Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List
  • Dialetto
  • Sa vol doi: “Ti amo”?

  • “Cio, a pansaèva tra mè e mè

    che da quant ch'a sem incuntré e spusé,

    t'an me mai det una volta ch'l'è ona: ti
    amo
    !”.

    Ti amo? Mo sa pinsti 'd l'ès 't un cino americaèn?

    S'é t vest Via col vento?”.

    “Guerda che ti amo l'è italien nèt e s-cèt!”.

    “Mo valà, questi l'è ròbi da sgneur

    o 'd quei ch'j à studié e che adès i zcòr
    s'l'efèt,

    nòun a sem zenta a la bona,

    a sem carseu int dal caèsi da puret

    duò ch'us zcuròiva snò in dialèt,

    doi ti amo, l'era cmè doi una parulaza,

    in savòiva gnenca sèl ch'e vles doi,

    se propi u s'avòiva da faè un cumplimòint,

    la piò putaèna us giòiva: a t voi ben!”.

    “Um piasreb 'd savòi tè da duvò t ci vnu fura

    che gnenca a t voi ben, ta m'un l'é mai det!”.

  • Italiano
  • Cosa vuol dire: “Ti amo”?

  • “Ohi, pensavo tra me e me

    che da quando ci siamo incontrati e sposati,

    non mi hai mai detto una volta che è una: ti amo!”.

    “Ti amo? Ma cosa pensi di essere in un film americano?

    Cosa hai visto Via col vento?”.

    “Guarda che ti amo è italiano netto e schietto!”.

    “Ma valà, queste sono cose da signori

    o di coloro che hanno studiato e adesso parlano con l'effetto,

    noi siamo gente alla buona,

    siamo cresciuti in casa di poveretti,

    dove si parlava solo in dialetto,

    dire ti amo, era come dire una parolaccia,

    non sapevano neanche cosa volesse dire,

    se proprio si doveva fare un complimento,

    al più si diceva: ti voglio bene!”.

    “Mi piacerebbe sapere tu da dove sei scaturito

    che neanche ti voglio bene, me l'hai mai detto!”.

image
  • "At fat Mònd"

    Ciacri in fameja

    di Piero Maroni

Pin It