Logo new 02

Logo new 02

At Fat Mond minA simi ma la Tòra a santoi Miro ch'e presantaèva al su puesì, e drì mè u j era Giordano che  da sèch um dmanda: “U j è staè quaicadeun ch'la scret dal puesì sòura la biciclèta?”. “Ah, boh! A bòta caèlda u m'um ven inamòint niseun!”. Mo t'andaè caèsa u m'è vneu da arpansaè ma cla dmanda, mo ancòura a n'avòiva rispòsta. E se a mi mites mè a faèn ona? Dòunca, us po' doi dla  biciclèta, dla fadoiga, de' patimòint, dla muntagna,... sé, sé, la muntagna, e' bèl e e' brot 'd tot i curideur. E a lè par lè um ven inamòint Leopardi che stuglaè mi pì de' “monte Tabor” e scroiv “L'Infinito”, Pascoli che pansend 'd rapaès sò mu na muntagna ad sas e giaz e scroiv “La Piccozza”, e mè 'd che mòunt ch'a pòs scroiv?... De' Barbòt, òs-cia che sé, e' Barbòt, cla rapaèda ch'la t s-centa agl' j òsi. Us pò doi de' sudòur ch'e còula, de' curagg ch'ui vo, de' sforz ch'ut ròmp al gambi, de' zil ch'ut ven incòuntra, dal novli ch'at fa òmbra, dal zgheli ch'al t'inzurles e 'd tot i pansir ch'i t ven 't e' zarvèl quant che da par tè, ta t met a sfidé al forzi dla nateura, urca, sé, sé... l'òm còuntra e' su distòin! Cio, a vulaèva aèlt, adès a scroiv un' “Ode” me' Barbòt e ma la biciclèta, am giòiva tra mè e mè, u n'à da vnoi fura dal bèli! A mi sò mes d'impegn, ò fat fumé la mi tèsta par tire' fura tot quèl ch'u j era 'd bon pr'una puesì si schrech e quèst l'è e' mi mèi.

Barbòt
Sò  me’ cumiroz de’ Barbòt,
't e’ peunt piò deur,
a n’avòiva piò gnenca  la forza
‘d spatasaè una scurèza fura da e’ cheul.

L.P. (Lasema Perd) - Mè a l'ò sempra det che i pueta j è fat d'un'aènta pasta!

Una via per fare poesia
Eravamo alla Torre ad ascoltare Miro che presentava le sue poesie, vicino a me c'era Giordano che improvvisamente mi chiede: “C'è stato qualcuno che ha scritto una poesia sulla bicicletta?”. “Ah boh! A botta calda non mi viene in mente alcuno!”. Ma nell'andare a casa mi è venuto da ripensare a quella domanda, ma ancora non avevo risposta. E se mi mettessi io a farne una? Dunque, si può dire della bicicletta, della fatica, della sofferenza, della montagna,... sì, sì, la montagna, il bello e il brutto di ogni ciclista. E lì per lì mi viene alla mente Leopardi che adagiato ai piedi del “monte Tabor” scrive “L'Infinito”, Pascoli che pensando di arrampicarsi su per una montagna di sassi e ghiaccio scrive “La Piccozza”, ed io di quale monte posso scrivere?... Del Barbotto, ostia che sì, il Barbotto, quell'erta che ti schianta le ossa. Si può dire del sudore che cola, del coraggio che ci vuole, dello sforzo che ti rompe le gambe, del cielo che ti viene incontro, delle nuvole che ti fanno ombra, delle cicale che ti stordiscono e di tutti i pensieri che ti vengono in testa quando da solo ti metti a sfidare le forze della natura, orca, sì, sì...l'uomo contro il suo destino! Ohi, volavo alto, adesso scrivo un' “Ode” al Barbotto e alla bicicletta, dicevo tra me e me, ne devono sortire delle belle! Mi ci sono messo d'impegno, ho fatto fumare la mia testa per estrarre tutto ciò che c'era di utile per una poesia coi fiocchi e questo è il mio meglio.

Barbotto 

Su per la salita del Barbotto, \ nel punto più duro,  \  non avevo più neanche la forza \ di spingere una scoreggia fuori dal culo.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna