Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Parzialmente nuvoloso

16.67°C

Parzialmente nuvoloso
Umidità: 51%
Vento: W a 13.67 K/H
Sabato
Piogge Sparse
11.11°C / 19.44°C
Domenica
Temporali sparsi
8.89°C / 17.78°C
Lunedì
Acquazzoni
9.44°C / 19.44°C

Maroni Foli SturieliLa sòira dla vzoilia 'd nadaèl d'una mocia 'd an fa 't una  caèsa d'un paistòin
du vcet, mòi e maroid, i guardaèva s'la tèsta 'd spunteun la fiamba de' camòin.
   “A sarem du sgrazié?”, e giòiva leu, “Guerda cmè ch'a sem ardot,
   i fiul i s'è scurd 'd nòun, a n'avem un sold e gnenca la saleuta, ah, a sem i pez 'd tot!”.
   “E admaèn e sarà ènca  pez”, la andaèva avaènti lì, “cmè ch'la finirà a ne sò,
   intaènt e' fugh e sta par smurtaès e dla legna un gn'è n'è guasi piò!”
   “T'é rasòun, pez d'acsè la nòsta voita l'àn putòiva finoi, a sem du strupaciòin,
   e pansaè ch'avem sempra prigaè e cardeu 't e' nòst signuròin!”.
   “Mo...ssè, ènca leu u s'è scord 'd neun,
   a daès una maèna un gn'è piò niseun,
   l'è piò d'una stmaèna ch'an fem che magné pulenta,
   a j ò una fata faèna ch'a daria ad mors ma la zenta!”.
E tra un lamòint, un cieul e una pianzeuda,
us santet da d'in aèlt una vòusa ch'un sa capoiva cumò ch'la era vneuda:
   “Sono un angelo inviato dal Signore,
   che vuole premiarvi per il vostro religioso fervore,

posso concedervi tre grazie, chiedete pure adesso,
   tutto ciò che volete immediatamente vi sarà concesso!”.
   “Èh  sè” e ghignet e' vècc a santì 'csè, “quèsta mo la è bèla,
   se fos vèra, magari ch'a putes 'vòi una bèla fiurantòina sla gardèla!”
Zac, gnenca e' temp d'arfiadaè, che una laèrga e gròsa fiurantòina
la sfrizòiva sla gardèla s'un udòur ch'l'impinoiva la cusòina.
   “Mo che raza d'invurnoi t ci?”, e det sò la mòi incazaèda sa leu ch'e steva zet,
   “mo us pò struscié una graèzia pr'una fiurantòina? Ch'ut casches e' braz dret!”
E zac un'aènta volta, e' e braz dret d'l'òm u sa ruzleva 't e' sulaèr impurbié.
Cio, che mogg ch'e feva e' vècc: “Brota stroiga, mo se t fat, ta me strupié
   e adès a campaè la voita ardot acsè cmè ch'a faz?”
   “Mo dai”, la i feva lì, “sa vut che sipa pr'un braz,
   u sé vaènz ancòura una graèzia da spend e nu fa e' samblèm,
   fesmi daè una muntagna 'd sold che pu a cumprem tot quèl ch'a vlèm,
   a putem campaè j an ch'u s'avaènza cmè di sgnureun,
   tè t pu faè ènca senza un braz, ta ne moiga da lavuraè, ul farà i nost garzeun!”.
J andet avaènti pr'un bèl po' a faè e sfaè di gran pruget
fena a che e' vècc, ch'l'avòiva pers la pazinzia, da sèch e ruget:
   “Tè t pu doi sèl ch'ut paèr, mo mè a voi indrì e' mi braz!”
Zacchete, int un sbres e' braz l'artunet 't e' su pòst e 't i su straz,
snò che al graèzi agl'j era finoidi, l'anzal l'avòiva ciapaè e' vòul pr'e' paradois
e ma lòu un gn'era vaènz gnent parchè tot l'era zà staè deciois.
E la fiurantòina? Gnent, gnenca quèla, i s'l'era scorda se' fugh par badaè ma sti fat,
e acsè intaènt la era dvent un pèz 'd carbòun gnenca piò bona pr'e' gat!”

 

Quella dei due poveretti

La sera della vigilia di natale di tanto tempo fa in una casa di un paesino \ due vecchietti, moglie e marito, fissavano a testa china la fiamma del camino. \ “Saremo due disgraziati?”, diceva lui, “Guarda come siamo aggiustati, \  ah, siamo i peggiori di tutti, non abbiamo un soldo e neanche la salute, i figli di noi si sono dimenticati!”. \ “E domani sarà anche peggio”, continuava lei, “come finirà io non so, provaci tu, \ intanto il fuoco sta per spegnersi e della legna non ce n'è quasi più!”. \ “Hai ragione, peggio di così la nostra vita non poteva finire, siamo due ruderi senza valore, \ e pensare che abbiamo sempre pregato e creduto nel nostro signore!”. \ “Massì, anche lui si è dimenticato di noi, \ a darci una mano non c'è più nessuno dei suoi, \ è più di una settimana che non facciamo che mangiare polenta, \ ho una fame che darei di morso alla gente!”. \ E tra un lamento, un gemito e un pianto, \ si udì dall'alto una voce che non si capiva da dove era venuta così d'incanto: \ “Sono un angelo inviato dal Signore, \ che vuole premiarvi per il vostro religioso fervore, \ posso concedervi tre grazie, chiedete pure adesso, \ tutto ciò che volete immediatamente vi sarà concesso!”. \ “Èh sì”, ghignò il vecchio nel sentire così, “questa è proprio bella, \ se fosse vero, magari potessi avere una bella fiorentina sulla gratella!”. \  Zac, neanche il tempo di fiatare, che una larga e robusta fiorentina \ sfrigolava sulla graticola con un profumo che riempiva la cucina. \ “Ma che razza di rincoglionito sei?”, diede su la moglie arrabbiata con lui che stava zitto, \ “ma si può sciupare una grazia per una fiorentina? Ti cadesse il braccio dritto!”. \ E zac un'altra volta, e il braccio destro dell'uomo ruzzolava sul pavimento impolverato. \ Ohi, che muggiti che emetteva il vecchio: “Brutta strega, ma cosa hai fatto, mi hai rovinato \ e adesso a campare la vita ridotto così come faccio?”. \ “Ma dai”, rispondeva lei, “cosa vuoi che sia per un braccio, \ c'è rimasta ancora una grazia da spendere e lo sciocco non fare, \ facciamoci dare una montagna di soldi che poi compriamo tutto ciò che si può desiderare, \ possiamo campare gli anni che ci restano come dei signoroni, \ tu puoi fare anche senza un braccio, mica devi lavorare, lo faranno i nostri garzoni!”. \ Andarono avanti per un bel po' a fare e disfare progetti all'infinito \ fino a che il vecchio, che aveva perso la pazienza, improvvisamente urlò puntando il dito: \ “Tu puoi dire ciò che ti pare, ma io rivoglio il mio braccio!”. \ Zacchete, in un attimo il braccio ritornò al suo posto e nel suo straccio, \ solo che le grazie erano terminate, l'angelo aveva preso il volo verso il paradiso \ e a loro non era rimasto niente perché tutto era già stato deciso. \ E la fiorentina? Niente, neanche quella, se l'erano dimenticata per occuparsi di questo fatto, \ e così intanto era divenuta un pezzo di carbone neanche buona per il gatto.

 

Pin It