'à fat dal brèti pròima 'd pagaè,
i giòiva ch'am s'era mes d'acord se' vcin e ch'l'era tota ròba strulgaèda,
ch'un s'avnòiva zò da Sanmaròin cunzé acsè e s'la bici spzaèda,
sé, parchè u s n'è infat e' mecanich d'una brota crepa 't e' tlaèr.
Ou, a sò chesch ch'l'era nuvembar, ò ceus la quis-ciòun in caèv a febraèr.

 

Capitombolo numero uno

Bella giornata fresca quel giorno che scendevo da San Marino, \ andavo veloce perché dovevo arrivare a casa prestino, \ procedevo oltre i quaranta all'ora e ancora di più aumentavo l'andatura, \ che mi accorgo che da una stradina giungeva una vettura \ e senza fermarsi allo stop, si infila nello stradone. \ Le lancio un urlaccio da disperato più forte di un tuono \ e mi aggrappo al freno per bloccare la corsa con entrambe le mani e svelto come il vento,\ ma intanto questo imbranato, che non sapeva più cosa fare, procedeva lento, lento, \ e poi si ferma improvvisamente proprio dove io dovevo transitare, \ ho inclinato una  spalla e mi sono buttato dentro, ohi, meglio non potevo fare.\ Ostia che botta, per un attimo non ho capito niente, ho chiuso gli occhi dalla preoccupazione, \ ma appena li ho aperti, ho visto tre biondissime che non erano di questa nazione: \ “Stai fermo signore, non ti muovere e aspetta lì!”. \ Invece ho fatto un salto e mi sono messo in piedi, nel vedere tre belle ragazze così, \ faccio vedere a queste badanti russe che forte che sono però, \ ma mi è venuto subito in mente che avevo fretta, dai valà che di tempo non ne ho. \ L'ometto della macchina mi viene accanto, era un vecchietto, \ e tremava come una foglia, poteva avere più di ottant'anni il poveretto. \ “Scusate, scusate, non vi avevo visto arrivare, vi siete fatto male? \ Adesso chiamo l'ambulanza per portarvi in ospedale!”. \ “Nell'ospedale ci andrete voi, io vado a casa, devo cuocere un pollo!”. \ “Allora chiamo un taxi che non state bene, vi scende il sangue lungo il collo!”. \ “Non è niente, sto bene, mi sarò fatto una ferita nel ruzzolone, \ adesso prendo la bicicletta e vado a casa con grande precipitazione!”. \ “Ma la bicicletta è tutta rotta, è tutta aggrovigliata!”. \ “Ma no, si è storto il manubrio, adesso le do io una regolata, \ ho fretta buon uomo, devo andare via, voi scrivetemi il vostro indirizzo, \ che non si sa mai che non debba emergere qualche sghiribizzo!”. \ Ho inforcato la bici e andavo anche forte appena partito, \ ma più mi allontanavo e più cresceva il male, per cui ero costretto a stare tutto rattrappito. \ A casa però non ce la facevo a scendere, alla moglie è bastato un mezzo discorso, \ mi ha spogliato, una doccia e via di corsa a Cesena al Pronto Soccorso. \ Eseguiti gli esami, un osso della spalla sinistra era rotto, il pollice della mano sinistra storto e brutto, \ due costole incrinate, braciole, graffi e pestoni dappertutto. \ I dottori non ci credevano che ero venuto giù in bicicletta messo così, \ e neanche quelli dell'assicurazione erano convinti e me ne hanno fatte di storie prima di pagare, \ dicevano che mi ero accordato col vecchietto e che era tutta una storia inventata, \ che non si veniva giù da San Marino conciato così e con la bici spezzata, \ sì, perché se n'è accorto il meccanico di una brutta crepa nel telaio. \ Ohi, sono caduto che era novembre, ho chiuso la questione alla fine di febbraio.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna