Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

At Fat Mond minMo chi caz ch'u m'la vrà fat faè 'd rapaèm sò ma sta muraja,
ch'a j ò la lengua ch'l'am stresa matèra pr' andaè sò ma la Pargaia.
A putòiva staè se' divaèn a guardaè i curideur ma la televisiòun
e invezi a sò a què, a spatasaè du pedel e a spudé di pez 'd palmòun.
Ou, ou...sèl ste maèl che tot da sèch u m'è ciap 't 'e pèt
che pròima a steva ben e adès am stuglareb 't un lèt?
Òs-cia, um zoira la tèsta e ma j occ u m'è 'rvat una bòta 'd scheur,
vut avdòi ch'um s-ciòpa e' cor? Ah quèst l'è un infaèrt 'd sicheur!
Alè, ai sem, la mi voita la fines a què, int sta vultaèda maledèta, 
da par mè, sò ma la straèda dla Pargaia a caval d'una biciclèta.
E 't un sbres di brot pansir i taca a frulem 't e' zarvèl sò e zò:
la fameja, la mòi, i fiul, i parint, j amoigh, tota zenta ch'a na vdrò piò,
e pu at saleut pruget, viaz, magnedi, bbeudi, partoidi a marafòun,
puletica e che po' 'd sport davaènti ma la televisiòun.
Sè, l'è vèra, u n'è un granchè, mo l'è quèl ch'ò campaè fena a què,
però am sparagn una bèla mocia 'd brot rubazi da scurgaè:
i funerel d'j amoigh, al malatì dla vciaia, j òspedel, la caruzèla, la zanèta,
la badaènta, e' canèl ma l'usèl, e' panulòun e e' foil 'd bavèta.
E' gueran us sparagna una pensiòun e mè an darò dan ma niseun,
acsè, quei ch'i m'à  cnuseu, i zcurrà ben 'd mè e i m'un darà de' spacamareun.
Sta zet valà, u m'è pas e' maèl, l'è finoi inquèl, adès a stagh cmè pròima,
fis-cia però, e paèr gnent, mo da e' pepacheul u m'è vneu la caèrna plòina,
sé, sé, l'è staè snò la fadoiga, e' caèld e una bòta 'd buvaza,
ma la vciaia e ma la badaènta ai pansarem, adès arciapema sta stradaza.

 

Un momento di panico

Ma chi diavolo me l'avrà fatto fare di arrampicarmi su per questa erta montanara. \ che ho la lingua che mi striscia sull'asfalto nell'andare su verso Perticara. \ Potevo stare sul divano a guardare i corridori in televisione \ e invece sono qui, a spingere due pedali e a sputare pezzi di polmone. \  Ohi, ohi...cos'è questo dolore che improvvisamente m'è preso nel petto, \ che prima stavo bene e adesso mi stenderei su un letto? \ Ostia, mi gira la testa e agli occhi m'è giunto un velo scuro, \ vuoi vedere che mi scoppia il cuore? Ah, questo è un infarto di sicuro! \ Alé, ci siamo, la mia vita finisce qui, in questa curva maledetta, \ da solo, su per la strada di Perticara a cavallo di una bicicletta. \ E in un attimo brutti pensieri cominciano a frullarmi in testa su e giù: \ la famiglia, la moglie, i figli, i parenti, gli amici, tutta gente che non vedrò mai più, \ e poi addio a progetti, viaggi, abbuffate, bevute, partite a maraffone, \ politica e quel po' di sport in televisione. \ Beh, insomma, non sarà un granché, ma è tutto ciò che fin qui mi ha aiutato a campare, \ però mi risparmio un bel mucchio di brutte cose da affrontare: \ i funerali degli amici, le malattie della vecchiaia, gli ospedali, la carrozzina, il bastone, \ la badante, le medicine, il catetere, il filo di bava e il pannolone. \ Il governo si risparmia una pensione e io non darò fastidio a nessuno, \ così, quelli che mi hanno conosciuto, parleranno bene di me e non sarò uno spaccamaroni per alcuno. \ Taci valà, mi è passato il male, è finita ogni cosa, adesso sto come prima, \ fischia però, sembra niente, ma dallo spavento mi è venuta la cute anserina, \ sì, sì, è stato solo un momento di caldo e di grande fatica, \ alla vecchiaia e alla badante ci penseremo, adesso riprendiamo questa dura salita.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna