Logo new 02

Maioli davide SammaureseLa scorsa stagione la Sammaurese faceva parlare per la sua difesa granitica, la migliore del campionato. Quest’anno fanno rumore le due sconfitte deflagranti (4-0 con Cesena e Francavilla) che valgono più della metà dei gol presi. Eppure a una lettura più attenta la squadra giallorossa quest’anno va meglio: 11 punti in 9 partite sono più rassicuranti degli 8 dodici mesi fa nello stesso periodo, tra l’altro inizio di un buco nero di 5 sconfitte in serie in ottobre.

Ne è convinto Davide Maioli (nella foto di Mauro Penzo), volto nuovo della retroguardia, che dà un giudizio positivo all’inizio di stagione. “Perdere per due gare per 4-0 fa sicuramente parlare, ma non deve inficiare il buon lavoro di insieme che abbiamo fatto – spiega l’ex Forlì – Le sconfitte bisogna anche leggerle: arrivano da errori iniziali che di fatto pregiudicano poi il resto della gara. Se guardiamo le altre partite non solo abbiamo preso pochi gol, ma anche i pericoli sono stati minimi. Il passaggio alla difesa a 3 poi ha migliorato le cose”.

Già, il cambio di modulo, una delle grandi novità targate Mastronicola dopo anni di difesa a 4. “Il modulo conta fino a un certo punto, non è quello che ci fa cambiare approccio e mentalità. Diciamo che per caratteristiche nostre è quello che meglio si addice a noi: consente più uomini in fase offensiva e una maggiore copertura con gli esterni. Personalmente lo prediligo”.

Maioli, dopo un inizio di stagione da spettatore, dal secondo tempo col Cesena in poi è sempre partito dal primo minuto. “Sapevo che mi sarei dovuto conquistare il posto, venivo in una squadra rodata da anni di esperienza e affiatamento. Mi sono messo a disposizione, senza lamentarmi della panchina, e ho risposto presenta alla prima chiamata. Per ora sono soddisfatto delle prestazioni ma è certo troppo presto per fare bilanci”.

Tanto più guardando il match di domenica prossima (4 novembre) contro la capolista Matelica. “In realtà le gare in questo girone sono tutte dure, basti vedere la trasferta di Avezzano, squadra per nulla da ultimo posto. Poi è vero, ci sono dei valori e il Matelica li esprime al massimo. Ma non sarà un pomeriggio semplice neanche per loro”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna