Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

di Gianfranco Miro Gori

Pascoli film narratoreDomenica primo dicembre nella Torre è stato presentato, in anteprima nazionale, Narratore dell'avvenire. Un film su Giovanni Pascoli poeta diretto da Mauro Bartoli della durata di 52 minuti. Si tratta di un classico film di montaggio - come si diceva un tempo - che racconta la vita del Poeta mescolando documenti di vario genere.

Il film, sia detto in via preliminare, supera brillantemente un primo ineludibile scoglio costituito dalla necessità di utilizzare materiali eterogenei che spesso conducono gli spettatori all'impressione non di una storia coerente e avvincente ma di un collage, di un'antologia. Niente di tutto questo. Il racconto scorre fluido senza alcun intoppo. Nello stesso tempo il regista riesce a presentare un Pascoli “inedito” elaborando cinematograficamente le nuove informazioni che provengono, da ultime, dall'apertura al pubblico del carteggio col fratello Raffaele, fino a ora secretato, ma soprattutto facendo tesoro del grande lavoro compiuto negli ultimi vent'anni dal comune di San Mauro Pascoli e dal Museo Casa Pascoli, che ne è un'emanazione, verso una autentica rivoluzione nella biografia pascoliana fondata sul lavoro, pur fondamentale, della sorella Maria e dei suoi sodali.

 

Nel materiale informativo distribuito nella serata si legge: “Il racconto si struttura intrecciando la voce profonda di Giovanni Pascoli con gli interventi di studiosi, storici ed intellettuali che parlano della sua vita e dalla sua poesia. La narrazione è scandita dalla recitazioni dei suoi versi e da materiale di repertorio. La colonna sonora, un brano di Pietro Mascagni composto per Pascoli e riprodotto per la prima volta nel film, è impreziosita dalla bellissima interpretazione di Gianmaria Testa della poesia X agosto”. Nella colonna ricorrono le letture di Lino Guanciale e anche la voce di Gassman e Battiston. Non manca un brano di una preziosa intervista radiofonica fatta a Maria.

L'ottimo lavoro di Bartoli è stato preceduto da non molti film. Ma il rapporto Pascoli e il cinema, medium che non attirò l'interesse del poeta in vita, è tutto da indagare. Cito, procedendo a ritroso, le opere i di cui sono a conoscenza: Giovanni Pascoli: 1912 l'ultima passeggiata (2012) documentario di Diego Zicchetti e Francesca Magnoni. Sempre del 2012 è Pascoli a Barga di Stefano Lodovichi, che mescola documenti e fiction. Arretrando appena al 2010, il film di documenti Giovanni Pascoli, realizzato da Paolo Boneschi per la televisione. Esiste un solo film narrativo di lungometraggio dedicato alla biografia del poeta, Cavallina storna di Giulio Morelli del 1953, ma uscito qualche anno appresso. Era stato preceduto da un cortometraggio del 1952 pressoché con lo stesso titolo, La cavallina storna di Guido Guerrasio che mescola ripresa dal vero e narrative.

Arretrando ancora fino al cinema muto, rammento che qualcuno mi ha parlato di un documentario sui funerali del poeta (un evento d'importanza nazionale che sarà stato sicuramente filmato) ma non ne ho trovato traccia; non mi riferisco solo alla pellicola ma pure alle fonti scritte - anche se debbo confessare di non aver fatto ricerche particolarmente approfondite. Tornando al presente, uno tra i principali registi italiani, Marco Bellocchio, non ha mai celato il suo interesse per Pascoli, progettando un film narrativo di lungometraggio, senza approdare almeno per il momento alla realizzazione. Da questo interesse sono comunque scaturiti, in occasione di laboratori da lui diretti, uno a Rimini l'altro a Bobbio, Un filo di passione (1999), sul rapporto tra il poeta e la sorella Mariù, e La cavallina storna (2005). Un altro maestro del cinema italiano molto interessato a Pascoli e alla realizzazione di un film su di lui è Pupi Avati.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna