Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

At Fat Mond minDa Novafeltria pr'arivé ma la Pargaia u j è sèt chilometri da rapaè,
la pendenza la n'è esageraèda, mo la è longa la straèda da scurgaè.
Un dòpmezdè 'd zogn, s'un garbinaz ch'um sbatòiva int la faza,
andeva sò a pas 'd lumega s'una gran fadigaza,
a ògni zent metar u m'avnoiva voja 'd met matèra e' pì,
mo dai Piròun, tin bòta, ta la é fata un sach 'd volti, t'an vré moiga turnaè indrì?
A spinzòiva a tota forza chi pedel ch'in vlòiva ziré,
mo gnent, a n'andeva e a n'andeva, an feva che bòi e sudé.
L'era cmè se una maèna  l'am tires 't la sèla e l'am tnes ferm a lè,
pansé che da e' sforz u m'avnoiva prinfena da vumitaè.
Òs-cia, ò tacaè a pansaè me' pez int che mumòint,
ènca parchè u n'è ch'u ma manches l'alenamòint,
che voja doi che a la mi età a n'epa da faè piò dal fadoighi acsè?
Ò deciois, sa met zò e' pì, admaèn a vagh da e' dutour a fam visitaè!
E ma la pròima ombra ch'ò trov, am sò pient da sèch senza piò fié,
a sò s-ciòis da la biciclèta e ò puzaè le tèsta s'la sèla par putòi respiré.
Mo bòia d'un boia, la cadòina la n'è 't la rudela giosta par la rapaèda,
ai n'ò ancòura trè da usé pr'andaè sò, ecco parchè sta strapazaèda.
Ò mòs la leva de' cambi, mo gnent da faè, la cadòina l'an steva 't e' pòst giost,
ò prov a spugnitaè s'un stèch, mo sporch 'd meusla, u m'è 'ndaè vì tot e' gost.
Basta acsè e 't e' vnì zò vers caèsa, ò fat prèst 'd arciapaè culòur,
e admaèn a vagh da e' mecanich; tò, 't e' cheul dutòur!

 

Meglio il meccanico del dottore
Da Novafeltria per giungere a Perticara ci sono sette chilometri da salire, \ la pendenza non è esagerata, ma è lunga la strada e c'è da soffrire. \ Un pomeriggio di giugno, con un vento caldo in faccia, \ andavo su a passo di lumaca con un enorme faticaccia, \ a ogni cento metri mi prendeva la voglia di mettere a terra i piedi, \ ma dai Piero, tieni duro, l'hai fatta un sacco di volte, non vorrai mica tornare indietro, che fai cedi? \ Spingevo a tutta forza quei pedali che non volevano girare, \ ma niente, non andavo e non andavo e non facevo che bere e sudare. \ Era come se una mano mi tirasse nella sella e mi volesse fermare, \ pensate che dallo sforzo mi veniva perfino da vomitare. \ Ostia, ho iniziato a pensare al peggio in quel momento, \ anche perché non è che mi mancasse l'allenamento, \ che volesse significare che alla mia età non debba fare più delle fatiche da potermi ammalare? \ Ho deciso, se metto giù il piede, domani vado dal dottore a farmi visitare! \ E alla prima ombra che ho trovato, mi sono arrestato immediatamente senza più fiato, \ sono sceso dalla bicicletta e ho appoggiato la testa sulla sella e ho respirato. \ Ma porca boia, la catena non è nel pignone giusto per la salita, \ ne ho ancora tre da usare per andare su, ecco perché questa fatica infinita. \ Ho mosso la leva del cambio, ma niente da fare, la catena non stava nel posto giusto, \ ho provato a smanettare con un rametto, ma sporco d'unto, m'è andato via il gusto. \ Basta così e nel venire giù verso casa, ho fatto presto a riprendere vigore, \ e domani vado dal meccanico; tiè, in culo dottore !

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna