Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

  • Dialetto
  • Na, i n'à fat al paèrti giosti

    “Na, na, a ni sem, a ni sem!”.

    “Sa et da gnurgné?”.

    “I n'à fat al paèrti giosti int ste mònd,

      e un gn'è da maravies,

      i n'è ste gnenca bun 'd faèl tònd!”.

    “Us pò savòi sa coi che ta la é?”.

    “Tè fai caès, pr'al ròbi ch'a t fa de' ben,

      ui vo un sach 'd brèti, 

     par quèli ch'at dà de' dan,

     un gn'è bsògn 'd faè gnent,

     agl'j è sempra a lè a spacaè i mareun.

     Par staè ben ut vo la saleuta,

     par tè, pr'i tu e prinfena pr'i parint;

     t'epa e' lavòur, du suld,

     gnent debit e t sipa in paèsa sa tot;

     che la tu squaèdra de' cor

     la sipa in tèsta 't e' campionaè,

     e ch'e e' tu partoi e vòinza agl'j eleziòun.

     Quèst l'è sno snò un po' 'd tot quèl ch'ui vo,

     parchè, a pansaèi ben, un s'è moiga finoi.

     Par staè maèl e basta una mulòiga
    'd temp,

     t ci in biciclèta, t'at zoir un sgònd,

     t ciap una beusa e t ci 't e' fòs,

     it toira sò e ut dol tot inquèl

     che t chin cor dret 't l'òspedaèl,

     alè, spala ròta, uperaziòun

     e mois e mois 'd duleur e nujèza a stof.

     A t n'un degh un'ènta,

     ò fat i cheunt d'una mi zurnaèda pursì:

     par faè claziòun, praènz, imbrenda e zòina,

     ai met 'na mezurèta o poch piò,

     par vintrè òuri e mèz us pò doi

     ch'an ingòul un bcòun 'd magné,

     mo la matòina dòp am met sla blaènza

     e darnov a sò ingrasé un ènt po'.

     Cio, e paèr ch'is sepa mes a què

     par faès un dispèt i nost padreun a lasò,

     mo quant ch'a j incuntrem,

     òs-cia, sa j e fem nòun e' vintsèt!”.

  • Italiano
  • No, non hanno fatto le parti giuste

    “No, no, non ci siamo, non ci siamo!”.

    “Cos'hai da brontolare?”.

    “Non c'è giustizia in questo mondo,

      e non è da meravigliarsi,

     neanche son riusciti a farlo tondo!”.

    “Si può sapere con chi ce l'hai?”.

    “Tu facci caso, per ciò che  ti va bene,

     ci vogliono tantissime  condizioni, 

     per quelle che ti danno del danno,

     non occorre fare niente,

     sono sempre lì a rompere le scatole.

     Per stare bene occorre la salute,

     per te, per i tuoi e persino per i parenti; 

     che tu abbia il lavoro, due soldi,

     niente debiti e in pace con tutti;

     che la tua squadra del cuore

     sia in testa nel campionato,

      e che il tuo partito vinca le elezioni.  

     Questo è solo un po' di ciò che ci vuole,

    perché, a pensarci, l'elenco mica è finito.

    Per star male basta una attimo
    di tempo,

    sei in bicicletta, ti giri un secondo,

    prendi una buca e sei nel fosso,

    ti sollevano e ti duole tutto

    che ti tocca correre dritto in ospedale,

    alè, spalla rotta, intervento chirurgico

    e mesi e mesi di dolori e noia infinita. 

    Te ne dico un'altra,

    ho fatto i conti di una giornata qualsiasi:     

    per colazione, pranzo, merenda e cena,

    impiego una mezz'oretta o poco più,

    per ventitre ore e mezzo si può dire

    che non  inghiotto un boccone di cibo,

    ma la mattina dopo mi peso

    e sono di nuovo ingrassato un altro po'.

    Ohi, sembra ci abbiano collocato qui

    per farci un dispetto i padroni lassù,

    ma quando li incontreremo,

    orca, se glielo faremo noi il rendiconto!”.

Maroni Piero - Ciacri in fameja

Pin It
Aggiungi commento
Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


LE STORIE DEL MAESTRO PIERO

ULTIMI COMMENTI