Logo new 02

Filippo Fabbri

Bonandi Thomas 100 golCosa sta succedendo alla Sammaurese? Gli echi del derby vinto contro la Savignanese sono lontani, come i tre punti conquistati più di un mese fa varcando il Rubicone dei vicini. Da allora manciate di pareggi a non finire (3 che hanno portato a 10 la sfilza, in vetta col Francavilla) e due sconfitte. Totale: 3 punti in cinque partite. E così la zona playout che pareva a distanza di sicurezza si è improvvisamente fatta sismica (+5), minando un ambiente fino poco tempo fa tranquillo. È la prima vera crisi dei giallorossi targati Mastronicola, sintomatica di un periodo quanto meno di riflessione. Importante, per invertire il trend negativo, il match casalingo di domenica contro la Vastese (inizio ore 14.30).

A tranquillizzare l’ambiente ci pensa capitan Thomas Bonandi pronto a prendersi il carico di responsabilità e guardare il bicchiere mezzo pieno.
Un momento di flessione ci sta. Nel finale d’andata eravamo un po’ sulle gambe, la rosa è corta e abbiamo avuto 2-3 infortunati, e così in campo sono andati quasi sempre gli stessi. Sono certo che se giochiamo come contro il Montegiorgio ne perdiamo poche. In campo c’è stata solo una squadra, la Sammaurese. La sconfitta è stata un insulto al calcio”.

Bonandi aveva segnato il gol del pareggio che l’arbitro ha annullato per fuorigioco di Scarponi sulla traiettoria della palla.
In realtà è stata una decisione del guardialinee, e questo ci fa ancora più arrabbiare. Mi chiedo cosa abbia potuto vedere da quella distanza quando l’arbitro aveva convalidato. Aggiungo che il portiere non aveva neanche protestato”.

E così Bonandi rimane a quota un gol, anche se da cineteca col Forlì.
E’ stato il gol più bello degli oltre cento che ho fatto a San Mauro. Mi brucia però un solo sigillo”.

I punti in classifica sono 25 punti. Soddisfatti?
Sono quelli dell’andata, quota che ci eravamo prefissati. Certo qualcosa abbiamo lasciato per strada, ma nell’arco di tante gare ci può stare. Più che altro non sarà semplice salvarsi, perché la classifica è molto corta, ci sarà da sudare parecchio.

Una gara che vorrebbe rigiocare?
Ne dico due. Prima di tutto il Cesena. Per 20 minuti siamo stati alla pari, poi abbiamo sbandato paurosamente. Il divario tra le due squadra non è da quel punteggio finale (4-0 il finale, ndr). Tra dieci giorni ci sarà la rivincita”.

L’altra?
Domenica scorsa col Montegiorgio. Uno scandalo tornare a casa senza neanche un punto”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna