Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

At Fat Mond minAs sem truv davaènti e' bar Nov int un grupèt una matòina
par faè eun di solit zoir in biciclèta sò vers la culòina.
  “Duvò ch'andem òz a sbat e' meus?”.
  “Boh, adès aviesmi vers Pòunt dl'Eus,
   da lè a ciapem vers Sujen, a fem che po' 'd calaèra,
   ma la rutònda a zirem e andem a Strigaèra,
   a tulem un cafè par daè un'uceda cmè ch'e stà e' cheul dla Belen dla Rumagna
   e pu coi ch'u n'à vu sa e ven zò e e tòurna a caèsa, chilt sò in muntagna!”.
Par coi che dla “Belen dla Rumagna” l'è un po' ingnuraènt,
l'è 'na gran bèla zuvnòta, fiola de' padròun d'un risturaènt,
duvò che la zenta, piò ch'nè pr'e' magné,
i va par vdòi lì e e' su didrì ch'l'an fa gnent par tnòil masé.
Mè an la j ò vesta mai, e' cafè a ne togh, acsè ò det:
  “Burdel, mè a vagh sò a Perticaèra, l'è prèst adès par smet!”.
  “Vengo anch'io, vengo anch'io!”.
L'era e' maresial in pensiòun, a l'ò sobit  visé ch'u j era da fadighé culsadio.
Gnent da faè, l'era cunvòint, un vlòiva santoi brèti e un vlòiva rinunzié.
Alòura a partem e a rivem  ma la “cròusa”, una rapaèda da tot e' fié,
ai degh ch'l'è mèi che ugneun e vaga da e' su pas
che a què u j è da s-ciupaè par coi che madòs l'à tròp chel 'd gras!
Sè, cmè doi se' vent, us met davaènti, mè drì e a la fem piò fort de' nurmaèl
rivat in caèv avimi la lengua inturtieda tr'al razi e al gambi ch'al feva maèl.
“Piero, mi hai distrutto!”, um giòiva leu s'un foil 'd vòusa: 
“Mèèè? Mè a n'ò fat gnent, bsugnarà che ta t la ciapa sa sta “cròusa”,
   cio, s't'an gn'e la fé piò, turnema pu indrì!”.
  “Ma no, tanto una volta arrivati a Perticara, poi è tutta discesa giù di lì!”.
  “Guerda che pròima d'arivé, ui n'è dl'aèlta dla straèda invalnaèda!”.
Mo leu gnent, rivat a là e camineva tòinch cmè e' mangh d'una garnaèda.
  “Piero, mi hai distrutto, mi hai distrutto!”. Un feva che doi.
E demi, gnenca ch'an gn'a l'aves det, e pu e' patimòint u n'era moiga finoi.
U j era ancòura quaraènta chilometri da faè e l'è vèra che la straèda la calaèva,
mo al su gambi an n'un vlòiva savòi e sempra piò da spès an pedalaèva.
Ma caèsa mi j era in pansir, an s'era mai turnaè acsè taèrd,
mo, sipa cmè ch'e sipa, a sem rivat a Samaèvar s'un bèl po' 'd ritaèrd.
U m'à saluté, mo s'una brota zurma, cmè s'a fos mè l'asasòin,
ch'a j ò fat faè una fadigaza e ch'a l'ò fat s-ciupaè me' puròin.
Da alòura an sem piò vest, i m'à però racòunt
che in zoir un fa che doi: “Piero mi ha distrutto!”, e che leu u n'era pròunt.

 

In bicicletta col maresciallo

Ci siamo trovati davanti al bar Nuovo in un gruppetto una mattina, \ per fare uno dei soliti giri in bicicletta su per la collina. \ “Dove andiamo oggi a sbattere il muso?”. \ “Boh, adesso avviamoci verso Ponte Uso, \ da lì prendiamo verso Sogliano, percorriamo quella discesa, di riposo un po' avara, \ alla rotonda giriamo  e andiamo a Strigara, \ prendiamo un caffè per dare un'occhiata come sta il culo della Belen di Romagna \ e poi chi ne ha avuto a sufficienza viene giù e torna a casa, gli altri su in montagna!”. \ Per chi della “Belen di Romagna” ne è completamente ignorante, \ è una gran bella ragazza, figlia del padrone di un ristorante, \ dove la gente, più che per il mangiare, \ van lì per lei e per il suo posteriore che non fa niente per celare. \ Io non l'ho vista mai, il caffè non lo prendo, così ho detto: \ “Ragazzi, non mi fermo, vado su a Perticara, è presto, io non smetto!”. \ “Vengo anch'io, vengo anch'io!”. \ Era il maresciallo in pensione e l'ho subito avvertito che c'era  da faticare che lo sa dio. \ Niente da fare, era convinto, non voleva sentire storie e non voleva rinunciare. \ Allora partiamo e arriviamo alla “croce”, una salita da non poter respirare, \ gli dico che è meglio che ognuno proceda col suo passo \ che qui c'è da morire per chi ha addosso troppi chili di grasso. \ Sì, come dire al vento, si mette davanti, io dietro e la facciamo più velocemente del normale. \ Giunti in vetta avevamo la lingua attorcigliata tra i raggi e le gambe che facevano male \  ”Piero mi hai distrutto!”, mi diceva con un filo di voce. \ “Iooo? Io non ho fatto niente, bisognerà che te la prenda con questa “croce”, \ ohi, se non ce la fai più, torniamo pure indietro nella strada percorsa!”. \ Ma no, tanto una volta arrivati a Perticara, poi è tutta discesa che si fa di corsa!”. \ “Guarda che prima di arrivare, ce n'è ancora di strada avvelenata!”. \ Dicevo io, ma lui niente e quando siamo giunti sul posto camminava rigido come il manico di una granata. \ “Piero, mi hai distrutto, mi hai distrutto!”, non faceva che dire. \ E dai, neanche non glielo avessi detto, e poi ce n'era ancora da soffrire. \ C'erano  quaranta chilometri ed è vero che la strada calava, \ ma le sue gambe non ne volevano sapere e sempre più spesso non pedalava. \ A casa mia erano preoccupati, non ero mai stato così tardo, \ ma, sia come sia, siamo arrivati a San Mauro in gran ritardo. \ Mi ha salutato, ma con una brutta espressione, come se fossi io l'assassino. \  perché gli ho fatto fare una faticaccia e che l'ho fatto morire il poverino. \ Da allora non ci siamo più visti, mi hanno però raccontato \ che in giro non fa che ripetere: “Piero mi ha distrutto!”, e che lui non era allenato.

 

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna