Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

16.67°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 51%
Vento: W a 13.67 K/H
Sabato
Piogge Sparse
11.11°C / 19.44°C
Domenica
Temporali sparsi
8.89°C / 17.78°C
Lunedì
Acquazzoni
9.44°C / 19.44°C

At fat mond chilt minCarseu tra i marugheun e la canèza d’un fieun,
l’era vnu sò un imbranaè che propi e feva leun.
E acsè quant ch’e fot òura ch’l’andes pr’e’ su distòin,
par truvaèi una mòi u si cnet met drì parint e vsòin.
E una saibadga i la truvet, brota cmè una ròspa ‘d campagna,
mo ènca leu un era un gran casp, cio, e' signòur ui fa e pu u jacumpagna.
Quant che i su ‘d chi du sgumbjì i decidet ‘d spusaèi,
e' prit, poch dè pròima, ui mandet a ciamaè par cnòsi e cunsaèi.
J arivet insen e u j acumpagneva e' ba ‘d leu se' su machinòun,
un briaschini quèst ‘d quei ch’i vo sempra vòi rasòun.
J era tot troi disdòi dninz e’ prit ch’ui squadraèva
e che, u ne deva da vdòi, mo ui scapèva da roid pena ch’ui guardaèva.
La dòna la steva tòinca e impalaèda,
cmè s’la fos ingulaèda e’ mangh dla garnaèda,
al maèni incrusaèdi 't la faldaèda e l’an batòiva cei,
s’j occ sbaré a fisé e’ meur ch’un i vo gnent ch’la panses mi su cunei.
E muròus, tot vargugnòus, u n’avdòiva l’òura che ènca questa la fos fata
e un feva che gratès e’ còl, ènca parchè ui deva dan e nòud dla gruvata.
Pr’e’ ba, quèla l’era una sòira storta,
un steva ferum un mumòint e e guardaèva sempra vers la porta.
E’ prit e pruvet a faè dò ciacri par s-cioi e' giaz, j avòiva du occ spavanté,
mo l’arspundòiva sempra e’ ba, chilt deu zet e mòsca ch’in feva un fié.
E ènca quant ch’e dmandet me’ fiol s’l’era cuntent ‘d spusaè cla ragaza,
us faset avaènti e’ ba a doi: “Sì, sì, siamo contenti!” E us bichet ‘n’uciadaza.
Cio, e' prit us n’avet un po’ in a maèl, leu l’avòiva da stè zet e nu faè cumoint,
sèl stal ròbi, l’era e’ su fiol ch’l’avòiva da doi quei ch’l’era i su santimoint!
Nu fema roid e sema seri: un s’avòiva moiga da spusaè leu!
E acsè e’ prit e faset un’ènta dmanda guardend 't la faza ma chi deu:
    “Avete scelto la sposa in piena coscienza?
E par faèila capoi mèi ui deva s’una zerta insistenza.
Mo ènca stavolta, zet tè e zet mè, l’era cmè zcòr s’un mort,
e s’la còuda dl’òcc e zarcaèva e' su ba, ch’l’era staè leu ch’u l’avòiva port.
Ch’u ni mitet gnent a saltaè sò darnov e a doi s’la su preputenza:
    “Sì, sì, in piena coscienza!
Stavolta e’ prit us incazet da bon però:
    “Deve rispondere vostro figlio, avete capito o no?
Pròunt e’ ba, guasi ch’u s’l’aspites, ui fa:
    “Bèmo aziprit, u sa d'aiuté eun 't e’ bsògn o naaa?”

 

L'aiuto  nel  bisogno   

Cresciuto tra i cespugli e le canne di un fiume, \ era venuto su un imbranato che faceva lume. \ E così quando fu ora di andare per il suo destino, \ per trovargli una moglie ci si dovettero mettere dietro i  parenti e qualche vicino. \ E una selvatica la trovarono, brutta come una rospa di campagna, \ ma anche lui non era un granché, ohi, il signore li fa e poi li accompagna. \ Quanto i genitori di quei due strani decisero di sposarli, \ il prete, pochi giorni prima, li mandò a chiamare per conoscerli e confessarli. \ Arrivarono insieme e li accompagnava il babbo di lui col suo macchinone, \ uno furbettino questi di quelli che vogliono sempre avere ragione. \ Erano tutti e tre davanti al prete che li squadrava \ e che, non lo dava a vedere, ma gli scappava da ridere appena li guardava. \ La donna stava rigida ed impalata, \ come se si fosse ingoiata il manico della granata, \ le mani incrociate sulla gonna e non batteva ciglia, \ con gli occhi sbarrati fissi sul muro che non ci voleva  niente che pensasse alla sua coniglia. \ Il fidanzato, tutto vergognoso, non vedeva l’ora che anche questa fosse fatta,  \ e non faceva che grattarsi il collo, anche perché gli dava fastidio il nodo della cravatta. \ Per il babbo, quella era una sera storta, \ non stava fermo un attimo e guardava sempre la porta. \ Il prete provò a fare due chiacchiere per sciogliere il ghiaccio: avevano due occhi spaventati, \ ma rispondeva sempre il babbo, quei due zitti e mosca che non emettevano fiati. \ E anche quando chiese al figlio se era contento di sposare quella signorina, \ si fece avanti il babbo a dire: “Sì, sì, siamo contenti!” E si beccò un’occhiata cattivina. \ Ohi, il prete se ne ebbe a male, lui doveva stare zitto e non fare commenti, \ cosa sono queste cose? Era suo figlio che doveva dire quali erano i suoi sentimenti ! \ Non facciamo ridere e siamo seri: mica lui si doveva sposare! \ E così il prete fece un’altra domanda e in faccia a quei due non smise di guardare: \ “Avete scelto la sposa in piena coscienza?” \ E per fargliela capire meglio ci dava con una certa insistenza.  \ Ma anche questa volta, zitto io e zitto tu, era come parlare con un morto, \ e con la coda dell’occhio cercava suo babbo, che era stato lui che aveva provveduto al trasporto. \ Che non ci mise niente a saltare su di nuovo e a dire con la sua prepotenza: \ “Sì, sì, in piena coscienza!” \ Questa volta il prete si arrabbiò sul serio però: \ “Deve rispondere vostro figlio, avete capito o no?” \ Pronto il babbo, quasi se l’aspettasse, gli  gridò: \ “Ohi bene arciprete, si deve aiutare uno nel bisogno o no?”

Pin It