Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Maroni-Trasparente-02-tiny.pngLa saleuta

Mè, cvant ch’a stagh maèl, a vagh da e’ mi duturòin,

leu um dà ‘na tastaèda mi palmeun, ma la paènza e ma j intistòin,

um guaèrda ma la gòula, um fa tòs e um fa doi trentatrè,

e pu di scarabocc s’un fuièt e taca a faè.

Um doi cmè ch’ò da faè a to la perla e la supòsta a metmi sò,

e u s’aracmanda ch’ai tenga un po’ e’ doid a lè, sinò la ven zò.

Par l’ès un s’pò doi ch’u j a maènca e faè e la grezia, us dà da faè par deu,

us void ch’ui ten mi su malé, cio, la pu da campaè ènca leu!

S’la rizèta a vagh 't la farmacì e me’ farmacesta

u n’i paèr vèra ‘d putòim daè cla ligaza ‘d medizòini ch’u j è 't la lesta,

e i surois ch’um fa,

e i saleut ch’um dà,

us vòid ch’l’è cuntent ch’u m’epa veu,

cio, bsògna capoil, la pu da campaè ènca leu!

Cvant ch’artòuran a caèsa a li stend toti se’ tavlòun,

ai dagh un’uciadina e a lèz ènca agl’j indicaziòun,

pu, ona par ona, a li ciap e a li bot 't e’ bidòun acsè cmè ch’agl’j è,

parché, cio, zarché ‘d capoim: ò pu da campaè ènca mè!

La salute

Io, quando sto male, vado dal mio dottorino, 

lui mi dà una tastata ai polmoni, alla pancia e all’intestino, 

mi guarda la gola, mi fa tossire e mi fa dire trentatre 

e poi degli scarabocchi su un foglietto incomincia a fare per me. 

Mi dice come devo fare a prendere la pillola e la supposta a mettermi su, 

e si raccomanda che ci tenga un po’ il dito lì, sennò viene giù. 

Non si può dire che gli manchi il fare e la grazia, si impegna per due costui, 

si vede che ci tiene ai suoi ammalati, ohi, deve pur campare anche lui! 

Con la ricetta vado nella farmacia e al farmacista  

non pare vero di potermi dare quel sacchetto di medicine che c’è nella lista,

e i sorrisi che mi fa, 

e i saluti che mi dà, 

si vede che è contento di avermi preso, 

ohi, bisogna capirlo, che deve campare anche lui è sottinteso! 

Quanto torno a casa le stendo tutte sul tavolone, 

do loro un’occhiatina e leggo anche l’indicazione, 

poi, una per una, le prendo e le butto nel bidone così come sono, perdio, 

perché, ohi, cercate di capirmi, devo pure campare anch’io!

Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

Guerra alle mosche!

Pubblicato il 26.09.2022 - Categoria: Vignette

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI

 

Maroni-Trasparente-02-tiny.pngLa saleuta

Mè, cvant ch’a stagh maèl, a vagh da e’ mi duturòin,

leu um dà ‘na tastaèda mi palmeun, ma la paènza e ma j intistòin,

um guaèrda ma la gòula, um fa tòs e um fa doi trentatrè,

e pu di scarabocc s’un fuièt e taca a faè.

Um doi cmè ch’ò da faè a to la perla e la supòsta a metmi sò,

e u s’aracmanda ch’ai tenga un po’ e’ doid a lè, sinò la ven zò.

Par l’ès un s’pò doi ch’u j a maènca e faè e la grezia, us dà da faè par deu,

us void ch’ui ten mi su malé, cio, la pu da campaè ènca leu!

S’la rizèta a vagh 't la farmacì e me’ farmacesta

u n’i paèr vèra ‘d putòim daè cla ligaza ‘d medizòini ch’u j è 't la lesta,

e i surois ch’um fa,

e i saleut ch’um dà,

us vòid ch’l’è cuntent ch’u m’epa veu,

cio, bsògna capoil, la pu da campaè ènca leu!

Cvant ch’artòuran a caèsa a li stend toti se’ tavlòun,

ai dagh un’uciadina e a lèz ènca agl’j indicaziòun,

pu, ona par ona, a li ciap e a li bot 't e’ bidòun acsè cmè ch’agl’j è,

parché, cio, zarché ‘d capoim: ò pu da campaè ènca mè!

La salute

Io, quando sto male, vado dal mio dottorino, 

lui mi dà una tastata ai polmoni, alla pancia e all’intestino, 

mi guarda la gola, mi fa tossire e mi fa dire trentatre 

e poi degli scarabocchi su un foglietto incomincia a fare per me. 

Mi dice come devo fare a prendere la pillola e la supposta a mettermi su, 

e si raccomanda che ci tenga un po’ il dito lì, sennò viene giù. 

Non si può dire che gli manchi il fare e la grazia, si impegna per due costui, 

si vede che ci tiene ai suoi ammalati, ohi, deve pur campare anche lui! 

Con la ricetta vado nella farmacia e al farmacista  

non pare vero di potermi dare quel sacchetto di medicine che c’è nella lista,

e i sorrisi che mi fa, 

e i saluti che mi dà, 

si vede che è contento di avermi preso, 

ohi, bisogna capirlo, che deve campare anche lui è sottinteso! 

Quanto torno a casa le stendo tutte sul tavolone, 

do loro un’occhiatina e leggo anche l’indicazione, 

poi, una per una, le prendo e le butto nel bidone così come sono, perdio, 

perché, ohi, cercate di capirmi, devo pure campare anch’io!

Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI