Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

At Fat Mond min“Mo la madòna quant ch'a sem òz, duvò ch'andem?”.
“Boh, andema sa lòu, a cròid ch'i vaga a Pennabilli,
  nòun a si tachem drì e s'a stufem, a ciapem un'aènta straèda,
  e pu s'a stem in còuda a fem maènca fadoiga,
  quei davaènti i s' ten masé da e' vent e nòun andem sò s'un foil 'd gas.”.
“T'é rasòun, t'é rasòun, e sarà par quèl che òz an sint la cadòina,
  òs-cia l'è propi una baza andaè vì se' grop!”.

…........................................................................................................................
“Parchè i ralenta? L'è chesch quaicadeun?”.
“Na, u j è un semafero, l'è ròs, mo un sa ferma niseun, pasema ènca nòun!”.
“Mo du andev boia de' dieval? Guardé ch'l'è ròs ènca par vuilt!”.
“Urca, u s'è incazaè quèl dla machina!”.
 “Mo sé, cimatti s'l'aspèta un sgònd 'd piò e perd e' treno,
  l'è che mi curideur i ni vo vdòi, machini e camio is cròid i padreun dla straèda!”.
“Bèh, dal volti j à ènca rasòun, guerda 'd foila ch'avem didrì,
  sint cmè chi ròmba i muteur e i tì-tì di clakson,
  a giria chi la j à sa nòun e ch'j è un bèl po' incazé,
  cio a là davaènti i stà tot mucì e lòu in pò surpasaè.”.
“Ou, t'é santoi al bujarì e j impruperi ch'i sa det 't e' pasaes avaènti?
  E e' rogg de' camiunesta: “Andéé a lavuraè braènch 'd vagabond!”.
“Sè, però ènca lòu i s'è ciap un bèl po' 'd doit e una caterva 'd numaz!”.
…............................................................................................................................
“E quèl che là davaènti sa fal, e va in feuga?”.
“Oh, nu t'amela, t'an void cmè ch'l'è cunzé, u n'à la gamba,
  e pu l'à la pedalaèda dla putaèna, a gambi laèrghi,
  quèl us ciapa da par leu, spèta che roiva e' proim cumiroz
  e t'avdiré 'd fòin che fa, ui n'è eun tra un po' ch'u n'è gnent ignuraènt!”.
…............................................................................................................................
“E Gigein, duv'èl andaè a finoi Gigein ch'a ne vègh piò?”.
“T'al se cmè ch'l'è fat leu, l'à vest un bèl culazin 'd femna, e u s' j è tacaè drì,
  se quèla l'an cambia straèda, an l'avdem piò!”.
…............................................................................................................................
“Mo sa fai a là in tèsta? Sèl tot sta pressia ch'l'è un po' ch'us va a tota bera!”.
“U j è di burdlaz ch'j à un po' 'd spoiga tra 'd lòu e i fa al cheursi!”.
“Un s' fa acsè però, guerda a què datònda, ma quèl ui ven da buté fura,
  ma ch'l'èlt ui zoira la testa e guaèrda quèl che là sa cl'aria da pers,
  l'è cunvòint d'avdòi la madòna. Valà fai un rogg ch'i vaga piò pien!”.
…..............................................................................................................................
“Ciao... ciao... ciao... sèl t saleut tot quei ch'a incuntrem, l'è i tu parint?”.
“Sel ch'u j òintra, l'è par bona educaziòun, lòu im saleuta, mè a j arspond!”.
“Staèlta volta ut cunven a tacaè sò me' manubrio cal manini
  che  ui basta un foil 'd vent e al fa sempra ciao, ciao,
  t'é  voja tè, sinò l'è brèti e fié buté vì ad arspònd ma tot!”.
…................................................................................................................................
“Alè, un aènt ralentamòint, sa i j èl ancòura e' ròs?”.
“Na, i s'è toch a là 't e' mèz, troi j è chesch,
  òs-cia, vèh quèl, l'è tot insanguiné e la roda la è pigheda!”.
“Ou, t'al se sèl ch'a t degh, mè ad staè in grop am sò ròt e' caz,
  i curideur l'è tota zenta par ben s' j è da par lòu,
  mo quant ch'i s'amocia, l'è un braènch 'd lop,
  adès a faz cmè ch'a faz da sempra, a ciap un'aènta straèda e a vagh da par mè,
  s' ut va, tè t pu vnoi, t ci l'onich ch'um sta drì... chilt im sta tot davaènti!”.

