Logo new 02

Logo new 02

At Fat Mond minL’era mità loi, un caèld da l’òs-cia e fulaèdi ‘d garbòin cmè di s-ciaf 't la faza
quant ch’andeva sò in biciclèta me’ pas de’ “Grel” sa madòs una gran buvaza.
Um paròiva d’ès cmè quèl dal foli che duvò ch’e pasaèva e laseva e’ su segn,
la stresa de’ mi sudòur la giòiva ch’a s’era pas da lè sa tot e’ mi impegn.
Tot da sèch u m’aroiva ‘d scaènt un ciavarlin frèsch cmè una rosa
  ch’um fa: “Forza collega, cos’è sta fiacca, oggi ci si riposa?”.
    “Sta da santoi Pantani, adès at degh al mi miseuri e pu fali tè al conclusiòun:
     io sono centottanta per sessantadue per centocinque, sa doit ‘d sta situaziòun?”
    “Mah, non capisco, non so a cosa ti riferisci di preciso,
     a vederti così sembri normale, sono un po’ indeciso!”.
   “Zentutaènta l’è la stateura, sèntadò j è j an e zentezòinqu i chel bsé stamattina,
     sèl t pansivi, patagna, ch’aves e’ cheul e al tèti dla Ferilli o d’una velina?”.
   “Orca hai ragione così è dura andare in montagna,
     io invece ho fatto la “Nove Colli” in meno di sette ore, una cuccagna!”.
   “E mè invici ò fat la “Nove piatti”, 'na  gudeuria e senza nisona fadoiga,
     nov purtaèdi am sò fat fura e pu, par dè rèta me’ dietologo, a sò staè in roiga,
     parchè leu u m’à det che a taèvla ò d’arnunziè ma quaicosa sa voi calaè e’ pòis.  
     e acsè da  alòura an magn piò l’insalaèda e la vardeura frèsca de’ mòis.
     Valà che 't la “gran fondo” dla biciclèta avrò i mi prublem a staèt drì,
     mo 't la “gran fondo” dla taèvla parceda a sò sempra davaènti si mèi di sgulmì!”.
Cio, u m’à guaèrs s’l’òcc invalnaè, pu u s’é indrizé si pedel, l’à gnurgné un: “òh!”,
dò pedalaèdi e u m’à lasé se’ pòst, l'à zirat la curva e an l’ò vest piò.

Su per il passo del Grillo

Era metà luglio, un caldo dell’ostia e folate di garbino come schiaffi in faccia \ quando andavo su in bicicletta per il passo del “grillo” con una grande faticaccia. \ Mi sembrava di essere come quello delle favole che dove passava lasciava il segno, \ la scia del mio sudore diceva che ero passato di lì con tutto il mio impegno. \ Improvvisamente mi arriva di fianco un piccoletto fresco come una rosa \ che mi fa: “Forza collega, cos’è sta fiacca, oggi ci si riposa?”. \ “Sta a sentire Pantani, adesso ti dico le mie misure e poi falla tu la conclusione: \ io sono 180 per 62 per 105, cosa dici di questa situazione?”. \ “Mah, non capisco, non so a cosa ti riferisci di preciso, \ a vederti così sembri normale, non so, sono un po’ indeciso!”. \ “Centottanta è la mia statura, sessantadue gli anni e centocinque i chili pesati stamattina, \ cosa pensavi, fregnone, che avessi il culo e le tette della Ferilli o di una velina?”. \ “Orca hai ragione, così è dura andare in montagna, \ io invece ho fatto la “Nove Colli” in meno di sette ore, una cuccagna!”. \ “E io invece ho fatto la “Nove Piatti”, un godimento e senza nessuna fatica, \ nove portate mi sono fatto fuori e poi, per dar retta al dietologo sono stato in riga, \ perché lui mi ha detto che a tavola devo rinunciare a qualcosa se voglio calare il peso, \ e così da allora non mangio più l’ insalata e le verdure fresche del mese. \ Valà che nella “gran fondo della bicicletta” avrò i miei problemi a star dietro ai corridori, \ ma nella “gran fondo della tavola apparecchiata” sono sempre coi migliori mangiatori!”. \ Ohi, mi ha guardato con l’occhio avvelenato, poi si è drizzato sui pedali, ha biascicato un: “oh!”, \ due pedalate e mi ha lasciato sul posto, ha girato la curva e non l’ho visto più però.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna