Sanmauropascolinews.it
Sanmauropascolinews.it

Maroni-Trasparente-02-tiny.pngAL MADÒNI DI MIRECVAL - Cvèla ‘d Lourdes...

Par rivé ma la saènta gròta us travarsaèva straèdi pini d’incvèl,

bar, risturint, albirgh e butòighi duvò ch’un s’vandòiva gnent ‘d bèl.

U j era dal cadasi ‘d madunòini ‘d plastica, candòili e ricurdòin propi brot;

ai sem, ò pansaè, a cvè, cvei de’ pòst, e’ miraècval i l’aveu e tot,

sa che mocc ‘d zenta ch’i va vì sal sporti pini, j aferi in amaènca e i suld a gnenca,

acsè am zoir sgusté e a vègh e’ mi amoigh s’una brazaèda ‘d candòili ‘d zira bienca:

  “Mo set da faè la fugaròina?”.

  “Na, na, t'al se al dòni… l’è la mi mòi, la puròina!”.

 “A ma racmand sta tenti, guerda che s’t'ai scòt i pì la s’incaza,

   cvèsta l’è una madòna franzòisa, sè ch’la j è parmalòusa, us vòid da la faza!”.

  “Tè ci sempra e’ sòlit, èh!?”.

  “Vovè, mè a t’ò visé, adès fa tè!”.

Zòis al candòili, bbeu l’acva benedèta, insòma avem fat tot al devuziòun,

e cunvoint ch’us saria rivat ‘d sicheur de’ ben, as sem sluntané da cla cunfusiòun.

L’era e’ mert e, du dè dòp, me’ mi amoigh u j è 'rvat la nova che ma la su cugneda

u j era ciap un ictus a maròina e adès la j era 't l’òspedaèl e che par lì la j era sgneda.

E’ vendar un’ènta brota nova: e’ su ba l'era bèla in caèv ricoveraè 't l’òspedaèl.

E sabat matòina e’ ba l’era mort, via ‘d cheursa alòura par rivé pr’e’ funeraèl.

E lundè j à port e’ ba a sploil int e’ campsaènt.

Du dè dòp u j è tòch ma la cugneda a faè che taènt.

Al giòiva mè che al franzòisi l’era madòni permalòusi,

s’t’ai scot i pì, ènca par sbai, a s’la ciapa ch’an vo santoi scheusi!

LE MADONNE DEI MIRACOLI - Quella di Lourdes...

Per raggiungere la santa grotta si attraversavano strade piene di ogni cosa, 

bar, ristoranti, alberghi e negozi dove non si vendeva merce meravigliosa.

C’erano delle cataste di madonnine di plastica, candele e ricordini proprio brutti, 

ci siamo, ho pensato, qui quelli del posto il miracolo l’hanno già ricevuto tutti, 

con la gente che parte con le sporte piene, gli affari non mancano e i soldi neanche, 

così mi giro disgustato e vedo un mio amico con una scorta di candele bianche: 

“Ma cosa devi fare la focarina?”. 

“No, no, lo sai le donne… è mia moglie, la poverina!”. 

“Mi raccomando, stai attento, guarda che se le scotti i piedi si arrabbia, 

  questa è una madonna francese, sì che è permalosa, si vede dalla faccia!!!”. 

“Tu sei sempre il solito, èh!?”. 

“Ohi, io ti ho avvisato, adesso fai te!”. 

Accese le candele, bevuta l’acqua benedetta, insomma abbiamo fatto ogni devozione, 

e convinti che sarebbe arrivato del bene, ci siamo allontanati da quella confusione. 

Era il martedì, due giorni dopo al mio amico è arrivata la notizia che a sua cognata 

era preso un ictus al mare, adesso era in clinica, ma per lei era segnata.

Il venerdì altra brutta nuova: suo babbo era alla fine ricoverato in ospedale. 

Il sabato mattina il babbo era morto, di fretta allora per giungere  al funerale. 

Il lunedì hanno portato il babbo a seppellire nel camposanto.

Due giorni dopo è stata la cognata a fare altrettanto.

Lo dicevo io che le francesi erano madonne permalose,

se scotti loro i piedi, pure per sbaglio, se la prendono e non accettano scuse!

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...

Ultimi Commenti

Fabiola Urbinati ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Fatto ovvio che, chi ha bisogno di un'urgenza, vada aiutato sempre, io penso che le risorse vadano d...
Luigina Bruschi ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
È un pensiero pienamente condivisibile Don Paolo. Viviamo in un periodo storico drammatico dove l'eg...
Luca Ceccaroni ha inserito un commento in Un’ombra sulla nostra piazza
Grazie don Paolo per questa bella riflessione. Al di là delle logiche di parte e della ricerca osses...
Sergio Scarpellini ha inserito un commento in San Mauro saluta Sisto Rocchi
Riposa in pace caro amico Rocky, sarai sempre nei miei ricordi più belli. Ciao Sisto, Filippo.
Non so se e' meglio di Miro e Maroni ma sicuramente e' il sammaurese più innamorato del proprio paes...