 

Una domenica via col gruppo

“Accidenti quanti siamo oggi, dove andiamo?”. \ “Boh, andiamo con loro, credo vadano a Pennabilli, \ noi li seguiamo e se ci stanchiamo, prendiamo un'altra strada, \ e poi se stiamo in coda facciamo meno fatica, \ quelli davanti ci riparano dal vento e noi andiamo con un filo di gas.”. \ Hai ragione, hai ragione, sarà per questo che oggi non sento la catena, \ orca è proprio una bazza andare via col gruppo!”. \ “Perché rallentano? È caduto qualcuno?”. \ “No, c'è un semaforo, è rosso ma non si ferma nessuno, passiamo anche noi!”. \ “Ma dove andate porco diavolo? Guardate che è rosso anche per voialtri!”. \ “Orca, si è arrabbiato quello della macchina!”. \ “Ma sì, figurati se aspetta un secondo in più perde il treno, \ è che i ciclisti non li vogliono vedere, auto e camion si credono i padroni della strada!”. \ “Beh, delle volte hanno pure ragione, guarda che fila che abbiamo dietro, \ senti come rombano i motori e i tì-tì dei clakson, \ direi che ce l'hanno con noi e che sono un bel po' arrabbiati, \ ohi là davanti stanno tutti ammucchiati e loro non possono sorpassare.”. \ “Ehi, hai udito le parolacce e le imprecazioni che ci hanno detto nel sorpassarci? \ E l'urlo del camionista:-Andate a lavorare branco di vagabondi!”. \ Sì, però anche loro si sono presi un bel di dito medio e una caterva di insulti!”. \ “E quello là davanti cosa fa, va in fuga?”. \ “Oh, non ti preoccupare, non vedi com'è conciato, non ha la gamba, \ e poi ha la pedalata della escort, a gambe larghe, \ quello si prende da solo, aspetta che arrivi la salita \ e vedrai che fine farà, ce n'è una fra poco che non è niente ignorante!”. \ E Gigino, dove è andato a finire che non lo vedo più?”. \ “Lo sai come è fatto lui, ha visto un bel sederino di femmina e le si è attaccato dietro, \ se quella non cambia strada, non lo vediamo più!”. \ “Ma cosa fanno là in testa? Cos'è tutta questa fretta che è da un po' che si va a tutta birra!”. \ “Ci sono dei ragazzi che hanno un po' di competizione tra di loro e fanno le corse!”. \ “Non si fa così però, guarda qui attorno, a quello viene da vomitare, \ all'altro gira la testa e guarda quello là con quell'aria smarrita, \ è convinto di vedere la madonna. Valà fa loro un urlo che vadano più piano!”. \ “Ciao... ciao... ciao... cosa saluti tutti quelli che incontriamo, sono parenti tuoi?”. \ “Cosa c'entra, è per buona educazione, loro salutano, io rispondo!”. \ “Quest'altra volta ti conviene attaccare al manubrio quelle manine \ che con un filo di vento fanno sempre ciao, ciao, \ sennò sono fastidi e fiato sprecato a rispondere a tutti!”. \ “Alè, un altro rallentamento, cosa c'è ancora il rosso?”. \ “No, si sono toccati là nel mezzo, tre sono caduti, \ orca, guarda quello, è tutto insanguinato e la ruota è piegata!”. \ “Ohi, lo sai cosa ti dico, io di stare in gruppo mi sono stufato, \ i ciclisti sono tutte persone per bene se sono da soli, \ ma quando si ammucchiano, sono un branco di lupi, \ adesso agisco come faccio sempre, \ prendo un'altra strada e vado da solo, \ se ti va, tu puoi venire con me, sei l'unico che mi sta dietro... gli altri mi stanno tutti davanti!”.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna