Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Maroni-Trasparente-02-tiny.pngSANTITÀ, CH'E LASA PERD!

Bèla zenta, a vnu s'infat che da nòun a piov l'è 'na gran fadoiga?

E doi ch'a simi vez a vdòi i fieun vuntaè ch'l'era ènca sfoiga.

J à voja a ciacaraè ch'l'è tota coipa de' riscaldamòint,

valà, mè a stag da santoi Palmiro, un amoigh da daèi mòint.

Eun s'un num acsè, l'è sicheur ch'un s'pò sbajé,

l'à det ch'l'è da cvant ch'l'è vneu Wojtyla, che sta ròba la j à raviè,

sé che paèpa pulach ch'u la j avòiva a morta si cumunesta,

e cla volta ch'l'è vnu in Rumagna ui n'era trop par la su vesta.

L'era partoi da Bulògna e 't e' savòi ch'j era tot ros, l'è vaènza 'd sas,

pu u s'è spòst pr'avnoi dincvà e a Castelsanpietro l'è pas.

Cio, l'avrà pansaè: san Pietro l'è eun di mi,

t vu che cvei ch'i sta a lè, i sipa ènca lòu acsè sgumbji?

Pu l'à travarsaè Imola, e pu Faenza, e pu Furlè.

“Vicario son tutti comunisti?”. Sè, alòura a simi i piò, propi acsè!

L'èrvat a Remin che da la tegna l'era nir,

l'avòiva da faè cvaicosa, cvèst l'era e' piò gròs di su pansir.

“Vicario scrivi, tutti comunisti, segna, poi li metto a posto io,

  mi serve solo un po' di tempo e di salute, buon Dio!”. 

Un gn'è staè però gnent da faè, 't e' rèst dla voita, cmè ch'us sa,

e' su zarvèl l'avòiva pers un bèl po' ad facultà,

e pu, dòp 'na longa stenta, e' Padròun u la ciamaè a lasò

e u l'àvrà fat minestar di tempurel par ste' mònd a cvazò.

U s' vòid alòura ch'u j è vneu intlamòint che viaz

e adès us vo faè paèra e dla Rumagna e vo faè un straz.

Santità, cha lasa perd, adès in gn'è piò i cumunesta,

't un po' 'd cal zità e cmanda cvei 'd destra, imparanté si fasesta.

Ch'um daga rèta, ch'u s'n'un faza 'na rasaòun,

chi democris-cien d'una volta òz al sem nòun.

SANTITÀ, LASCI PERDERE!

Bella gente, ve ne siete accorti che da noi piovere è una grande fatica?

E dire che eravamo abituati a vedere i fiumi straripare che era anche sfiga.

Han voglia a blaterare che è tutta colpa del riscaldamento,

valà, io sto ad ascoltare Palmiro, un amico a cui do totale affidamento.

Uno con un nome del genere, è sicuro che non può sbagliare,

ha detto che è da quando è venuto Woityla, che sta cosa s'é vista iniziare,

sì, quel papa polacco che ce l'aveva a morte coi comunisti

e quella volta che è venuto in Romagna, troppi ne ha visti.

Era partito da Bologna e nel sapere che erano tutti rossi, è rimasto di sasso,

poi s'è spostato per venire qua e a Castelsanpietro ha segnato il passo.

Ohi, avrà pensato: san Pietro è uno dei miei antenati,

vuoi che chi abita lì, siano anche loro così disastrati?

Ha poi attraversato Imola, poi Faenza e poi Forlì.

“Vicario, tutti comunisti?”. Sì, allora eravamo i più, proprio così!

È giunto a Rimini che dalla rabbia era nero,

doveva far qualcosa, questo era il suo più grosso pensiero.

“Vicario scrivi, tutti comunisti, segna, poi li metto a posto io,

  mi serve solo un po' di tempo e di salute, buon Dio!”.

Non c'è stato però niente da fare, nel prosieguo della vita, come si sa,

il suo cervello aveva perso un bel po' di facoltà,

poi, dopo una lunga agonia, il Padrone l'ha chiamato lassù

e si vede che l'avrà nominato ministro dei temporali di questo mondo quaggiù.

É probabile allora che gli sia tornato alla mente quel viaggio

e adesso vuole vendicarsi e la Romagna ridurla ad uno straccio.

Santità, lasci perdere, adesso non ci sono più i comunisti,

in alcune città comandano quelli di destra, imparentati coi fascisti.

Mi dia retta, se ne faccia una ragione prima o poi.

Quei democristiani di una volta oggi lo siamo noi.

Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

Guerra alle mosche!

Pubblicato il 26.09.2022 - Categoria: Vignette

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI

 

Maroni-Trasparente-02-tiny.pngSANTITÀ, CH'E LASA PERD!

Bèla zenta, a vnu s'infat che da nòun a piov l'è 'na gran fadoiga?

E doi ch'a simi vez a vdòi i fieun vuntaè ch'l'era ènca sfoiga.

J à voja a ciacaraè ch'l'è tota coipa de' riscaldamòint,

valà, mè a stag da santoi Palmiro, un amoigh da daèi mòint.

Eun s'un num acsè, l'è sicheur ch'un s'pò sbajé,

l'à det ch'l'è da cvant ch'l'è vneu Wojtyla, che sta ròba la j à raviè,

sé che paèpa pulach ch'u la j avòiva a morta si cumunesta,

e cla volta ch'l'è vnu in Rumagna ui n'era trop par la su vesta.

L'era partoi da Bulògna e 't e' savòi ch'j era tot ros, l'è vaènza 'd sas,

pu u s'è spòst pr'avnoi dincvà e a Castelsanpietro l'è pas.

Cio, l'avrà pansaè: san Pietro l'è eun di mi,

t vu che cvei ch'i sta a lè, i sipa ènca lòu acsè sgumbji?

Pu l'à travarsaè Imola, e pu Faenza, e pu Furlè.

“Vicario son tutti comunisti?”. Sè, alòura a simi i piò, propi acsè!

L'èrvat a Remin che da la tegna l'era nir,

l'avòiva da faè cvaicosa, cvèst l'era e' piò gròs di su pansir.

“Vicario scrivi, tutti comunisti, segna, poi li metto a posto io,

  mi serve solo un po' di tempo e di salute, buon Dio!”. 

Un gn'è staè però gnent da faè, 't e' rèst dla voita, cmè ch'us sa,

e' su zarvèl l'avòiva pers un bèl po' ad facultà,

e pu, dòp 'na longa stenta, e' Padròun u la ciamaè a lasò

e u l'àvrà fat minestar di tempurel par ste' mònd a cvazò.

U s' vòid alòura ch'u j è vneu intlamòint che viaz

e adès us vo faè paèra e dla Rumagna e vo faè un straz.

Santità, cha lasa perd, adès in gn'è piò i cumunesta,

't un po' 'd cal zità e cmanda cvei 'd destra, imparanté si fasesta.

Ch'um daga rèta, ch'u s'n'un faza 'na rasaòun,

chi democris-cien d'una volta òz al sem nòun.

SANTITÀ, LASCI PERDERE!

Bella gente, ve ne siete accorti che da noi piovere è una grande fatica?

E dire che eravamo abituati a vedere i fiumi straripare che era anche sfiga.

Han voglia a blaterare che è tutta colpa del riscaldamento,

valà, io sto ad ascoltare Palmiro, un amico a cui do totale affidamento.

Uno con un nome del genere, è sicuro che non può sbagliare,

ha detto che è da quando è venuto Woityla, che sta cosa s'é vista iniziare,

sì, quel papa polacco che ce l'aveva a morte coi comunisti

e quella volta che è venuto in Romagna, troppi ne ha visti.

Era partito da Bologna e nel sapere che erano tutti rossi, è rimasto di sasso,

poi s'è spostato per venire qua e a Castelsanpietro ha segnato il passo.

Ohi, avrà pensato: san Pietro è uno dei miei antenati,

vuoi che chi abita lì, siano anche loro così disastrati?

Ha poi attraversato Imola, poi Faenza e poi Forlì.

“Vicario, tutti comunisti?”. Sì, allora eravamo i più, proprio così!

È giunto a Rimini che dalla rabbia era nero,

doveva far qualcosa, questo era il suo più grosso pensiero.

“Vicario scrivi, tutti comunisti, segna, poi li metto a posto io,

  mi serve solo un po' di tempo e di salute, buon Dio!”.

Non c'è stato però niente da fare, nel prosieguo della vita, come si sa,

il suo cervello aveva perso un bel po' di facoltà,

poi, dopo una lunga agonia, il Padrone l'ha chiamato lassù

e si vede che l'avrà nominato ministro dei temporali di questo mondo quaggiù.

É probabile allora che gli sia tornato alla mente quel viaggio

e adesso vuole vendicarsi e la Romagna ridurla ad uno straccio.

Santità, lasci perdere, adesso non ci sono più i comunisti,

in alcune città comandano quelli di destra, imparentati coi fascisti.

Mi dia retta, se ne faccia una ragione prima o poi.

Quei democristiani di una volta oggi lo siamo noi.

Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna

LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI