Logo new 02

Logo new 02

At Fat Mond minSla piaza dla Pargaia u j è una funtanèla
s’un’aqua sempra frèsca ch’la va zò a garganèla,
ta t la bbireb tota d’un fié, senza stacaè,
e u t dispis quèla ch’la avaènza che t’an t la pu sculaè.
Pedaèla e pedaèla sò ma chi grep e tra chi calancheun,
u m’era vneu una gòula sèca che la lengua l’am feva e’ feun.
Cio, l’era una fat caldaz che dè 'd loi a pedalaè,
che prinfena al zgheli as feva vent par na s-ciupaè.
S’un fos staè pr’e pansir ‘d cl’aqua, am sareb daè a la macia,
acsè a n’ò fat temp a rivé, che sobit ò impinoi la buracia.
Pu am sò puzaè m’una pienta a lè se’ marciapì,
ò ceus j occ, ò bot la tèsta d’indrì,
e: glo…glo…glo…glo…glo…
ah, che gost! A giòiva propi da na smet piò!
Quant ch’am sò cavaè la sòida, a m’n’un sò infat d’un vcèt
ch’um fiseva divartoi e s’un curiòus surisèt.
A s’era drì a tiré un bèl fié ‘d sudisfaziòun
ch’u s’è fat avaènti e u m’à det senza nisona indecisiòun:
  “Òs-cia cl’òm, avì magné salaè, èh?”.

L’acqua  fresca di Perticara

Nella piazza di Perticara c’è una fontanella \ con un’acqua sempre fresca che va giù a garganella, \ te la berresti tutta in un fiato, senza staccare, \ e ti dispiace quella che rimane perché non te la puoi scolare. \ Pedala e pedala su per quelle erte e tra quei calanchi, \ mi era venuta una gola secca che la lingua mi faceva il fumo. \ Ohi, era una razza di caldo quel giorno ti luglio a pedalare, \ che persino le cicale si facevano vento per non scoppiare. \ Se non fosse stato per il pensiero di quell’acqua, mi sarei dato alla macchia, \ così non ho fatto in tempo ad arrivare, che ho riempito la borraccia. \ Poi mi sono appoggiato ad un albero lì sul marciapiede, \ ho chiuso gli occhi, o gettato la testa all’indietro, \ e: glo…glo…glo…glo…glo…\ ah, che gusto! Dicevo proprio di non smettere più! \ Quando ho placato la sete, mi sono accorto di un vecchietto \ che mi fissava divertito e con un curioso sorrisetto. \ Ero intento a tirare un bel sospiro di soddisfazione  \ che si è fatto avanti e mi ha detto senza alcuna indecisione: \ “Ostia quell’uomo, avete mangiato salato, èh?”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna