Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Mailing List

Filastrocchedi Piero Maroni  

La filastrocca è una composizione in versi con rime molto semplici o con facili assonanze, parole di uso comune e ha come caratteristiche principali il ritmo, la ripetizione, le sonorità e un carattere prevalentemente vivace e divertente
 Ha origini popolari ed è un genere poetico antico: numerose filastrocche venivano tramandate oralmente di generazione in generazione e per questo spesso se ne conoscono più versioni.
 Solitamente si recitavano più e più volte così a furia di ascoltarle, ogni generazione le imparava dalla precedente.
C’erano filastrocche per tutte le occasioni: per dormire, per calmare, per giocare, per far divertire, per raccontare, per intrattenere e anche per insegnare un comportamento da tenere. Da sempre le filastrocche fanno parte della cultura di tutti i popoli. Ne esistono di diversi tipi e con una funzione molto precisa, raccontare in modo divertente storielle in rima, descrivere buffi personaggi,  oppure spaziare liberamente sui mesi, i mestieri, le stagioni, le feste, gli animali, le cose, …

 Ci sono filastrocche per giocare con le parole il cui fine è il divertimento, filastrocche per fare addormentare i bambini (le ninne-nanne) e filastrocche per decidere a chi tocca iniziare per primo un gioco di bambini (conte). Eccone una raccolta per varie occasioni.

  • Daza minaza

    farem la tòurta in piaza

    la farem dura

    passarem le mura,

    mura, muraia,

    la fira 'd Sanigaia,

    la fira 'd san Martòin:

    bota zò che bèl burdlòin.


    Daza, minaza

    e' ba e va a caza,

    a caza de' bubù,

    bota laggiù, laggiù...


    U j era una volta

    Bèca Ritorta

    e ciapa la sporta

    e via che va.


     Nina Cunchèta

    la mi ma l'è andaè a la mèsa

    a caval d'una zvèta,

    la zvèta la scapuzet,

    trentasì us n'a mazet,

    u s'amazet che puròin

    ch'l'andeva int e' mulòin

    s'un paèra 'd capeun

    da purtaè mi free Simòun,

    i free Simòun in gn'era,

    u j era la Diana ch'la feva al papardèli,

    la m'n'un daset ona,

    la m'n'un daset un'aènta

    e la la mitet sla baènca,

    la baènca la j era ròta e sòta u j era e' pòz.

    E' pòz l'era vècc

    e sòta u j era e' spècc,

    e' spècc l'era intoigh,

    merda in bòca ma coi ch'e sta a santoi.


    Quant ch'a s'era piculein

    a badaèva un baganein,

    adès ch'a sò grand e gròs

    an baèd ènca sèt o òt.

    Ai purtaèva 't la vegna

    is magneva la gramegna.

    Andet a caèsa, la mi ma

    la j avòiva fat la pulenta,

    ai n'un dmandet una fèta,

    l'am tiret la palèta,

    e mi ba s'un scarpòun

    um rumpet e' grupòun.


    Saèlta Grilòun l'era e' mi ba,

    la Fasulòuna l'era la mi ma,

    niseun us putrà inamuraè:

    scaèrpi, calzèti,

    calzeun, braghèti,

    ch'in li epa da smardaè!


  • Zucca Pelata fa i tortelli

    e non dà niente ai suoi fratelli

    i suoi fratelli fan la frittata

    e non danno niente alla sdentata.


  • Patèr

    scaèrpi 'd fèr

    calzet 'd laèna

    e e' patèr al gem

    staèlta stmaèna.


     Quèsti l’è al tèti,

    quèsti l’è al còsi,

    quest i fiench

    e questa l’è…

    la machina da faè i french.


  • Pustin, u j è la pòsta?

    Na, t faré a pòsta

    a doi ch'un gn'è la pòsta,

    che t vin a pòsta

    par purtaè la pòsta.


     Mòina la stanga

    fa e' panòin

    fan de' grand

    e fan de' znòin,

    fal par mè,

    fal par tè,

    fal par che vècc

    ch'e ven da Furlè.


 
  • Daza minaza

    faremo la torta in piazza

    la faremo dura

    passeremo le mura.

    mura, muraglia,

    la fiera di Senigallia,

    la fiera di san Martino,

    butta giù quel bel bambino.


    Daza minaza

    il babbo va a caccia

    a caccia del bubù,

    butta laggiù, laggiù...


    C'era una volta

    Becca Ritorta

    prende la sporta

    e via che va


     Nina Cunchèta

    mia mamma è andata alla messa

    a cavallo di una civetta,

    la civetta inciampò

    trentasei se ne ammazzò,

    si ammazzò quel poverino

    che andava nel mulino

    con un paio di capponi

    da portare al frati Simoni,

    i frati Simoni non c'erano

    c'era la Diana che faceva le pappardelle,

    me ne diede una,

    me ne diede un'altra

    e la mise sulla panca

    La panca era rotta e sotto c'era il pozzo.

    Il pozzo era vecchio

    e sotto c'era uno specchio,

    lo specchio era antico,

    Merda in bocca a chi mi sta ad ascoltare.


    Quand'ero piccolino

    badavo un maialino

    adesso che sono grande e grosso

    ne bado anche sette o otto.

    Li portavo nella vigna

    si mangiavano la gramigna.

    Andai a casa, la mia mamma

    aveva  fatto la polenta,

    gliene chiesi una fetta,

    mi tirò la paletta,

    il mio babbo con uno scarpone

    mi ruppe il groppone.


    Salta Grillone era mio babbo,

    la Fagiolona era la mia mamma.

    nessuno si potrà innamorare:

    scarpe, calzetti,

    pantaloni, mutande,

    che non li abbiano da smerdare.


  • Zoca Pilaèda la fa i turtel

    e l'an dà gnent mi su fradel

    i su fradel i fa la farteda

    e in dà gnent ma la sdanteda


    Preghiera

    scarpe di ferro

    calze di lana

    la preghiera la diciamo

    quest'altra settimana.


     Questo è il seno,

    queste son le cosce,

    questi sono i fianchi

    e questa è...la macchina

    per fare i franchi.


  • Postino, c'è la posta?

    No, farai apposta

    a dire che non c'è la posta

    che vieni apposta

    per portare la posta.


     Tira la stanga

    fa il panino

    fanne del grande

    e fanne del piccino

    fallo per me,

    fallo per te,

    fallo per quel vecchio

    che viene da Forlì.


 

(Continua)

 

Pin It